Topinambour (helianthus tuberosus) “margheritone”

6
Topinambour
Topinambour

Il Topinambour o helianthus tuberosus appartiene, come alcuni avranno già notato dal nome (helianthus) alla stessa famiglia dei  girasoli, ossia alle Compositacee. originaria  del Nord America fu introdotta in Europa nei primi anni dell’600.

Si tratta di una pianta erbacea molto alta con fusti che raggiungono anche i 2 – 3 metri, di natura perenne  la si trova anche spontanea. Le foglie si dipartono dal lungo fusto sono quasi tutte opposte e picciolate lanceolate con grossi denti. I capolini fioriferi sono di color giallo e somigliano a grosse margherite il loro diametro è variabile dai 4 agli 8 centimetri e al centro presentano un disco sferico anch’esso di color giallo.

Topinambour (helianthus tuberosus) “margheritone”

Topinambour (helianthus tuberosus) "margheritone"
Topinambour (helianthus tuberosus) “margheritone”

Coltivazione del Topinambur

Il topinambur è una pianta che fiorisce nei mesi pre-autunnali ossia Settembre e Ottobre, utile per bordure e aiuole, per formare piccoli gruppi decorativi, adatto su roccaglie e scarpate forma un bel tappeto di fiori giallo molto decorativo. Può essere utilizzato tranquillamente come fiore reciso.

I tuberi di tale fiore vanno messi a dimora in primavera, mentre la moltiplicazione va effettuata  sempre per divisione dei tuberi in primavera. Se lasciato crescere in maniera spontanea può diventare infestante e andare a colonizzare ampie fasce del giardino con ottimi risultati decorativi. 

  • Ama esposizioni in pieno sole e terra normale da giardino  opportunamente concimata con concime organico o letame.
  • Le annaffiature devono essere quotidiane o a giorni alterni ma copiose, molto dipende dall’area climatica e dall’esposizione in cui vengono collocate le piante. Al termine della fioritura è bene potare energicamente le piante sfiorite.

Il topinambur a tavola

Oltre ad essere una specie dalla bella fioritura autunnale, nei mesi che precedono l’inverno si raccolgono i tuberi del topinambur. I tuberi sono una prelibatezza da portare in tavola. Il suo sapore ricorda quello del carciofo in maniera assai più delicata. Il topinambur può essere cucinato in padella in maniera semplice con olio, facendo soffriggere aglio (poi da togliere) e cuocere con un goccio di vino bianco e prezzemolo e sale.

Previous articleiTunes e le carte regalo by Apple
Next articleMadly di Kenzo: il profumo pour les follies
Ciao sono Mara Mencarelli, founder di questo ed altri siti. Blogger, webeditor, freelance. La scrittura e lo sport sono tra i miei interessi principali. Per informazioni e collaborazioni scrivi a maraoya21@gmail.com

6 COMMENTS

    • in effetti comunemente si associa il nome alle margherite sono della stessa famiglia dei girasoli Compositacee

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.