Lucignano piccolo borgo medioevale in Toscana

12
6

Il  nostro viaggio  di Natale ci ha condotto in Toscana a Lucignano borgo medievale che ci ha accolto in tutto il suo splendore. Ospiti in una splendida casa d’epoca su due piani, con vista mozzafiato  sulla vallata, Lucignano, seppur piccolo borgo, è dotato di diverse attività commerciali e ha una storia degna di nota

 

Lucignano ci ha accolto ed ospitato per poco più di un giorno. Successivamente ci siamo diretti a Siena, dove abbiamo incontrato il cavallo che ha vinto il palio di Siena di Luglio, Rocco Nice,  ed intervistato il suo proprietario; segue la nostra visita a Monteriggioni, altro piccolo borgo medievale toscano, ed infine  Grosseto.

 

Lucignano foto dal terrazzo dalla casa di Daniela “casa sui tetti” di via Roma 167

Lucignano nascita, architettura storia e acquisizioni

 

Lucignano rappresenta uno degli esempi più interessanti di urbanistica medievale per via del suo impianto ellittico ad anelli concentrici che lo compongono nell’intera struttura. Lucignano si trova su di una collina ai confini tra Firenze, Siena, Arezzo e Perugia collocazione che lo ha reso strategicamente importante fin dall’antichità. Il legame con la città di Siena ha caratterizzato lo sviluppo urbanistico ed artistico del piccolo ed incantevole borgo.

Con l’ epoca dei comuni, grazie alla sua posizione  strategica,  acquisì  notevole importanza.  Nel 1316 venne acquisita dal vescovo Aretino Guido  Tarlati e nel 1337 ceduta alla città di Perugia.  Nel 1343 si costituì come libero comune. Nel 1554  Lucignano passò sotto i domini dei Medici e sotto Lorena con il Gran Ducato di Toscana. Ci fu un periodo di benessere.

 

Chiesa di San Francesco a Lucignano
Chiesa di San Francesco a Lucignano

 

Piazza del Tribunale Lucignano

 

Cosa vedere a Lucignano

 

Si tratta di un piccolo borgo medievale molto caratteristico che si può girare in poche ore se vi si includono le visite interne ad i luoghi di interesse.  Le mura medievali imponenti, circondano il piccolo borgo permettendo l’accesso da quattro porte principali porta San Giovanni, porta San Giusto,  porta Murata e porta S. Angelo. All’ interno delle mura si snoda il paese con la sua caratteristica forma circolare che suddivide  le case e le vie in cerchi concentrici. Il paese è tranquillo e le piccole botteghe possono permettersi il lusso di rimanere “aperte” anche quando sono chiuse, con esposizione di oggettistica all’esterno, senza problemi di furti. Una realtà ben distante da quella di grandi città come Roma.

 

Il Cassero di Lucignano: il borgo si sviluppa tra una via ricca (via Matteotti) dove si trovano palazzi nobiliari negozi, ed una via povera (via Roma), con case più semplici e senza negozi.

 

Vediamo quali sono le architetture storiche che è possibile visitare a Lucignano:

 

  • Facciata della Colleggiata
  • Tempio di Santo Stefano della Vittoria presso pozzo della Chiana,
  • Santuario della Madonna delle Querce del XVI secolo opera di Giorgio Vadari
  • La chiesa del crocifisso XV secolo dove è posta l’ urna di San Celestino.
  • Torre del Cassero del XIV secolo
  • Chiesa di San Francesco  X III secolo 23 giugno 11289 in questa chiesa fu firmato nel 1289 l’ atto di sottomissione alla Repubblica di Siena.
  • Fortezza non ultimata attribuita a Bernardo Puccini (1554)

 

Lucignano borgo medioevale cosa vedere in 1 giorno

L’albero d’oro di Lucignano il reliquiario dove promettersi amore eterno

 

Merita una visita il Palazzo Comunale dove si trova il museo del paese.  Il Comune con la sua sala affrescata e l’ albero d’ oro, sono tra le cose di maggior interesse, l’opera del’albero fu completata da Gabriello D’ Antonio del 1471 ed iniziata nel 1350. E’ usanza tra fidanzati e futuri sposi, di farsi promesse di matrimonio d ‘avanti all’albero d’ oro. In realtà i reliquiari di queste dimensioni sono davvero rari e, anticamente in loco ve ne erano due che furono saccheggiati nel 900. Successivamente ne venne ritrovato uno solo, ossia quello attualmente presente nel Comune, ma purtroppo riportò  qualche piccolo danno, mancano infatti alcuni medaglioni laterali che contenevano le reliquie ed alcuni rami di corallo.

