5 piante carnivore di facile coltivazione da tenere in casa

0
317

Molte persone amano le piante eleganti, fiorifere, di grandi e piccole dimensioni, c’è chi predilige fiori come le orchidee chi ama la coltivazione dei bonsai e chi delle piante grasse, ma c’è anche un’altra tipologia di piante che risulta essere molto particolare: le piante carnivore. Ora va detto che, le piante carnivore da tenere in casa sono generalmente di piccole dimensioni: Si nutrono di insetti e, spesso, sono esteticamente intriganti come ad esempio la “pianta acchiappamosche” che vedremo più avanti.

Ma quali sono i nomi e le caratteristiche di queste piante particolari? Vediamo insieme quali sono le 5 piante carnivore di facile coltivazione da tenere in casa.

Notizie generali sulle piante carnivore

Le piante carnivore esistenti in natura in realtà sono moltissime se ne contano circa 600 specie che fanno capo a 15 famiglie e 7 generi. Alcune sopravvivono solo nei loro luoghi d’origine, altre si adattano anche alla vita in casa senza grandi difficoltà. Si nutrono di insetti ed hanno sia azione di cattura passiva che attiva. Tra le più comuni e conosciute troviamo la Dionaea Muscipula.

Dionaea Muscipola o acchiappa mosche

dionaea muscipulaQuesta pianta carnivoraDionaea Muscipola” rientra tra le specie che catturano attivamente la loro preda. Di dimensioni contenute, non supera i dieci centimetri di altezza. Caratterizzata da foglie dentellate che si rivelano delle vere trappole richiudendosi e catturando gli incauti insetti. Le foglie possiedono delle setole recettive sensibili che sfiorate dagli insetti fanno scattare la chiusura delle stesse intrappolando i malcapitati ospiti. L’insetto catturato vine digerito e trasformato lentamente in genere nell’arco di un mese trasformandosi in nutrimento per la pianta. Il costo di una piantina può variare dalle 10 allei 20 euro in relazione alla grandezza e alla bellezza della stessa.

Drosera Capensis

drosera capensisAltrettanto nota ed amata la Drosera Capensis rientra tra le piante carnivore insettivore di tipologia passiva. Le foglie della Drosera Capensis sono rivestite da una peluria che secernendo un liquido vischioso e appiccicoso cattura gli insetti incollandoli alla foglia stessa.

Vengono così digeriti trasformandosi in sostanze azotate e quindi in nutrimento per la pianta. Il suo aspetto è molto gradevole tanto da somigliare ad un leggero piumino  soffice e morbido molto gradevole. Una piantina di circa 10 centimetri ha un prezzo medio di 10 – 12 euro.

 

Nephentes pianta carnivora

Anche questa piantina carnivora “Nephentes” rientra tra quelle passive che riescono a catturare le prede grazie ad astuzie geneticamente naturali. Dotata di foglie vistosamente colorate, attrae le sue prede supportata da un liquido profumato, piacevole per gli insetti che contribuisce a farle cadere in trappola nei calici pendenti.

 

Serracenia purpurea

sarracenia purpurea pianta carnivoraDiversa dalle precedenti piante carnivore, la Serracenia purpurea può sicuramente considerarsi una pianta carnivora molto efficiente. Dotata di un calice ad imbuto che in alcune varietà raggiunge dimensioni notevoli e che cattura gli insetti al suo interno grazie alla secrezione delle foglie di una sostanza stordente.

Fu una delle prime piante della specie “sarraceniaceae” ad essere introdotta in Europa. Gli ascidi fogliari possono raggiungere anche i 20 cm di lunghezza mentre il fiore di color purpureo, formato da 5 petali la lunghezza di 40 cm.

Una pianta carnivora di facile coltivazione che in primavera può regalare una splendida fioritura molto caratteristica e decorativa. Una piantina in vaso da 12 ha un prezzo medio dai 10 i 15 euro.

 

Pinguicola alpina

Una delle più conosciute ed amate tra le piante carnivore la Pinguicola alpina fa capo insieme ad altre 80 varietà diffuse in tutto il mondo. Di origine europee ed asiatiche, la Pinguicola alpina si sviluppa in luoghi montani ed umidi. Ha caratterizzata da una struttura a rosetta composta da diverse foglie lanceolate che dopo alcuni anni di età originano dei fiori. La pianta è di dimensioni ridotte, le rosette difficilmente superano i 7 centimetri di diametro. I fiori sono piccoli e di colore bianco mentre le foglie cadono nel periodo invernale pur lasciando vitali le radici e mantenendo un hibernaculum centrale per poi tornare a germogliare in primavera.

pinguicola alpina

 

Come accennato in precedenza le piante carnivore presenti in natura sono moltissime, queste elencate sono 5 specie carnivore facili da coltivare che si possono allevare tranquillamente in casa e che presentano un costo abbastanza contenuto. Inoltre sono facilmente reperibili sul mercato.

 

Ti potrebbe interessare

 

10 piante da fiore primaverili da tenere in casa

 

 

 

 

 

Credit foto:
flicker
www.carnivorousplants.org
luirig.altervista.org

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!

* Raccogliamo il tuo nome, la tua email e il contenuto del messaggio per tracciare i commenti postati sul nostro sito. Per informazioni controlla la nostra privacy policy. Per commentare ci dai il tuo consenso ad acquisire la tua mail. Per rimuoverla, fai richiesta.

*

Ho letto e acconsento alla privacy policy: Accetto

Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.