Festa del papà origini e tradizioni: i bignè di San Giuseppe

2
111
Festa del papà origini e tradizioni: i bignè di San Giuseppe
Le origini e le tradizoni della festa del papà sono antichissime ed hanno radici in festeggiamenti pagani. Anticamente nella Roma di altri tempi, il 17 di Marzo venivano celebrate delle festa chiamate “Liberalia” in occasione del 16 anno di età dei ragazzi si compiva il passaggio dalle vesti di bambino a quelle virili, inoltre si festeggiava in onore di due divinità: quella del vino e quella del grano all’ epoca fonte di sostentamento per molte popolazioni. Si omaggiavano le due divinità relative. Bacco per il vino e Sileno per il grano. Da queste usanze trae origine la festa del papà e la ricetta tradizionale dei bignè di San Giuseppe: vediamo perchè!

  • "Bacco (Bacchus) è una divinità della religione romana, il suo nome lo si deve all'appellativo greco Βάκχος (Bákkhos), con cui il dio greco Dioniso (Διόνυσος), veniva indicato nel momento della possessione estatica. Le due divinità non vanno però confuse, una è infatti una divinità romana (Bacco) l'altra è una divinità greca (Dioniso). Bacco è il Dio del vino, il suo culto arrivò nella penisola Italica nel II secolo avanti Cristo. Spesso raffigurato come un uomo col capo cinto di pampini con in mano ha una coppa di vino o di tirso"
  • "Sileno è il dio degli alberi, figlio di Pan e di una ninfa. Dall'aspetto di un anziano corpulento, calvo e peloso, raffigurato di frequente con attributi animaleschi, possedeva il dono di una straordinaria saggezza e disprezzava i beni terreni aveva il dono della divinazione. Re Mida lo catturò per costringerlo a rivelargli il segreto dei suoi poteri che davano sconfinata saggezza e la capacità di prevedere il futuro".

Durante i festeggiamenti si consumava molto vino e si friggevano delle frittelle di frumento. San Giuseppe, padre di Gesù, celebra la propria festa solo due giorni dopo, ossia il 19 di Marzo festa connessa anche al papà e alla sua festa annuale.

E’ così che nel convento si San Gregorio Armeno nasce la zeppola o bignè di San Giuseppe, tradizionalmente consumate nel giorno della festa del santo e divenuto il dolce della festa del papà.

Alcune fonti attribuiscono la creazione del dolce alle monache del Della Croce di Lucca ed altri al convento di San patrizia, comunque sia la loro origine è legata al mondo ecclesiastico e alle festività sacre e pagane. La prima zeppola riconosciuta nel mondo cartaceo e quindi tramandata non verbalmente ma per scrittura risale al 1837 ad opera di un gastronomo napoletano e nobile Duca di Buonvicino.

Vi ricordo che il 19 marzo si celebra anche il preludio alla primavera (21 Marzo) e la fine dell’inverno, in relazione a ciò, sin dai tempi lontani, in molte località si usa accendere grossi falò purificatori di buon auspicio che accolgono la primavera sperando in buoni raccolti (riti di purificazione agraria). Durante i festeggiamenti si usa friggere molte frittelle (come un tempo) e brindare all’arrivo della bella stagione.

San Giuseppe padre di Gesù e patrono dei falegnami dal 1968 è stato decretato dal pontefice, giorno n cui si celebra la festa del papà. In quest’occasione i figli preparano dei regali per il papà e scrivono affettuose letterine di ringraziamento.

Potrebbe interessarti:

Bacco il Dio del vino e Sileno Dio degli alberi

Bacco il Dio del vino e Sileno Dio degli alberi

Festa del papà origini e tradizioni: i bignè di San Giuseppe

Vi ricordo che il 19 marzo si celebra anche il preludio alla primavera (21 Marzo) e la fine dell’inverno, in relazione a ciò, dai tempi lontani, in molte località si usa accendere grossi falò purificatori di buon auspicio, che accolgono la primavera augurandosi buoni raccolti (riti di purificazione agraria). Durante i festeggiamenti si usa friggere molte frittelle (come un tempo) e brindare all’ arrivo della bella stagione.

San Giuseppe padre di Gesù e patrono dei falegnami dal 1968 è stato decretato dal pontefice, giorno n cui si celebra la festa del papà. In quest’occasione i figli preparano dei regali per il papà e scrivono affettuose letterine di ringraziamento, mentre si consumano i Bignè di San Giuseppe o zeppole.

Foto www.piccolifiglidellaluce.it http://it.wikipedia.org/wiki/File:Michelangelo_Caravaggio_007.jpg http://it.wikipedia.org/wiki/File:Drunken_Silenus_Louvre_Ma291.jpg

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!

* Raccogliamo il tuo nome, la tua email e il contenuto del messaggio per tracciare i commenti postati sul nostro sito. Per informazioni controlla la nostra privacy policy. Per commentare ci dai il tuo consenso ad acquisire la tua mail. Per rimuoverla, fai richiesta.

*

Ho letto e acconsento alla privacy policy: Accetto

Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.