Week end low cost nell’isola del Giglio

Cari amici di Notizie in Vetrina, tutti sappiamo che la stragrande maggioranza dei luoghi più belli di villeggiatura marina risiedono nelle isole. Acqua cristallina che permette di vedere il fondale a diversi metri di profondità, clima isolano e mare a perdita d'occhio, sono i requisiti che rendono le isole così speciali. Il turismo isolano purtroppo ha un costo abbastanza elevato nella penisola italiana, se si vuole passare solo un week end in pace, e non un periodo più lungo, i prezzi delle navi e degli alloggi possono diventare motivo di rinuncia. Tuttavia vi è un'isola della costa toscana che è molto vicina all'entroterra, e che pertanto può essere raggiunta con un traghetto in 20/25 minuti ad un prezzo di pochi euro, si tratta dell' Isola del Giglio.

Le caratteristiche dell' Isola del Giglio

L'isola si trova all'altezza del famoso Porto Santo Stefano, da cui ci si imbarca per raggiungerla. Alcuni anni fà il Giglio ha attirato l'occhio della stampa a causa del semi affondamento della costa Concordia, avvenuto nei suoi pressi. Ad oggi il relitto dell' enorme crociera è stato rimosso, restituendo all'isola quella sua aria di magia che la caratterizza. Le acque che circondano i ll Giglio sono veramente limpide, e farsi un bagno in spiagge come quella del Campese, può essere davvero rigenerante. Al di fuori di quella sopracitata e di poche altre minori, che sono in sabbia, gli altri punti di affaccio al mare sono di sassi o scogliera. Oltre al mare l'isola si distingue anche per la sua bellezza a livello floristico, regalando a chi la visita paesaggi molto poco contaminati dall uomo. Anche il castello che svetta in alto al centro dell'isola è davvero un bel vedere, si può infatti raggiungere a piedi se siete persone atletiche, o via navetta se preferite le comodità. Infine i prezzi degli alloggi sull' isola o nei pressi di Porto Santo Stefano hanno prezzi più che accessibili, rendendo il Giglio una delle mete universitarie low cost per eccellenza, ma non solo.

​Written By Mirco Angelosante

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *