Frattura della zampa di un gatto come intervenire

[Frattura scomposta tibia fibula gatto] 
Si dice che i gatti abbiano sette vite e che non cadano…nulla di più falso! I gatti sono imprudenti specie nella stagione degli amori in cui perdono la testa e fanno le pazzie più strane e pericolose sia i maschi che le femmine. I maschi poi tendono a difendere il territorio marcandolo con l’urina e combattendo con gli altri gatti. Chi ha gatti sterilizzati, sicuramente non incorre in questo tipo di problemi ma magari in altri legati alla sterilizzazione: problemi di sovrappeso perdita eccessiva di pelo e, per alcuni, complicanze renali. Ma va detto che la sterilizzazione delle femmine, a meno che non si voglia mettere su un allevamento di gatti, è d’obbligo. Stesso discorso per i maschi che vivono in zone popolate da gatti o vicino a strade pericolose. Certo che la frattura della zampa di un gatto non è cosa semplice e, come intervenire nell’immediato e nel post operatorio, neanche.

Il mio bel micio si è fratturato una gamba: come? Non lo so!

Forse investito da un auto o caduto da un albero attirato dai miagolii di una micia in calore? Magari litigando con qualche altro gatto di zona! Non so come sia accaduto, ma so che sabato mattina mi è rientrato in casa con la zampina posteriore a ciondoloni. Il miciotto, fa parte di una numerosa famiglia di gatti che, una gatta randagia mi ha partorito, con ben 3 cucciolate, nel mio giardino. Alcuni son riuscita a darli in regalo, altri invece, mi sono rimasti. Ad oggi ho una bellissima femmina sterilizzata e 5 maschi “interi”, ossia non sterilizzai. Uno di questi, dopo una frattura ad una zampa posteriore, ho dovuto farlo sterilizzare. Siamo a fine gennaio e la stagione degli amori è iniziata, il mio micio deve stare a riposo e non girovagare, altrimenti la zampa fratturata non guarisce. Ha riportato la frattura di tibia e fibula. La frattura delle ossa delle zampe di un gatto, se scomposta, richiede intervento chirurgico. I costi sono variabili a seconda dei centri a cui ci si rivolge. Dopo una prima visita al pronto soccorso di piazza Carpegna (Roma), dove mi hanno prospettato una spesa di 1000 euro per intervento con placca, lo hanno anestetizzato e gli hanno steccato la gamba: costo 120 euro inclusa chiavetta con radiografia. Ce lo siamo portati a casa sperando di trovare un centro meno costoso per l’intervento.

Dopo due giorni di telefonate amici, veterinari e altro,e dopo aver capito che l’intervento era la sola soluzione possibile per quel tipo di frattura considerando che si doveva intervenire al più presto (entro massimo 5 giorni), grazie alle indicazioni di un amico che lavora come volontario in un canile, abbiamo trovato l’associazione ASTA di Roma, che a metà del prezzo che ci era stato chiesto, ha eseguito l’intervento includendovi anche tutte le cure successive e la sterilizzazione del gatto, resasi necessaria per la buona riuscita del decorso post operatorio.

Io mi domando: si dice che gli animali vanno aiutati protetti etc, ma poi se ci si fa carico di 6 micini non c’è un modo per poter essere supportati? Alcuni amici mi hanno consigliato di rivolgermi al comune e far registrare gatti come colonia dovendoli però sottoporre a tutti i vaccini del caso, controlli ripetuti e sterilizzazioni. Fermo restando che fare tutto ciò implica anche una certa quantità di tempo che oggettivamente non abbiamo, vorrei sapere perché chiunque abbia in mente di prendere un cucciolo o un animale adulto abbandonato e tolto dalla strada, debba poi affrontare delle spese costosissime che spesso sono superiori alle cure di una persona. Attraverso l’associazione comunque, i costi si riducono sensibilmente, ad esempio, una visita costa 16 euro ma se la moltiplicate per 6 non è comunque poco. Mi son riservata di nutrire i gattini, tenerli al caldo, coccolarli, gironzolano liberi tra casa e giardino senza problemi e, secondo me sono felici. Se hanno bisogno di coccole le trovano sempre a disposizione ed è forse per questo che sono docili e affettuosi.

Rimane il fatto che se una persona trova un gatto ferito e vuol farlo curare va incontro a spese salatissime anche se il micio non è suo…Questi ormai sono da considerarsi i miei ma si tratta sempre di una scelta dettata dal cuore e non dalla volontà, per volontà ho una barboncina di 7 anni bianca, super viziata e iper gelosa che tollera anche i 6 gatti che ormai hanno dai 2 ai 3 anni di età.

