Alloro “Laurus nobilis”

5
Alloro albero
alloro

Una pianta coriacea che resiste bene alle basse temperature, al vento e alla siccità. Usata nei giardini per formare alte siepi verdi, si presta anche alla coltivazione come esemplare isolato che se lascito crescere diventa un grande albero.

Indice

L’alloro o Laurus nobilis è utilizzato per il suo aspetto estetico nella produzione di siepi ed in cucina per aromatizzare carne e pesce. ottime le bacche di alloro per la preparazioni di liquori.

Una pianta coriacea che resiste bene alle basse temperature, al vento e alla siccità. Usata nei giardini per formare alte siepi verdi, si presta anche alla coltivazione come esemplare isolato che se lascito crescere diventa un grande albero.

Alloro “Laurus nobilis” descrizione ed utilizzo

Appartiene alla famiglia delle Lauraceae, proviene dalle regioni mediterranee, è un arbusto sempreverde che nelle zone di origine allevato all’aperto può raggiungere l’altezza di 6 – 8 metri. Cresce ovunque e non ha grandi esigenze di coltivazione, è una pianta forte che si adatta a molte condizioni sfavorevoli sia di clima che di terreno.

Descrizione

Ha foglie coriacee verdi scure, lanceolate con margine lievemente ondulato, utilizzate in cucina per carne e  pesce in quanto sono molto  aromatizzanti.

La pianta è dioica, la fioritura avviene in Aprile e si manifesta con dei piccoli fiorellini giallo-verdi, sulle piante femminili che vengono impollinate compaiono, dopo la fioritura, delle bacche simili a piccole olive nere.

alloro foglie e bacche
alloro foglie e bacche

Può essere coltivata in vaso o in terra piena predilige posizioni soleggiate ma si adatta anche in posizioni semi ombreggiate. Dalla primavera all’autunno può vivere in casa a temperatura ambiente, anche se e preferibile la coltivazione all’esterno delle abitazioni. Adatto come esemplare isolato o per creare delle ampie siepi profumate, resistente  a crescita abbastanza rapida.

In inverno  le piante di alloro necessitano di un periodo di riposo, ma non perdono le foglie: è un sempreverde. La temperatura ottimale per il riposo ha è intorno ai  5°C.

Annaffiature e concimazioni alloro

Richiede annaffiature abbondanti in primavera e più intense in estate, evitare i ristagni d’acqua. In inverno annaffiare settimanalmente evitando che il pane di terra si asciughi completamente.

Concimazione liquida ogni tre settimane dalla primavera all’autunno, il terreno più adatto è una miscela formata da terreno argilloso, terriccio organico, torba e sabbia in parti uguali.

Alloro rinvaso e propagazione

Si rinvasa circa ogni 2 anni e nel periodo primaverile cn vasi leggermente più grandi. Le potature delle siepi vanno effettuate in primavera, mantenute in estate per la forma e successivamente più drastiche in inverno.

La propagazione può avvenire per talea apicale (di 10 centimetri) in Agosto-Settembre-Aprile ponendo le talee in miscela umida composta da torba e sabbia in parti uguali.

Previous articleFiori di carta : quale carta utilizzare
Next articleLauroceraso “Prunus Laurocerasus”
Ciao sono Mara Mencarelli, founder di questo ed altri siti. Blogger, webeditor, freelance. La scrittura e lo sport sono tra i miei interessi principali. Per informazioni e collaborazioni scrivi a maraoya21@gmail.com

5 COMMENTS

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.