Un “coro di voci” invoca la liberazione di Rossella Urru

10
155

 

Rossella-Urru.JPG

                                                            Rossella Urru

 

Da oltre quattro mesi Rossella Urru, Italiana di origini sarde, è ostaggio di un gruppo armato nel sud dell’Algeria. 29 anni, di età, nel momento del sequestro Rossella era impegnata nel rifornimento di viveri per il campo profughi di Rabuni. Molti gli appelli e le iniziative per liberare la ragazza che si sono susseguiti negli ultimi giorni, tra i quali anche quello di Geppi Cucciari a Sanremo durante il festival. La catena di solidarietà non si ferma: nei prossimi giorni  previste numerose  iniziative:

Il 29 Febbraio il Blogging Day -cui hanno già aderito centinaia di piccoli e grandi blog (tra i quali anche i miei),  giorno in cui i blogger parleranno di un unico argomento allo scopo di sensibilizzare quante più persone possibile.  Chi non ha un blog può contribuire  dedicando un semplice  uno status Facebook e un Tweet per informare la propria rete di contatti.

L’8 Marzo, è prevista  una campagna del sito Progetti educativi rivolta a tutti i comuni italiani, nelle facciate dei municipi, nel giorno della festa della donna, verrà esposto uno striscione con scritto: “liberate Rossella”, “free Rossella Urru”, proposta diffusa anche da Fiorello in un video diffuso oggi nel web.
Donne Viola, gruppo tra i più attivi nelle iniziative di sensibilizzazione, rilancia sul proprio blog la campagna “Una mimosa per Rossella”: la proposta è quella di dedicare la festa dell’8 marzo alla cooperante sarda.

Un’altra iniziativa  propone  di sostituire l’immagine del proprio profilo Facebook o Twitter, con quella di Rossella Urru (fino all’8 Marzo).

Anche la musica scende in campo con gli Articolo 21, attraverso il suo portavoce Giuseppe Giulietti, annuncia che il 29 febbraio, in concomitanza col Blogging Day, dedicherà l’home page del sito a Rossella.
Dalla Tanzania, l’organizzazione Tulime Onlus ha realizzato un banner in lingua swahili per chiedere la liberazione di Rossella, mentre la redazione web del Tg3, è impegnata nel sostenere le campagne a favore della liberazione di Rossella,e diffondere informazioni, invita tutti a segnalare le iniziative al proprio sito web.

Su Twitter le discussioni sono attive attraverso gli hashtag: #freerossella   e  #freeRossellaUrru.

 

 

10 COMMENTS

    • ma io ero 10….e neanche me ne ero accorta me lo ha fatto notare un’altra blogger…comunque invierò una mail per sapere…ho letto la tua discussione in merito con over…hai ragione, ma resta
      il fatto che questa piattaforma stà decollando piano piano e migliorando di giorno in giorno vedrai che arriveranno anche a stilare le classifiche come promesso ciao buona giornata

  1. Veramente andava benissimo prima della fusione con la Wikio (sono sulla over dal 2009). Altro che decollo. In Francia è peggio visto che per 3-4 giorni diventa impossibile pubblicare. Quello che mi
    infastidisce è la presa per i fondelli ! Nell’ultima top pubblicata il 13 febbraio, c’è addirittura inserito nei primi 10 posti un blog fermo da molto tempo (2 ottobre), abbandonato. Ho
    l’impressione che la graduatoria la facciano a mano e a casaccio. Quando protesto magari mi mettono al primo posto per un accontentino , così mi sto zitto. Grazie per avermi risposto. Caranas

    • Grazie a te Caranas per le informazioni… io sono su over-blog da ottobre, scrivevo per Wikio e ci hanno migrato su questa piattaforma  ma ho altri blog in blogger (altra piattaforma). Non
      so come avvenga la stila della graduatoria…comunque mi fa piacere avere un buon piazzamento

      Buona giornata

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!

* Raccogliamo il tuo nome, la tua email e il contenuto del messaggio per tracciare i commenti postati sul nostro sito. Per informazioni controlla la nostra privacy policy. Per commentare ci dai il tuo consenso ad acquisire la tua mail. Per rimuoverla, fai richiesta.

*

Ho letto e acconsento alla privacy policy: Accetto

Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.