Gesti e parole

0

 

 

Sono una donna? no oggi sono l’umiliata, il nulla,

 polvere, aria, carne da macello su cui sfogare la tua ira,

gesti brutali, parole taglienti

accendono in me un dolore insopportabile,

indelebile nella mia mente, 

un mattone sul mio cuore,

un dolore che brucia sulla pelle come fuoco.

Tu urli,

la rabbia si accende sul mio volto,

ti offende,

non sono una persona ne una donna,

ma carne in balia della tua ira.

Gli altri guardano in silenzio,

non comprendono, o forse si,

non gli interessa.

Il mio nome si perde nel nulla,

il mio volto si spenge

il sorriso  svanisce per sempre

l’umiliazione insopportabile mi porta via,

via da qui ,

per sempre.

 

Inverno 2007

Mara Mencarelli

Previous articleMobbing: nei posti di lavoro, negli ambienti sportivi, in famiglia
Next articleI Crisantemi semplici o doppi fiori da “cerimonia”

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.