Ashley Madison: tre suicidi dopo l’attacco informatico

Cari amici di Notizie in Vetrina, per chi non conoscesse Ashley Madison e fosse a digiuno dell' intera vicenda, spiegheremo in poche righe di cosa si tratta. Ashley Madison è un sito canadese per incontri. In tale sito gli iscritti hanno modo di incontrare altre persone sposate con cui condividere fantasie sessuali ed organizzare incontri. Il motto che ha reso celebre la pagina web è "La vita è breve. Concediti un'avventura!" sintetizza molto bene il suo spirito. Ciò che fa notizia è l'attacco informatico che ha subito Ashley Madison il 15 luglio 2015 da parte di hacker ignoti. Durante l'attacco sono stati rubati dati sensibili di oltre 30 milioni di utenti. Tra le informazioni ci sono i nomi, le fantasie sessuali, gli incontri e i numeri delle carte di credito degli iscritti. Inoltre tutti questi dati sono stati pubblicamente esposti sul web, condannando alla gogna tutti gli utenti.

Ashley Madison o​ffre 500 mila dollari a chi individua gli hacker a seguito di 3 suicidi

Oltre alle ire delle consorti e dei mariti di coloro che sono stati pubblicamente esposti come fedifraghi, Ashley Madison ha portato ben altri tipi di danno. Licenziamenti, biasimo pubblico e privato, e negli ultimi giorni almeno 3 suicidi di persone che non hanno resistito alla vergogna e allo sgretolarsi delle loro vite private. A causa di questo drammatico evento, Avid Life Media, la compagnia dietro Ashley Medison, ha disposto 500 mila dollari di taglia sui colpevoli dell'attacco informatico. Al momento, in assenza di altri colpevoli, la compagnia è stata posta sotto accusa in tribunale, e invitata a pagare una cifra molto salata per non aver garantito la privacy dei suoi clienti. Al momento il sito continua ad essere operativo, ma scommettiamo che il numero di iscritti è calato vertiginosamente.

​Written By Mirco Angelosante

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *