Il libro che rende l’acqua potabile

 

dribookCari amici di Notizie in Vetrina, vi starete chiedendo sicuramente se c’è un errore nel titolo, e come sia possibile per un libro rendere l’acqua potabile, ma vi assicuriamo che è così. Non si tratta di magie o stregonerie vudù, ma bensì di un nuovo ritrovato della chimica. Teri Dankovich è la ricercatrice che ha messo appunto questo nuovo metodo di purificazione delle acque contaminate. Il libro è frutto del lavoro di anni passati nelle università di Pittsburg, della Virginia e del Canada. Grazie al libro, che ha superato brillantemente le prime due fasi di test, si potranno purificare 100 lt di acqua con una pagina. Inoltre il suo livello di purificazione è veramente alto: in media riesce a rimuovere e ad eliminare il 99% dei batteri nell’acqua. I test sono stati condotti in primis nei laboratori, e poi in 25 fonti d’acqua inquinate del Sud Africa, del Ghana e del Bangladesh. Con un libro si stima di poter produrre il fabbisogno di bere di un uomo adulto per 4 anni. Potrebbe davvero essere una soluzione al problema dell’acqua nei paesi del terzo mondo, ma bisogna ancora attendere dei perfezionamenti che eliminino anche virus e protozoi, in modo da rendere la purificazione perfetta.

 

Come funziona il libro che rende l’acqua potabile

Il funzionamento del libro che rende l’acqua potabile è quanto mai facile. Basta strappare una pagina ed interporla come un setaccio in un contenitore dove verseremo l’acqua sporca. Attraversando il foglio strappato, l’acqua perderà il 99% delle sue impurità batteriche, per un totale di 100 litri circa. A questo punto avremo un contenitore di acqua perfettamente bevibile, con un livello di purezza paragonabile a quello di acqua di rubinetto americana. Il tutto è reso possibile da una combinazione chimica di ioni, argento e rame. La flessibilità dei fogli sarà pari a quella della carta, e nel libro oltre a questi ultimi, vi saranno scritte le istruzioni per l’uso, e altre indicazioni sensibilizzanti per il discorso sul bene dell’acqua. Il prodotto ultimo è in fase di design commerciale, e forse non passerà troppo tempo prima che venga indicato come la soluzione alle malattie contraibili dall’acqua contaminata nel terzo mondo.

​Written By Mirco Angelosante
Spread the love
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Mara Mencarelli

Autrice, blogger, webeditor, freelance, amo scrivere da sempre, ma adoro anche ballare ed insegno caraibici. Ho una splendida famiglia con 3 figli. Mi appassiona l'arredamento, il giardinaggio, il fai da te, la medicina la psicologia, la cucina, la moda, lo sport, e molte altre cose di cui vi racconto e vi parlo nel mio blog. Hai una domanda da farmi o cerchi collaborazioni o pubblicità? Scrivimi! Ti risponderò quanto prima :-) Conctat me maraoya21@gmail.com

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *