Gli acchiappasogni: una leggenda indiana

6
Il cerchio magico
Il cerchio magico

 

Gli “acchiappasogni” sono degli oggetti di artigianato etnico, reperibili attualmente in molti negozi in tutto il mondo, originario delle popolazioni indigene del Nord America.

Gli acchiappasogni: una leggenda indiana

 

Tra tutte le tribù si fa risalire questo oggetto “acchiappasogni”, molto grazioso, in particolar modo delle tribù Cheyenne e Lakota che vivevano in luoghi molto vicini tra loro (gli attuali stati del Wyoming e Dakota).

 

Gli acchiappasogni: una leggenda indiana
Gli acchiappasogni: una leggenda indiana

Composto da un cerchio esterno in legno flessibile, spesso salice, contiene al’interno una reticella  a forma di ragnatela di dimensioni più o meno grandi, contenente delle perline, dal cerchio pendono delle penne (piume) delle stesso colore o colorate.

L’acchiappasogni serviva ad allontanare sogni dannosi o che comunque non aiutavano la crescita spirituale del possessore. Veniva donato alla nascita ad ogni bambino, che lo conservava per tutta la vita, decorandolo come meglio credeva.
La leggenda dell’acchiappasogni è una delle più belle della mitologia dei nativi d’America, la leggenda narra di una piccola fanciulla dal nome “Nuvola Fresca”, era terrorizzata dagli incubi notturni, così sua madre  costruì, con un legno speciale uno acchiappasogni, in modo da poter catturare i sogni della figlia e poter in seguito distinguere quelli buoni da quelli cattivi.

Ancora oggi tra i nativi d’America, quando nasce un bambino, si usa viene appendere un’ acchiappasogni alla sua culla, se i sogni saranno positivi, l’acchiappasogni li farà realizzare ancorandoli alle perline presenti nella reticella, mentre se saranno brutti, l’acchiappasogni le catturerà per farli poi volare via grazie alla piuma di un uccello, allontanandoli.

I nativi americani, conservano il proprio acchiappa sogni per tutta la vita, nel corso degli anni lo arricchiscono con piccoli oggetti personali che ne aumentano il potere.

 

 

 

 

Previous articleBosso Buxsus sempervirens
Next articleL’interpretazione dei sogni dai popoli antichi a Freud e Jung: Artemidoro
Ciao sono Mara Mencarelli, founder di questo ed altri siti. Blogger, webeditor, freelance. La scrittura e lo sport sono tra i miei interessi principali. Per informazioni e collaborazioni scrivi a maraoya21@gmail.com

6 COMMENTS

  1. Bellissimi! Io ne ho uno appeso sopra ogni letto più uno in cucina, questo me lo ha portato mio fratello da una riserva indiana (o una cosa del genere)

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.