Avere pazienza: quando e come

0
96

Tanto si parla dell’essere pazienti  o di avere pazienza, con chi? ma con tutti e con le situazioni che si generano nella vita lungo il nostro cammino. Si deve essere pazienti con i bambini piccoli, effettivamente ne ho cresciuti tre e devo dire che ce n’è voluta di dolce ed estenuante  pazienza, essere pazienti con i capo ufficio perché? Perché spesso conviene anche a quando ci verrebbe voglia di urlargli in faccia di andare a quel paese, ricordo che in paio di situazioni, l’ho fatto e non me ne sono pentita, anzi… ho provato grande liberazione e per fortuna di li ha un mese avevo un nuovo lavoro, ma che dire non funzione sempre così …

 Avere pazienza: quando e come

PAZIENZA.png

 

Bisogna avere pazienza con le persone anziane, con coloro che sono invadenti, con chi ti prende in giro, con chi ti mente spudoratamente sapendo di farlo, pazienza con amici e nemici e anche con se stessi, perché alle volte è proprio  con il nostro umore,  le nostre insoddisfazioni ed i nostri desideri, che dobbiamo avere pazienza.

Non so stabilire una regola ne un limite, ognuno di noi ha il suo, fortemente personale e spesso dettato dalle esigenze contingenti, quel che è certo è che alcune situazioni ed alcune persone, meritano una gran pazienza, mentre altre, oggettivamente, credo proprio di no.

Avere pazienza: quando e come? Vediamolo!

Alle volte la pazienza deve esserci, per forza di cose, per rispetto e buona educazione, ma fondamentalmente ritengo che quando si giunga alla limite del rispetto di se stessi, educazione o no forse sarebbe il caso di perderla questa benedetta pazienza.

Mi sento dire che ne ho, in certe situazioni,  fin troppa … ed altre volte che non ne ho per nulla…mah! sarà così?

Credo che, come sempre, dipenda dalle situazioni, e che come dice un proverbio  indiano bisognerebbe camminare nei mocassini altrui per comprendere realmente quella persona e tutti i comportamenti del caso.

Ognuno è libero, in fondo, di avere la pazienza che vuole, ma non per tutti e tutto ma solo  per chi magari lo merita.

Un bel respiro allora e contiamo fino a dieci, distogliamo la nostra attenzione e dirigiamola verso qualsiasi altra cose, sempre se la situazione e la persona lo  merita,  ricominciamo da dove eravamo rimasti prima di arrivare sull’orlo dell’esplosione.

In fondo spesso basta un pensiero positivo ed un bel sorriso.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!

* Raccogliamo il tuo nome, la tua email e il contenuto del messaggio per tracciare i commenti postati sul nostro sito. Per informazioni controlla la nostra privacy policy. Per commentare ci dai il tuo consenso ad acquisire la tua mail. Per rimuoverla, fai richiesta.

*

Ho letto e acconsento alla privacy policy: Accetto

Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.