Artigianato ed imprese: La Confartigianato di Roma tenta il rilancio

La Confartigianato  Imprese di Roma, la quale rappresenta oltre 8.000 piccole e medie aziende artigianali,  conferma l’enorme crisi che ha investito queste economicamente delicate imprese. Nella città di Roma nel 2012 hanno chiuso i battenti circa 60 aziende al giorno, mentre in tutto il Lazio il numero giornaliero sale a circa 80 aziende. La domanda interna è fortemente in calo e questo aggiunto alle pressioni fiscali (56%)   e gli innumerevoli adempimenti annuali,  ha influito in modo pressante sulla chiusura di tali strutture.

L’artigianato rappresenta fortemente la reale economia locale il calo della sua richiesta è dovuto al risparmio dei cittadini volto verso prodotti industriali venduti a costo contenuto. Dilaga il mercato delle importazioni e dei prodotti provenienti da paesi in cui la mano d’opera è venduta a prezzi bassissimi e in  cui i prodotti hanno un costo di produzione, legato a tale fattore, nettamente ridotto.

Cina, Spagna, Corea e Giappone e le grandi industrie in genere, rappresentano mercati che direttamente e indirettamente contribuiscono a mettere  in crisi l’economia delle piccole aziende e dei prodotti artigianali i quali rappresentano la ricchezza storica, e culturale di una nazione.

 

 

 

 

Nel tentativo di rilanciare l’artigianato  nella capitale romana, la Confartigianato ha elaborato un progetto per la creazione di uno spazio multifunzionale il nome di tale struttura è “La Cittadella  dell’artigianato artistico” un luogo di attrazione  per il turismo nel quale  saranno sviluppati progetti riguardanti i vari prodotti artigianali innovativi. La Confartigianato ha  inoltre istituito  il Consorzio Artigiani del Cibo volto alla  rilanciare dei prodotti agroalimentari del territorio.

In ambedue questi progetti vi sarà una immissione in rete e una formazione volta alla fascia giovanile dei cittadini, un modo per dare nuovamente vita a mestieri in forte crisi, meccanico, panettiere, falegname, elettricista ecc. un modo che a 360 gradi cercherà di rilanciare un patrimonio  culturale  e artigianale  che rischia di perdersi nel nulla.

Sharing is caring!

 

5 Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

* Raccogliamo il tuo nome, la tua email e il contenuto del messaggio per tracciare i commenti postati sul nostro sito. Per informazioni controlla la nostra privacy policy. Per commentare ci dai il tuo consenso ad acquisire la tua mail. Per rimuoverla, fai richiesta.

*

Ho letto e acconsento alla privacy policy: Accetto

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.