L’intervento di cui vi parlavo è stato svolto inserendo un chiodino sottile e due anelli stabilizzatori il chiodo all’interno della tibia e gli anelli all’esterno della stessa. Se fosse stato necessario avvalersi di piastre e chiodi il costo dell’intervento sarebbe stato maggiore e la guarigione e ripresa del gatto più complessa.

Ricercando in internet mi sono resa conto che non c’è molto in merito e quindi ho deciso di raccontarvi questa storia che, a decorso avvenuto, mi riservo di aggiornare per fornire ulteriori informazioni. Intanto come ben sapete dare dei farmaci al gatto non è semplice motivo per cui si è reso indispensabile sostituire l’antibiotico per bocca con delle punture mentre, pomate ed antiinfiammatori, vengono regolarmente somministrati a micio Vincenzo, questo è il nome del mio gattino: “Vincenzino” che mi auguro guarisca bene e al più presto…

gattini
                                                           [Foto Vincenzino a 3 mesi]

Gatto: frattura zampa posteriore tibia fibula ed intervento

La frattura della zampa posteriore con interessamento della tibia e fibula del gatto ha richiesto un intervento fortunatamente mediamente invasivo.

L’intervento di cui vi parlavo è stato svolto inserendo un chiodino sottile e due anelli stabilizzatori il chiodo all’interno della tibia e gli anelli all’esterno della stessa. Se fosse stato necessario avvalersi di piastre e chiodi il costo dell’intervento sarebbe stato maggiore e la guarigione e ripresa del gatto più complessa. Punti di sutura ravvicinati in numero di 12.

Ricercando in internet mi sono resa conto che non c’è molto in merito e quindi ho deciso di raccontarvi questa storia che, a decorso avvenuto mi riservo di aggiornare per fornire ulteriori informazioni. Intanto come ben sapete dare dei farmaci al gatto non è semplice motivo per cui si è reso indispensabile sostituire l’antibiotico per bocca con delle punture, mentre pomate ed antinfiammatori vengono regolarmente somministrati a micio Vincenzo senza problemi. questo è il nome del mio gattino: “Vincenzino” che mi auguro guarisca bene e al più presto…

Dopo due mesi

Sono passati due mesi dall’intervento e Vincenzo recupera lentamente. Allo scadere dei due mesi è stato sottoposto a nuova lastra di controllo e, appurato il quasi totale saldamento dell’osso è stato deciso di intervenire e rimuovere il chiodino di rinforzo interno all’osso per favorire l’ulteriore calcificazione. La struttura metallica interagendo con l’articolazione ha causato una leggera infiammazione. Rimosso il tutto a distanza di una settimana il gatto ha iniziato ha utilizzare di nuovo la sua zampina fratturata anche se per il momento continua a zoppicare.

Gelosia tra gatti: come limitarla

Spesso si parla della grande territorialità dei gatti, ed in effetti, i gatti sono molto territoriali. I maschi marcano la zona in cui vivono con l’urina e sfregando le zone del corpo

Gatti e territorio: segnali di dominio

Vi siete mai chiesti in che modo i vostri amici gatti marcano il territorio in cui vivono? C’è chi crede, erroneamente che ciò avvenga solo con l’urina in gatti non sterilizzati: non è così! I gatti marcano il territorio lasciando segnali di dominio…

Come e cosa dar da mangiare ad un gatto

Siete in procinto di acquistare un animale, magari un gatto o ne avete trovato uno in strada e vi state chiedendo cosa potrà mangiare e cosa è dannoso per la sua salute? Vi daremo alcuni consigli su come dar da mangiare ad un gatto…

La sterilizzazione nei gatti a cosa serve?

Quanti di voi hanno acquistato od avuto in dono un bel micio e si chiedono se è il caso o no di procedere alla sua sterilizzazione? Bene! Iniziamo con il dire che nelle femmine la sterilizzazione è indispensabile…

Spread the love
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Mara Mencarelli

Autrice, blogger, webeditor, freelance, amo scrivere da sempre, ma adoro anche ballare ed insegno caraibici. Ho una splendida famiglia con 3 figli. Mi appassiona l'arredamento, il giardinaggio, il fai da te, la medicina la psicologia, la cucina, la moda, lo sport, e molte altre cose di cui vi racconto e vi parlo nel mio blog. Hai una domanda da farmi o cerchi collaborazioni o pubblicità? Scrivimi! Ti risponderò quanto prima :-) Conctat me maraoya21@gmail.com

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *