Progetto CampoAperto: crowdfunding per aiutare i detenuti

Cos’è CampoAperto? si tratta di un progetto nato dall’associazione “L’uomo e il legno” i cui fondi che verranno raccolti sarranno utilizzati per finanziare il progetto. Il Crowdfunding è aperto fino al 30 giugno. “L’Uomo e il Legno” è una cooperativa che da oltre vent’anni è impegnata nel reinserimento sociale delle persone.  Questa funzione viene espletata attraverso il lavoro. Nello specifico “CampoAPertoè un progetto volto ad aiutare i detenuti del carcere di Secondigliano. Essi con il loro lavoro, contribuiscono all’economia del paese e si garantiscono un piccolo stipendio ritrovando al normalità del vivere lavorativo, insieme alle gratificazioni e all’utilità che  ne conseguono.

 

CampoAperto
Progetto “CampoAperto”

Lo stato delle nostre carceri è in pessime condizioni, i detenuti vivono il sovraffollamento e situazioni non del tutto consone all’essere umano, da questo ne deriva un aumento considerevole dei suicidi. CampoAperto rappresenta quindi una piccola ancora di salvezza per molti.

 

Nel dettaglio  il progetto “CampoAperto”

Come si evince dal nome il progetto “CampoAperto” riconduce i detenuti alla vita lavorativa ma anche alla riscoperta della ruralità e della natura. I detenuti hanno il compito di coltivare un apprezzamento di terreno che si trova allocato all’interno del carcere stesso. I prodotti che se ne ricavano vengono commercializzati attraverso un sistema di acquisto on-line con relativa consegna a domicilio per i privati.  Inoltre è presente un vero e proprio punto vendita situato all’interno del carcere stesso. I prodotti di questo punto vendita vengono venduti ad una catena di ristornati che li utilizzano. Si tratta di prodotti del tutto naturali e ciò ne aumenta il valore. Lavoro e prodotti biologici e naturali che provengono dal carcere di Secondigliano e di cui vi offriamo un  video esplicativo.

“CampoAperto” e crowdfunding

Il crowdfunding diviene indispensabile, esso consente di poter portare avanti il progetto. Cittadini volenterosi e generosi, magari come te e molti altri potranno contribuire insieme alla Banca Etica e alle sottoscrizioni, lo finanzieranno. La banca Etnica collaborerà a patto che si raccolga almeno il 75% della somma richiesta. I fondi tramite crowdfunding potranno essere donati e raccolti fino al 30 giugno. Vuoi contribuire? Recati al sito>.

Un piccolo gesto per poter portare avanti un progetto di grande utilità “CampoAperto”!

#CampoAperto
Buzzoole

 

Mara Mencarelli

Autrice, blogger, webeditor, freelance, amo scrivere da sempre, ma adoro anche ballare ed insegno caraibici. Ho una splendida famiglia con 3 figli. Mi appassiona l'arredamento, il giardinaggio, il fai da te, la medicina la psicologia, la cucina, la moda, lo sport, e molte altre cose di cui vi racconto e vi parlo nel mio blog. Hai una domanda da farmi o cerchi collaborazioni o pubblicità? Scrivimi! Ti risponderò quanto prima :-) Conctat me maraoya21@gmail.com

10 pensieri riguardo “Progetto CampoAperto: crowdfunding per aiutare i detenuti

  • giugno 14, 2016 in 22.11
    Permalink

    La trovo un iniziativa lodevole 😀 veramente una bella idea per integrare queste persone che in un modo o nell’altro si sentiranno molto sole anche! baci

    Risposta
  • giugno 15, 2016 in 22.11
    Permalink

    E’ giusto che chi paga con la giustizia alla fine esca avendo imparato un mestiere così sarà più facile reintegrarsi

    Risposta
    • giugno 16, 2016 in 22.11
      Permalink

      Infatti il carcere dovrebbe servire per reintegrare i detenuti e non per emarginarli ancora di più

      Risposta
  • giugno 15, 2016 in 22.11
    Permalink

    Una bellissima iniziativa per i detenuti e per farli integrare e’ una ottima attività

    Risposta
  • giugno 16, 2016 in 22.11
    Permalink

    l’idea mi piace molto…trovo che rientri perfettamente in quello che è il disegno per cui è nato il carcere: rieducare e riabilitare una persona che ha sbagliato. Così facendo,una volta scontata la pena possono trovare un futuro e una speranza di vita diversa .

    Risposta
    • giugno 17, 2016 in 22.11
      Permalink

      Infatti lo spirito e lo scopo dovrebbero essere questi…mirati ad un reinserimento sociale

      Risposta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *