I 10 serpenti più velenosi e letali al mondo con video

I serpenti possiedono un fascino tutto loro ma risultano essere anche molto pericolosi tanto da meritarsi un primato: quello che li colloca al primo posto a livello mondiale come animali che causano maggior decessi nel mondo. Alcune razze sono completamente innocue, su 3350 specie di serpenti circa un decimo è velenoso, alcuni con il loro morso sono in grado di uccidere in pochi minuti o in alcuni secondi.
Scopriamo insieme attraverso le informazioni ed il video quali sono i 10 serpenti più velenosi e letali del mondo e iniziamo con il vedere qual’è quello che detiene il primato per la sua aggressiva letalità: il serpente Taipan dell’interno.

Classifica 10 serpenti più velenosi

  1. Il primo posto per il serpente più velenoso al mondo se lo aggiudica
    Samsung
    Samsung

    il serpente Taipan, vive in Australia e si suddivide in tre specie tutte velocissime e rapide nel mordere. Troviamo l’Oxyuranus microlepidotus, o Taipan interno, quello costiero Oxyuranus scutellatus, infine l’Oxyuranus temporalis. Vivono e popolano varie zone desertiche dell’Australia, fino ad arrivare all’Australia Meridionale e al nordovest del nuovo Galles del Sud. I Taipan costieri si trovano nella zona costiera del Nord e del Nord – Est del paese. A loro lunghezza varia e può raggiungere dai 2,5 ai 3 metri, mentre il morso più velenoso è quello del Taipan dell’interno. Il suo veleno interagisce con la coagulazione sanguigna e può portare alla morte in 45 minuti, il valore di tossicità LD 50 è 0,025 mg/kg. Ben sette volte più tossico del veleno di un serpente a sonagli. – Oltre a questa specie il serpente di mare Belcher è considerato altrettanto letale si tratta dell’ hydrophis belcheri, LD 50 0,00025, il serpente di Belcher è un Elapide, ampiamente diffuso nell’oceano indiano, nelle Filippine, nel golfo di Thailandia, in Australia , in Caledonia, nelle isole Solomon etc. Necessita di aria e respira aria ma può trattenere il respiro per ben 8 ore, possiede una coda a paletta che lo rende un abile nuotatore, lungo da 50 cm in su puo raggiungere un metro. Difficilmente attacca o morde l’uomo se non pesantemente minacciato per questo viene considerato non pericoloso anche se il suo veleno è letale e può uccidere anche molte persone come quantità inoculata.

  2. Il secondo posto della classifica per serpenti velenosi e letali del oxyuranus-scutellatus-3mondo e della terra se lo aggiudica lo Pseudonaja textilis comunemante denominato serpente bruno, diffuso in Australia, Nuova Guinea ed Indonesia. Il suo LD50 è pari a 0,0365 mg/ kg. Si tratta del secondo serpente più velenoso del pianeta e con 0,07 g del suo veleno è in grado di uccidere un uomo. La lunghezza media di questa specie varia dai 1,5 metri fino ad un massimo di 1,8 metri e, molto raramente, riesce a superare tale misura. Il suo habitat è vario e lo si può trovarare sia nelle foreste che nelle praterie, è veloce ed aggressivo ed in taluni casi rincorre le sue vittime. È un cacciatore diurno.
  3. Il terzo posto se lo aggiudica il Taipan della costa o
    costa
    Taipan della costa

    Oxyuranus scutellatus, di cui vi ho già anticipato, fratellastro minore del serpente più velenoso della terra. Se non trattato con un antidoto il grado di mortalità è del 100 %.

  4. Il serpente che si aggiudica il 4° posto per velenosità è di origini asiatiche, vive in Cina, in Asia, a Taiwan ed in Birmania, si tratta del
    bungaro
    Krait cinese

    Bungarus multicinctus o Krait cinese. Vive iin zone di media altezza e lo si può incontrare, anche se raramente, intorno ai 1300 metri di altezza. Puo raggiungere i due metri di lunghezza ed è caratterizzato da un colore bianco e nero a righe. Di giorno si rifugia in posti sicuri, spesso sotto le pietre mentre è un rettile notturno, ed è quindi di sera che esce allo scoperto divenendo peticoloso ed aggressivo. Il suo LD 50 è di 0,108 mg/kg. I sintomi di questo morso non sono subito evidenti e talvolta si può non accorgersi o sottovalutare il morso che se non trattato tempestivamente porta alla morte per soffocamento nell”80% dei casi, mentre se trattato nel 20% 40 % dei casi.

  5. Notechis ater niger o serpente tigre nero è il quinto serpente più
    occident
    Serpente tigre nero

    velenoso al mondo. Di color nero. Si tratta di un serpente molto aggressivo che vive in Australia e nella Tasmania. Attacca con facilità inoculando un veleno contenente neurotossine coagulanti e, se non trattato il suo morso porta alla mortalità nel 50 % dei casi, causando sudorazione, asfissia, paralisi. Contrariamente il morso opportunamente trattato non è quasi mai letale il suo LC 50 è 0,131 mg/kg.

