Vi siete mai chiesti se esista un modo più o meno pratico per tagliare le cipolle senza lacrimare ? ebbene vi dico che non solo esiste ma ve ne sono più di uno, tutti abbastanza efficaci, adottati dai ristoratori e dai cuochi. Pochi semplici trucchi per rendere questo compito meno sgradevole: vediamo quali sono!

Tagliare le cipolle senza lacrimare: cipolle gratinate

Piccoli trucchi ed accorgimenti che permettono di cucinare le cipolle senza incorrere nella comune problematica del bruciore agli occhi e relativa lacrimazione degli stessi.

  •  Mettete le cipolle nel congelatore per circa 15 minuti o ponetele in frigo  per un paio d’ore, potrete anche bagnarle con acqua molto fredda insieme al coltello, in questo modo le sostanze irritanti che si libereranno saranno minori.
  • Tagliate le cipolle  in due, ponetele su un tagliere con la buccia rivolta verso di voi e  con due tagli netti, eliminate la parte superiore ed inferiore questo punto togliete la buccia e tagliate in due o tre parti. Togliete dal piano e versate in un contenitore che terrete a  distanza.
  • Un altro metodo consiste nello sbucciate le cipolle e ponetele in un trita tutto.
  •  Infine se dovete tagliare grandi quantità di cipolle utilizzate degli occhiali protettivi come quelli che si usano in piscina o per effettuare saldature. Soluzione pratica e di facile realizzazione che vi consente di ovviare al problema!

Cipolle gratinate ricetta

400 gr di cipolle
2 uova
100 gr di pangrattato
parmigiano 4 cucchiai
sale e pepe
margarina

Scegliete dele cipolle bianche di piccole dimensioni, o  le cipolle rosse di Tropea che risultano più digeribili. Sbucciatele e tagliatele in due ponetele in una terrina da forno aggiungendo sul fondo  un po’ di margarina. Mescolate 2 uova insieme al pangrattato 100 gr. salate e cospargete le cipolle. Infornate a 180 gradi per circa 20 minuti. Spolverate con del parmigiano e servite i cipollotti gratinati caldi e fumanti.

Oltre ad essere una ricetta molto gustosa si tratta di un piatto popolare davvero poco costoso, una ricetta economica ma non per questo non buona, e soprattutto, adatta a tutte le tavole.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.