Gatti adulti e perdita dei denti, cause e cure

Gatti adulti e perdita dei denti, cause e cure
Gatti adulti e perdita dei denti, cause e cure

La perdita dei denti nei gatti adulti è piuttosto frequente dopo una certa età, e può essere attribuita a diverse cause, spesso interconnesse tra di loro. Infatti, la perdita dei denti in gatti adulti può essere attribuita a cause dentali, come tartaro ed infezioni e dunque a scarsa igiene. Ma anche vere e proprie malattie dentali, traumi e malattie sistemiche, possono causare la perdita dei denti nei gatti. Scopriamo nel dettaglio le cause e le possibili cure.

Causa della perdita dei denti nei gatti adulti

Come accennato, talvolta le cause che portano alla perdita di alcuni denti nel gatto possono essere più di una, e spesso anche interconnesse tra di loro: vediamo quali sono.

Malattie dentali avanzate

Le malattie gengivali come ad esempio la gengivite o la parodontite sono comuni tra gatti adulti e possono causare la perdita di uno o più denti nel tempo. Inoltre, l’accumulo di placca e tartaro causa infiammazione, infezione e danni alla strutture di supporto dei denti.

Traumi e ferite

Traumi alla bocca o alla testa possono causare sia la rottura dei denti che la loro caduta. Questi traumi nel tempo possono avere un risentimento sui denti.

Malattie sistemiche del gatto

Alcune malattie sistemiche del gatto, come il diabete, le malattie renali, e alcune malattie autoimmuni, possono influenzare la salute dentale del gatto. L’effetto può essere, oltre ad altri disturbi, la perdita dei denti.

Malattie associate alla perdita dei denti nel gatto

Alcune malattie possono provocare, ed essere associate, alla perdita dei denti nei felini e nello specifico nel gatto. Tra esse:

1. Malattie dentali: alcune malattie come la gengivite e la parodontite possono indebolire le strutture di supporto dei denti, portando alla loro caduta.

2. Osteoporosi: questa condizione di assottigliamento delle ossa può influire anche sulle ossa mascellari e mandibolari dei gatti, contribuendo alla perdita dei denti.

3. Malattie renali: l’insufficienza renale cronica può influenzare la salute dentale, poiché i reni svolgono un ruolo nella regolazione dei minerali nel corpo, tra cui quelli legati alla salute dentale.

Età gatti anziani e perdita dei denti

La perdita dei denti nei gatti anziani è molto comune. Tuttavia non esiste un’età esatta in cui i gatti perdono i denti, molto dipende dallo stato di salute e dalle condizioni in cui hanno vissuto, dalla genetica, dall’igiene dentale osservata nel corso della sua vita. Alcuni gatti anziani potrebbero mantenere tutti i loro denti mentre altri potrebbero sperimentarne la perdita.

Cura e prevenzione

Per prevenire o curare la perdita dei denti nei gatti ci sono alcune regole da tenere a mente e tra esse una buona igiene dentale e un’alimentazione adeguata.

  1. Igiene dentale: spazzolare regolarmente i denti del gatto può prevenire l’accumulo di placca e tartaro, riducendo così il rischio di malattie gengivali.
  2. Alimentazione adeguata: fornire alimenti secchi e croccanti e giocattoli per masticare può contribuire a mantenere i denti puliti attraverso l’azione meccanica di masticazione.
  3. Visite veterinarie regolari: gli esami dentali annuali possono individuare tempestivamente problemi dentali e consentire al veterinario di raccomandare interventi appropriati.
  4. Trattamenti dentali professionali: in casi di malattie avanzate, il veterinario potrebbe raccomandare la pulizia dentale professionale sotto anestesia.
  5. Gestione delle malattie: è importante trattare e gestire eventuali malattie sistemiche può contribuire alla salute dentale complessiva del gatto.

Considerazioni

Al di la della genetica lo stile di vita del gatto, il tipo di alimentazione e l’attenzione all’animale, possono prevenire che il gatto anziano perda i denti. Ma talvolta sopraggiungono malattie che compromettono la buona salute dell’animale causando anche la perdita dei denti.

Previous articleCome personalizzare una parete: tecniche e materiali
Next articleQuali sono i mesi migliori per sposarsi e perché