Poveri in Italia in aumento dati Istat

La situazione economica dell’Italia ha dato vita ad una classe economico-sociale di poveri in aumento. I poveri in Italia sembrano essere in fase crescente.

poveriL’Istat ha rilevato nel 2010 oltre tre milioni di italiani in condizioni di povertà assoluta, sono circa 1 milione e 156 mila in Italia le famiglie in condizioni di povertà assoluta per un totale di 3 milioni e 129 mila persone, famiglie che non riescono ad accedere ai beni e servizi essenziali per conseguire uno standard di vita decente, costretti a risparmiare sul cibo e su articoli di prima necessità quali ad esempio cure mediche  farmaci e  riscaldamento.

Tra questi rientrano le categorie di pensionati con pensioni al minimo che non sono sufficienti a garantire il sostentamento dell’individuo.

Oltre ai tre milioni di poveri assoluti, ci sono in Italia, nel 2010,  8 milioni 272 mila poveri, il 13,8% dell’intera popolazione. Le famiglie colpite da questo tipo di povertà, chiamata povertà relativa sono 2 milioni e 734 mila,  si tratta delle famiglie che  spendono non più di 992,46 euro al mese ogni due componenti.

La situazione dei poveri in Italia rispecchia quella del 2009 e anticipa l’attuale del 2011, ma per alcune fasce della popolazione le condizioni sono peggiorate, parallelamente alla crisi lavorativa e alla perdita del posto di lavoro di molte persone, a questo si aggiunge un tasso di inflazione elevato e il non adeguamento dei salari come accadeva un tempo grazie alla scala mobile. Contratti lavorativi sempre meno a favore del lavoratore, poche garanzie ed eccessiva precarietà.

Secondo l‘Istat la povertà relativa aumenta tra le famiglie di 5 o più componenti salendo ad un valore che oscilla tra 24,9% al 29,9%, risentono maggiormente della situazione quelle con minori o anziani a carico.

Una famiglia su cinque viene classificata  come “quasi poveri” ovvero coloro che possono arrivare a spendere, in due, fino al 20% in più dei poveri, cioè tra 992,46 e 1190,95 euro. Sommandoli ai poveri, costituiscono una famiglia su cinque: il 18,6% dei nuclei familiari.

 

POVERI NEL MERIDIONE:

Nel Mezzogiorno, da sempre ritenuto la parte più povera del paese, l’incidenza di povertà relativa cresce dal 36,7% del 2009 al 47,3% del 2010 tra le famiglie con tre o più figli minori. Le situazioni più gravi, in Calabria, Sicilia e Basilicata.

Il divario tra i ricchi ed i poveri in Italia si amplifica di anno in anno e la crisi lavorativo-economica sta accrescendo uno stato di malcontento sociale.

La tanto attesa manovra fiscale si sperava avesse dei provvedimenti atti a risollevare, le sorti del paese, e soprattutto le sorti delle famiglie medie, e medio povere Italiane, ma al momento, non sono di sicuro i poveri al centro dell’attenzione del governo.

Credit foto www.lavocedeipoveri.it

Sharing is caring!

 
Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

* Raccogliamo il tuo nome, la tua email e il contenuto del messaggio per tracciare i commenti postati sul nostro sito. Per informazioni controlla la nostra privacy policy. Per commentare ci dai il tuo consenso ad acquisire la tua mail. Per rimuoverla, fai richiesta.

*

Ho letto e acconsento alla privacy policy: Accetto

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.