Diplademia

4
155

IMAG1073.jpg

 

La Diplademia pianta è sempreverde rampicante, appartenente alla famiglia delle  Apocynaceae, originaria dell’America centrale e meridionale.

I fusti sono sottili e carnosi e presentano una rapida crescita, si presta bene ad essere  coltiva in vasi appesi, oppure come rampicante, ricoprendo muri, pergole e graticci.

Le foglie sono ovali e spesse, di color verde scuro, presentano una pagina lucida, sono opposte e lunghe fino a 5 cm.

In primavera e in estate questa pianta produce una cascata di grandi fiori a trombetta, molto belli dai colori vivaci, riuniti in racemi, delicatamente profumati, rossi, rosa o bianchi.

Nei luoghi con inverni miti possono essere coltivate anche in piena terra in giardino, sia come persistenti che come piante da giardino annuali, anche se spesso dopo la fioritura la pianta muore.

Si consiglia di potare leggermente i rami all’inizio della primavera o in autunno, per evitare che la pianta lignifichi troppo nella parte inferiore, perdendo le foglie.

Predilige esposizioni molto luminose, anche soleggiate, tollera bene anche la mezz’ombra, mentre in ombra totale riduce la fioritura e talvolta non fiorisce.

durante l’inverno, teme le gelate, tollerando poco temperature al di sotto dei 5-8°C, è consigliabile riporla al riparo. 

Nei luoghi in cui l’inverno è mite si coltiva anche in piena terra; in questo caso con il freddo perde le foglie, che spunteranno nuovamente in primavera; allevata in piena terra può raggiungere anche i 4 metri.

Predilige  terreni sciolti e ben drenati,  ricchi di materia organica,  mescolando terriccio universale bilanciato e sabbia in parti uguali, con una piccola dose di humus.

Annaffiare regolarmente, lasciando leggermente asciugare il terriccio tra un’annaffiatura e l’altra, frequenti in estate, sporadiche in inverno, se coltivata in vaso è preferibile inserire ghiaia o argilla in palline nel sottovaso.

Per una migliore fioritura si consiglia di fornire del concime per piante da fiore ogni 10-15 giorni nel periodo vegetativo, da marzo a ottobre, e almeno una volta al mese in inverno.

Si può moltiplicare per talea utilizzando rametti apicali di 10 cm posti in cassone, utilizzando terriccio universale e sabbia in parti uguali, mantenere il terreno umido.

Subisce, alle volte, attacchi di Acari, cocciniglia e afidi, che vanno trattati con opportuni prodotti.

Il costo di un esemplare giovane (50-80cm) varia dagli 8 ai 13 euro.

 

IMAG1070.jpg

4 COMMENTS

  1. Non conoscevo il nome di questa pianta… leggendo il titolo avevo pensato a una malattia 😀
    Buona Pasqua ^_______^

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!

* Raccogliamo il tuo nome, la tua email e il contenuto del messaggio per tracciare i commenti postati sul nostro sito. Per informazioni controlla la nostra privacy policy. Per commentare ci dai il tuo consenso ad acquisire la tua mail. Per rimuoverla, fai richiesta.

*

Ho letto e acconsento alla privacy policy: Accetto

Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.