 

L’ albero d’ oro di Lucignano un reliquiario opera completa di Gabriello D’ Antonio del 1471 ed iniziata nel 1350 ad opera di altri autori. E’ usanza tra fidanzati farsi promessa di eterno amore d’ avanti all’ albero d’ oro

 

L’albero è interamente lavorato, cesellato ed adornato con rametti di corallo; la sua bellezza è impressionante. Il reliquiario è di tipologia fitomorfa, ossia  riproduce le forme del mondo vegetale. La base dell’opera è in rame dorato di forma oblunga e polilobata.  Sulla prima base si trova un piede più piccolo che serve da sostegno ad una teca a forma d tempietto di stile gotico. La parte centrale dell’opera è composta da 12 rami realizzati in argento dorato e decorati a loro volta, da altri rametti di corallo,  smalti traslucidi, miniature e cristalli di rocca. Le pareti della sala dove si trova l’albero d’oro sono affrescate.

 

 

 Museo Comunale di Lucignano

Il piccolo museo è ubicato in alcune sale poste al pian terreno del Palazzo Comunale, edificato intorno al XIII secolo. All’interno del museo si possono ammirare opere riguardanti la Madonna, come il trittico di Bartolomeo di Fredi ed altre opere, come San Francesco realizzata da Luca Signorelli Cortona, ed i pesi del vecchio orologio del campanile.

 

Sala Museo comunale di Lucignano interamente affrescata

 

Il museo e l’ufficio informazioni turistiche sono aperti anche per le festività infrasettimanali per info  0575/838001 – 0575838033 sito www.comune.lucignano.ar.it/turismo.

 

Lucignano albero d’oro: la mia famiglia

 

Eventi a Lucignano

 

  • Ogni anno a Lucignano si svolge la processione di Cristo dal Venerdì Santo evento che si ripete, come tradizione locale,  sin  dal 1701.
  • Un evento folkloristico noto con esibizione di giovani in costume locale, è la Maggiolata.

 

Dove mangiare e dove dormire a Lucignano: la casa sui tetti di Daniela

Nella nostra visita abbiamo soggiornato in uno splendido appartamento a due piani eccellentemente tenuto e dotato di tutti i confort, nel quale l’atmosfera emanata dalla vita vissuta dalla famiglia che lo ha abitato negli anni precedenti era notevole e piacevole. Una coppia con tre figli, esattamente come noi, che successivamente ha deciso di trasferirsi in campagna.

L’appartamento della signora Daniela si chiama la casa sui tetti reperibile in Airbnb  si trova a Lucignano in via Roma 167 secondo e terzo piano con una vista mozzafiato, 4 camere 2 soggiorni 2 camini, pianoforte, di cui mio figlio, essendo musicista,  ha approfittato, e due bagni comodi. Il check out ci è stato concesso comodamente dopo le 12 cosa più unica che rara cosa di cui ringraziamo la signora Daniela.

 

L’osteria le Botti di Lucignano

Per i pasti ci siamo affidati ad un localino di Lucignano non molto grande “le Botti” a gestione familiare, consigliatoci insieme ad altri localini, dalla signora che ci ha affittato l’alloggio. Il locale è accogliente,  adatto anche a chi vuol mangiare senza glutine o a problemi di allergie ed intolleranze. I primi ed i secondi piatti erano ottimi così come la pizza, sottile e ben condita e molto digeribile, tant’è che abbiamo  scelto per i nostri pasti questo locale per l’intero soggiorno. Considerate comunque che in Toscana si mangia bene ovunque, e che la cucina lucignanese è fortemente legata alla tradizione agricola della Valdichiana, ricca di piatti semplici molto caratteristici e ben equilibrati. Ottima la bistecca alla Chianina, i salumi ed i formaggi di produzione locale, da non perdere i pici al sugo di cinghiale o i pici cacio e pepe: deliziosi!

 

La nostra gita a Lucignano si è conclusa dopo 1 giorno e mezzo, e ci ha portato dritti verso Siena, la città nota per il palio e le contrade che, ogni anno vede, proprio per questo evento, l’afflusso di tantissimi turisti.

 

Foto:  notizieinvetrina.it

12 COMMENTS

  1. Sono del parere che ogni posto lascia qualcosa .. sono proprio curiosa di visitare la chiesa di San Francesco di Lucignano io amo molto girare credo che appena sarò meno impegnata andrò ♥️Grazie davvero per queste informazioni

  2. Unbellissimo borgo medievale , ricco di storia e di fascino e anche con un’ottima cucina . Se passo da quelle parti ci faccio certamente una capatina . Un saluto, Daniela.

  3. Non conoscevo questo posto ma d’altronde la Toscana è ricca di paesini meravigliosi. Grazie per questo reportage interessante.

  4. Questo articolo viene incontro alla mia passione per i borghi medievali! Il posto in cui avete pernottato, la casa sui tetti, è la soluzione ideale in questi contesti.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!

* Raccogliamo il tuo nome, la tua email e il contenuto del messaggio per tracciare i commenti postati sul nostro sito. Per informazioni controlla la nostra privacy policy. Per commentare ci dai il tuo consenso ad acquisire la tua mail. Per rimuoverla, fai richiesta.

*

Ho letto e acconsento alla privacy policy: Accetto

Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.