Che cos’è il sovraindebitamento? Ecco come funziona e le sue caratteristiche

3
Che cos’è il sovraindebitamento? Ecco come funziona e le sue caratteristiche
Che cos’è il sovraindebitamento? Ecco come funziona e le sue caratteristiche

La procedura di sovraindebitamento permette al debitore di trovare un accordo con il suo creditore, davanti ad Giudice. Nel momento in cui si trova una quadra, allora si potrà ridurre il debito cancellandone una parte. Scopriamo insieme come funziona e quali sono i requisiti per accedere alla procedura di sovraindebitamento.

Come funziona il sovraindebitamento

Il sovraindebitamento è una procedura introdotta per legge il 27 gennaio. La legge n°3 evidenzia come un debitore possa chiedere al giudice di trovare un accordo con il creditore: questo potrebbe permettere di annullare una parte del debito e pagare solo in base alla propria disponibilità. Ma non sempre l’accordo viene accettato.

Nel caso in cui, il giudice, non accettasse l’accordo, in tal caso, si procederà con la liquidazione del debito. Il giudice è il soggetto chiamato a decidere come e in che modo procedere, dopo aver controllato requisiti ed i debiti del debitore (e quanto sia effettivamente in grado di pagare).

Ovviamente il giudice dovrà anche verificare se il debitore è in grado di poter accedere a finanziamenti o prestiti. Un sovraindebitamento viene considerato in svariate situazioni, come perdita del lavoro oppure malattia sino a riduzione dello stipendio/ore di lavoro.

Procedura di sovraindebitamento

Il Giudice chiamato a gestire una richiesta di sovraindebitamento potrà valutare, di colta in volta, procedure differenti a seconda del caso specifico:

  • Accordo di composizione della crisi e ristrutturazione, ovvero un piano proposto a tutti i creditori con importo stabilito da sostituire nelle date concordate. Questo per saldare tutto o parte del debito;
  • Piano del consumatore, ovvero un accordo similare a quello sopra ma senza che ci sia il parere favorevole del creditore e si applica solo per debiti di attività professionali;
  • Liquidazione del patrimonio, ovvero l’individuazione dei beni per ricavare i soldi necessari alla chiusura del debito.

Essendo una procedura, abbastanza complessa, atta a sostenere i debitori in caso di crisi economica, il consiglio è quello di rivolgersi a dei consulenti specializzati, come ad esempio, gli esperti di Rexpira. Un aiuto concreto per affrontare tutte le fasi della richiesta, la presentazione dei documenti e la gestione della problematica dalla A alla Z. Un modo per riuscire a districarsi nel complesso mondo dei fallimenti e relative leggi.

Avvalersi di consulenti esperti può far comprendere, sin da subito, se si possiedono o meno i requisiti per accedere a questa procedura e come affrontarla e gestirla nel migliore dei modi. Infatti, può essere richiesta solo da soggetti a cui non può essere applicata la legge fallimentare. La richiesta viene fatta direttamente agli organismi della composizione crisi o al Tribunale di competenza.

Requisiti per il sovraindebitamento

I requisiti minimi che sono richiesti per il sovraindebitamento sono elencati di seguito e sono quelli attualmente vigneti (salvo varie ed eventuali modifiche o integrazioni future):

  • Start Up Innovative
  • Consumatori
  • Lavoratori autonomi, liberi professionisti e artisti
  • Imprenditore cessato
  • Socio con responsabilità illimitata
  • Imprenditori con patrimonio annuo non superiore ai 300.0000 euro
  • Società professionali facenti parte della ex Legge 183/2011
  • Imprenditori con debiti che non superano i 30.000 euro
  • Enti privati ma non commerciali
  • Società semplici professionali.

Ci sono invece delle categorie che non possono accedere alla procedura di sovraindebitamento? Queste riguardano (sempre salvo modifiche e integrazioni future):

  • Tutti i soggetti che, nei cinque anni precedenti, hanno già fatto ricorso alla procedura di sovraindebitamento
  • Imprenditori che hanno procedure concorsuali in corso
  • Soggetti che sono stati protagonisti di risoluzione, revoca o annullamento del piano del consumatore
  • Tutti i soggetti che non presentano la documentazione richiesta atta a ricostruire la situazione economica attuale.

Ti potrebbe interessare: Aste immobiliari come funzionano

Previous articleLe Stelle di Natale e idee eco-friendly da copiare: Natale Plastic-Free
Next articleCome lavare il piumone in modo corretto
Ciao sono Mara Mencarelli, founder di questo ed altri siti. Blogger, webeditor, freelance. La scrittura e lo sport sono tra i miei interessi principali. Per informazioni e collaborazioni scrivi a maraoya21@gmail.com

3 COMMENTS

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.