App e case intelligenti cosa sapere

4
App e case intelligenti cosa sapere
App e case intelligenti cosa sapere

Il mondo digitale è stato scosso da una grandissima innovazione, anni fa: quella delle applicazioni. Ormai tutti sappiamo cosa sono: dei software, dei pacchetti di dati, installati sul nostro computer o sul nostro smartophone, in grado di permetterci di compiere una determinata azione. La prima casa produttrice a immettere sul mercato queste piccole meraviglie tecnologiche, lo sappiamo, è stata Apple, e da allora sempre più queste applicazioni sono entrate a far parte delle nostre vite. 

Ce ne sono di tutti i tipi e, quando crediamo di averle viste tutte, ci rendiamo conto che c’è sempre un’idea che ci è sfuggita, un nuovo utilizzo da sperimentare, una nuova applicazione geniale in grado di migliorarci la vita. App e case intelligenti vediamo cosa sapere per capire a pieno il funzionamento della smart home e delle relative app.

Smart home: significato

Ora, per quanto concerne la casa, abbiamo sentito sempre più spesso la parola “smart home“. Di cosa si tratta? Quando una casa diventa “intelligente”? La nostra è stupida? Fermi tutti: una casa risponde a dei requisiti che la definiscono “smart”. Ad esempio, il controllo dell’illuminazione, del riscaldamento, monitoraggio e gestione dei consumi idrici, questo e tanto altro, anche da fuori casa.

Cosa sapere 

Immaginate di tornare a casa, assieme alla vostra famiglia, da una vacanza sugli sci: non avete lasciato il riscaldamento a manetta per tutto il tempo che siete stati fuori casa, sarebbe stato un consumo inutile. Quindi tornate in una casa decisamente fredda, e, tremando un po’, fate in modo di sistemare i bagagli aspettando che si riscaldi.

Ora, immaginate di vivere in una smart home: mentre siete a metà del viaggio di ritorno, ancora in auto, vi basterà schiacciare qualche tasto sul vostro smartphone utilizzando app specifiche per riattivare il riscaldamento e trovare così la casa calda una volta rientrati. Certo, sono le piccole comodità che ci migliorano la vita, giusto? E queste sono comodità indiscutibili.

Le app incontrano la casa smart

Ovviamente, questi due mondi non potevano che collidere: ogni programma che veda al suo interno la finalità di rendere la nostra casa intelligente, si muove entro il concetto di “applicazione”: il mercato delle applicazioni era, com’è chiaro, quello più adatto per contenere questa nuova idea di casa.

Certo, la comodità sarebbe avere una sola applicazione dalla quale poter gestire ogni aspetto di questa intelligenza: consumi idrici, riscaldamento, illuminazione, elettrodomestici e via discorrendo, tutto in una sola applicazione. Invece, al momento, ogni casa produttrice ha la sua app, che dobbiamo scaricare una volta acquistato il prodotto: rischiamo, senza dubbio, di avere il cellulare pieno di applicazioni che non abbiamo mai usato, dimenticate dopo una settimana, perché magari non aver sotto occhio queste possibilità non ce le mette pienamente a disposizione.

Vi sono marchi però che hanno molto differenziato la loro offerta nel campo delle case smart, che ci forniscono una sola applicazione per controllare varie funzionalità di casa: pensiamo a Philips, ad esempio, ma anche alla più accessibile Ikea dove acquistare mobili ed accessori. 

App case intelligenti e Alexa

Insomma, si prospetta, per noi (ovviamente, qualora ci interessasse), un futuro sempre più connesso con la nostra casa, come se potessimo dialogare con lei sia al suo interno (grazie a sistemi interattivi come Alexa, ad esempio, ai quali semplicemente rivolgere delle domande o fare delle richieste -“Alexa, per piacere, imposta le luci calde!”-), oppure dall’esterno, dal supermercato dietro casa o dal luogo in cui stiamo trascorrendo le nostre meritate vacanze.

Insomma, applicazioni per dimagrire, per allenarsi, per recensire, per guadagnare, per giocare in borsa, per salvarsi delle fotografie e chi più ne ha più ne metta: presto avremo anche un’applicazione che ci permetterà di gestire ogni parte della nostra casa a distanza, come dicevamo poco più su, con un semplice click sul cellulare.

Vedere chi ha appena suonato al nostro citofono anche stando alle Maldive, per esempio, potrebbe essere già nelle nostre possibilità: certo, bisogna capire perché alle Maldive dovrebbe interessarci qualcosa, dato che (probabilmente) siamo sull’atollo proprio per non sentire il nostro citofono suonare.

Ma non solo il citofono sarà controllabile dalla spiaggia: come detto, casa nostra sarà via via sempre più connessa con noi e con la nostra famiglia, così da non doverci più preoccupare troppo della sicurezza tra le nostra mura domestiche.

Domotica e telecamere di sorveglianza

Immaginate infatti la comodità di avere delle telecamere di sorveglianza che, una volta che l’allarme di casa ci avviserà di essere attivo, possano essere consultate da noi praticamente da ovunque (o quantomeno, da ovunque si abbia a disposizione una connessione stabile, ovviamente, ma va da sé): immaginate la tranquillità, il senso di serenità e di pace che ne potrebbe derivare?

Niente più ansia di aprire la porta di casa dopo un medio o lungo periodo di assenza e trovarla svaligiata, grazie al fatto che noi, già da prima, abbiamo consultato le telecamere di sorveglianza, interne ed esterne, e abbiamo potuto sincerarci che tutto in casa fosse esattamente dove lo abbiamo lasciato! Alla fine di queste righe, non ci resta che augurarvi il migliore dei futuri possibili, tecnologico quanto vi va: a ognuno la sua app e casa intelligente, intelligente quanto la vuole e…se la vuole!

Ti potrebbe interessare

Il mondo dell’elettricità entra nel futuro, ma per la blockchain è ancora presto

Previous articleCartotecnica: cos’è e in quale settore si utilizza
Next articleQuando scegliere un abito lungo: galateo e non
Ciao sono Mara Mencarelli, founder di questo ed altri siti. Blogger, webeditor, freelance. La scrittura e lo sport sono tra i miei interessi principali. Per informazioni e collaborazioni scrivi a maraoya21@gmail.com

4 COMMENTS

  1. La mia casa è un po’ vecchiotta, ma qualcosa per essere più tecnologica, l’abbiamo applicata. La cosa che, ancora, non riesco proprio a fare, è parlare con un bussolotto di nome Alexia… 🙂

  2. Ti confesso che non ho dispositivi intelligenti in casa perché non mi sono ancora attrezzata ma conto di farlo quanto prima.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.