Antonio Cavallaro: picchiato da un tassista violento

0
23
taxi in piazza Barberini

Alcune settimane fa è accaduto a Piazza Barberini, in pieno centro di Roma, un fatto che ha molto scosso l'opinione pubblica. Antonio cavallaro, un 64enne è stato picchiato da un tassista violento, reo di aver parcheggiato in un'area di sosta per taxi, al fine di comperare una medicina per il figlio disabile. Antonio stava cercando parcheggio da svariato tempo, e vista l'urgenza del farmaco che avrebbe dovuto assumere il figlio, affetto da sindrome di Down, si era accostato ai tassisti in sosta nella piazza per chiedere il permesso di fermarsi li per qualche minuto. Nessuno del gruppo aveva avuto da obbiettare alla gentile richiesta del signore, nessuno tranne uno. Marco M. un uomo di 37 anni, ora indagato per lesioni gravi, non ha accolto la richiesta del signor Cavallaro, e gli si è imposto di fronte, intimandogli di risalire in macchina, ed insultando pesantemente la disabilità del figlio 27enne. Antonio sentendosi colpito nell'intimo dalle violenze verbali del tassista, ha chinato il capo ed ha proseguito continuando a camminar. Il silenzio dell uomo è stato letto da Marco M. come una provocazione, che ha scatenato una furia cieca: infatti il signor Cavallaro è stato tirato per un braccio e scaraventato con forza a terra, rompendosi una gamba, la mascella e perdendo 2 denti, il tutto sotto gli occhi atterriti del figlio chiuso in macchina. Dopo l'aggressione Marco M. è fuggito a bordo del suo taxi.

Signor Antonio Cavallaro in ospedale

La solidarietà della categoria dei tassisti

Il signor Cavallaro è finito in ospedale, riscontrando anche degli aggravamenti di tipo circolatorio. Si sono presentati al suo capezzale un gruppo di tassisti, pronti a testimoniare in suo favore in aula di processo. Hanno fatto sentire la loro solidarietà alla famiglia Cavallaro, scusandosi sentitamente per il loro collega, ricordando che la categoria dei tassisti non si fa carico di quanto accaduto, e che il signor Marco M. ha agito di sua volontà come uomo e non come tassista. Portando un cesto di vivande per Antonio, hanno affermato che potrà usufruire dei servizi di trasporto da loro erogati in modalità del tutto gratuita, come scuse sentite da tutto il corpo dei piloti dei taxi di Roma. Una vicenda che ha del grottesco, in quanto una violenza simile non dovrebbe essere nemmeno umanamente concepita, ma che ha trovato dei risvolti in positivo in quanto a dimostrazione di solidarietà, verso un uomo gentile che aveva come unico interesse il benessere del figlio disabile.

Written By Mirco Angelosante

Un’immagine ripresa dalle telecamere di sorveglianza

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!

* Raccogliamo il tuo nome, la tua email e il contenuto del messaggio per tracciare i commenti postati sul nostro sito. Per informazioni controlla la nostra privacy policy. Per commentare ci dai il tuo consenso ad acquisire la tua mail. Per rimuoverla, fai richiesta.

*

Ho letto e acconsento alla privacy policy: Accetto

Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.