Quali sono i ragni italiani velenosi, pericolosi e letali

1
1290
Loxosceles rufescens o ragno violino

Si ritiene erroneamente che il morso dei ragni nostrani non comporti grandi problemi: nulla di più sbagliato! Molti ragni italiani sono velenosi, pericolosi e, alcune specie possono risultare letali per bambini, anziani ed adulti allergici o comunque non in perfetto stato di salute.

 

 

Vedova nera femmina - vedova nera maschio "Latrodectes tredecimguttatus"
Vedova nera femmina – vedova nera maschio “Latrodectes tredecimguttatus”

Quali sono i ragni italiani velenosi, pericolosi e letali

 

La vedova nera: Latrodectes T.

E’ il caso della Malmignatta Latrodectes Tredecimguttatus, conosciuta anche con il nome di “vedova nera” italiana. La vedova nera è il ragno presente in Italia più pericoloso per l’uomo, presenta colore nero e puntini rossi come quello in foto la femmina e bianchi il maschio. La femmina può raggiungere i 15 millimetri e presenta 13 macchie sul dorso è il suo morso che anche se in maniera minore della sua cugina americana, può risultare letale, provoca nausea, vomito, febbre dolori addominali ed in taluni casi la morte.

Dove si trova la vedova nera? Quasi in tutta l ‘Italia sia al centro che al sud, rinvenuta in Toscana, Lazio, Liguria, Campania, Basilicata, Sicilia, Puglia e Sardegna.

Quali sono i ragni italiani velenosi, pericolosi e letali: Ragno violino
Quali sono i ragni italiani velenosi, pericolosi e letali: Ragno violino
Loxosceles rufescens o ragno violino

Tarantola: Lycosa Tarentula italiana

Ma non solo la vedova nera è un ragno nostrano velenoso, anche la tarantola può avere effetti di una certa entità anche se minori. La Lycosa Tarentula italiananon è una vera e propria tarantola ed i suoi effetti sul corpo equivalgono alla puntura dolorosa di una vespa tranne in soggetti predisposti in cui si possono avere reazioni allergiche anche gravi, come avviene per la puntura di api, calabroni, vespe ecc.

Nel mondo sono presenti circa 40.000 specie di ragno note, di queste circa 200 sono pericolose per l’essere umano. Sono proprio i ragni appartenenti alla famiglia Latrodectus (ossia delle vedove nere), e delle false vedove nere “Steatoda”, ad essere le più pericolose, ma anche quelli della Loxosceles a cui appartengono i nostrani “ragni Violino”, gli Atrax, i Phoneutria detti ragni delle banane, ed anche i Cheiracanthium, nominati ragni delle foglie. Le specie nominate, alcune sono presenti in Italia, altre all’estero.

Il ragno violino, come la vedova nera e la tarantola è presente in territorio italiano, comune ma non molto noto.

Ragno violino: Loxosceles rufescen

Il ragno violino o Loxosceles rufescen, può mordere senza grandi danni o in alcuni casi provocare lesioni disastrose in soggetti allergici. La zona punta si infiamma e nel giro di una settimana causa necrosi dei tessuti (Loxoscelismo) con conseguente ferita profonda e necessità di ricorrere ad un intervento di chirurgia plastica. La struttura dell’aracnide (famiglia dei ragni) è esile lungo circa 13 mm presenta 6 occhi tre per lato elemento che aiuta ad identificarlo, fornito di zampe sottili. Il suo nome “Ragno Violino” deriva proprio da una macchia più scura a forma di violino, presente sull’addome dell’animale. Di indole non aggressiva tende a non mordere e se disturbato si allontana. Presente in tutta la penisola nelle case si annida talvolta negli armadi e nelle lenzuola. Spesso la diagnosi di una puntura di ragno non viene fatta con facilità ed una piaga provocata dal veleno viene scambiata per un altro tipo di lesione dai medici.

Ragno Violino necrosi e lesione da puntura in donna di 25 anni (foto: www.lorologiaiomiope.com)

Ragno Violino necrosi e lesione da puntura in donna di 25 anni (foto: www.lorologiaiomiope.com)

Tarantola italiana - Lycosa Tarentula
Tarantola italiana – Lycosa Tarentula

Effetto del veleno dei ragni

Il veleno iniettato dai ragni contiene delle tossine in grado di immobilizzare la preda e favorirne la digestione quindi troviamo neurotossine, necrotossine.

Da qui le razioni necrotiche con distruzione del tessuto e tossiche, con avvelenamento diffuso, che possono manifestarsi dopo la puntura dei ragni. Attenzione quindi è prudente portare con se come emergenza, un antistaminico qualche compressa di cortisonico (bentelan), quando ci si reca in campagna, nei paesi con case vecchie, o nei boschi ma averne anche in casa non guasta! In caso di puntura rivolgersi ad una struttura medica descrivendo l’insetto deputato in causa  (artropodi) o il ragno (aracnidi), e se possibile fotografarlo.

1 COMMENT

  1. In Italia sono presenti anche la Tegenaria dei campi (Tegenaria agrestis) ed il Ragno dal Sacco Giallo (Cheiracanthium punctorium).
    Questi ultimi non sono letali per l’uomo maun loro morso può essere molto doloroso e può scatenare pericolose reazioni allergiche.
    Saluti

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!

* Raccogliamo il tuo nome, la tua email e il contenuto del messaggio per tracciare i commenti postati sul nostro sito. Per informazioni controlla la nostra privacy policy. Per commentare ci dai il tuo consenso ad acquisire la tua mail. Per rimuoverla, fai richiesta.

*

Ho letto e acconsento alla privacy policy: Accetto

Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.