Vediamo altri 5 serpenti velenosi

Dopo aver visto i 5 serpenti più pericolosi della terra andiamo a scoprire gli altri 5 che completano la classifica dei 10 serpenti più velenosi e talvolta letali al mondo.

Al 6 e al 7 posto inseriamo due specie che vivo o in mare ma talvolta si spingono anche sulla terra sono:

Pelamis platurus o serpente dalla pancia gialla o ventre giallo vive nelle acque temperate delle coste esempio alle Awaii, di lunghezza variabile tra i 70 cm ai 90 cm. LD50 0,067 mg/kg

0637

Acalyptophis peronii detto comunemente serpente di mare dalla testa spinosa o cornuto. Vive nel golfo del Siam in Thailandia, Vietnam, mare Cinese, Nuova Guinea, Isole del mare dei Coralli, Australia etc. Il suo LD50 è di 0,0 79 mg/ kg. I serpenti di mare velenosi sono molti ma difficilmente attaccano l’uomo e per questo risultano essere meno letali o pericolosi di altri rettili che vivono sulla terra e che realmente possiedono un veleno meno pericoloso.

102255860-385a95ac-69ce-4aee-8408-94a555a4eafb

       Credit foto nationalgeografic.it                                                  Serpente di mare dalla testa spinosa

Serpenti velenosi nel mondo

echis-carinatus-vipera-01
Vipera rostrata squamata

Diciamo che la classifica in relazione ai vari esperti può variare anche in relazione alla pericolosità ossia al tipo di serpente, alla sua diffusione parallelamente alla sua aggressività, tenendo conto di ciò vediamo chi si aggiudica il 7 ° posto ma sempre escludendo i vari serpenti d’acqua citati, potrebbe classificarsi anche al 5° posto, si tratta della vipera rostrata squamata appartenente alla famiglia dei Viperidi che causa ogni anno molti decessi. Il suo LD 50 è di 0,151 mg / kg e se non trattato il morso porta all morte nel giro di 2 o 3 giorni il 20 % dei morsicati per difetti di coagulazine ed emorragie interne.

Seguono all’8° al 9° e al 10 ° posto tre serpenti d’acqua:

– Il serpente di mare con becco o serpente di mare Valakadyn, ossia Enhydrina schistosa con L50 di 0,112.

– All’ottavo posto troviamo tra i serpenti più velenosi del mondo il cobra d’acqua a bande, o Naja annulata, variopinta può raggiungere i due metri di lunghezza. Vive africa, Angola, Guinea. Dal carattere timido difficilmente esce dall’acqua o scende per andare sulla terra ferma, ciò ne limita di molto la pericolosità. LD50 0,143 mg / kg

– Il cobra d’acqua del Congo o Naja christyi conosciuto anche con il nome di cobra d’acqua di Christycon LD50 pari a 0,121mg/kg e detiene il nono posto della classificaca dei serpenti più velenosi della terra.
– Infine, al decimo posto possiamo collocare il serpente di mare con becco o serpente di mare Valakadyn, ossia Enhydrina schistosa con L50 di 0,112, seppur meno letale di altri serpenti d’acqua questa specie è responsabile di un gran numero di decessi in virtù della sua attività che si svolge sia di giorno che di notte sia in terra che in acqua, inoltre è una specie molto aggressiva che tende ad attaccare. Dal colore grigio a bande supera di poco il metro di lunghezza. Una lunga carrellata di esemplari sia di terra che d’acqua molto velenosi e talvolta letali, ma ricordiamo che i fattori che influenzano la pericolosità di un serpente sono molti e vari, incluso l’ambiente in cui vivono le ore in cui sono attivi e la loro reale aggressività non basta il veleno ed il suo valore L50 a rendere pericoloso un serpente, basti pensare ad un grosso stritolatore come l’anaconda od il pitone grandi serpenti che trovate nel video annesso, questo proprio per darvi una visione d’insieme di questi rettili.

Ti potrebbe interessare:

Credit foto wikipedia – la telanera.com – video youtube

Fonte http://selectedhealth.org -latelanera.com – wikipedia – it.oggiline.com – ferrucciogianola.com

Spread the love
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Mara Mencarelli

Autrice, blogger, webeditor, freelance, amo scrivere da sempre, ma adoro anche ballare ed insegno caraibici. Ho una splendida famiglia con 3 figli. Mi appassiona l'arredamento, il giardinaggio, il fai da te, la medicina la psicologia, la cucina, la moda, lo sport, e molte altre cose di cui vi racconto e vi parlo nel mio blog. Hai una domanda da farmi o cerchi collaborazioni o pubblicità? Scrivimi! Ti risponderò quanto prima :-) Conctat me maraoya21@gmail.com

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *