Come creare un angolo studio ufficio in casa o soggiorno

 

Grazie all’avvento di internet, allo sviluppo del web e delle tecnologie, Il lavoro per alcune categorie in particolare, sta cambiando velocemente aspetto. Molte attività lavorative, come ad esempio quelle da freelance, possono essere svolte in casa senza recarsi sul posto di lavoro ed interfacciandosi con i clienti tramite il web ed internet. L’esigenza di dar vita ad un angolo ufficio specifico da dedicare al proprio lavoro diventa prioritaria per molti persone, me inclusa, dato che svolgo il lavoro di blogger a tempo pieno. Non tutti hanno esperienze nel settore dell’arredamento e dunque voglio fornirvi alcuni consigli su come creare un angolo studio ufficio in casa o in soggiorno con facilità rispettando gli spazi e le vostre esigenze di lavoro.

 

Come creare un angolo studio ufficio in casa o in soggiorno
Come creare un angolo studio ufficio in casa o in soggiorno

Come creare un angolo studio ufficio in casa o in soggiorno efficace e funzionale

Anche io ovviamente ho creato il mio ufficio in casa posizionandolo in soggiorno vicino alla finestra per godere della luce naturale. Ma i luoghi in cui poter creare un piccolo o medio angolo ufficio  sono molti. E’ necessario valutare le dimensioni della propria casa, considerare qual’è l’ambiente più consono per noi e per il nostro angolo studio prendendo spunto magari da alcune riviste d’arredamento e rivalutando angoli della casa che spesso vengono poco considerati come ad esempio gli ingressi, il sottoscala, lo spazio vicino o sotto alla finestra di una stanza, gli angoli, e così via. Sicuramente la soluzione migliore è quella di creare un vero ufficio usufruendo di una stanza appositamente adibita a tale funzione ma purtroppo non tutti possiedono in casa una stanza in più.

Creare un angolo ufficio in soggiorno

Creare un angolo ufficio in soggiorno non richiede spazi ampi ma piuttosto scelte di stile bene mirate ad iniziare dalla considerazione degli arredi presenti, mobili e tessili inclusi, cercando di uniformarci allo stile presente quanto meno per quanto concerne la categoria d’appartenenza: moderno, minimal, classico, rustico, pop etc. Ciò non toglie che si possono adottare anche piccole variazioni sul tema. Ad esempio in un soggiorno moderno andrà bene anche un una scrivania per computer in stile minimal, in un soggiorno in arte povera si inserirà perfettamente anche un angolo studio etnico o shabby  chic. Una libreria potrà ospitare una scrivania agevolmente, o un mobile che si possa richiudere costituirà una soluzione vincente celando uno studio completo ed ordinato.

 

Attenzione alle dimensioni: scegliere i mobili da ufficio polifunzionali

Spesso lo scoglio più grande da superare è quello delle dimensioni. Per uno studio funzionale occorre poter inserire una scrivania con alcuni cassetti, lo spazio per un computer e magari relativa stampante, tutti oggetti indispensabili per poter gestire un lavoro da casa come freelance. Qualora lo spazio da sfruttare sia insufficiente è conveniente orientarsi verso mobili polifunzionali che riescono a conciliare tutte le esigenze, come ad esempio, mobili da ufficio dotati di ribalta, soluzioni che consentono all’occorrenza, di essere chiuse o aperte contenendo al loro interno tutto ciò di cui si ha necessità.

 

Sfruttare gli spazi: sottoscala, angoli, nicchie, corridoi, armadi a muro

Anche gli angoli più angusti come ad esempio un sottoscala, uno stanzino, un ingresso e persino un corridoio ed un armadio a muro possono ospitare agevolmente un angolo studio grazie alle proposte d’arredo che si trovano in commercio. Il sottoscala è tra le tante possibilità uno degli spazi che amo di più perché permette di creare ambienti personalizzati ed angoli ufficio molto funzionali sfruttando l’altezza degradante tipica del sottoscala. E’ necessario considerare una buona illuminazione sia che si trattai di luce artificiale che naturale. Una fonte luminosa fissa posta sulla scrivania potrà risolvere il problema con semplicità, allo stesso modo sarà utile dotare lo spazio di prese di corrente inseribili sfruttando anche adattatori polifunzionali dotati anche di prese usb oltre che di prese elettriche. Valutare con attenzione le dimensioni della scrivania e del piano d’appoggio in modo da poter godere agevolmente di tutte le cose necessarie in comodità.

 

Sharing is caring!

Related Post

Related Posts

19 Commenti

  1. Una volta era più difficile trovare abbastanza spazio perché i monitor a tubo catodico ne occupavano un sacco e bisognava tenerli a certe distanze. Oggi è più facile piazzarli e i tuoi consigli possono essere molto utili per trovare la soluzione migliore per le proprie esigenze.

  2. Grazia cantalupo

    Ora che sento l’ esigenza di creare un piccolo studio per mia figlia che si e’ appena laureata in giurisprudenza i tuoi consigli rappresentano ora per noi grazie !

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

* * Questo form raccoglierà il tuo nome, la tua email e il contenuto del messaggio così che noi possiamo tenere traccia dei commenti postati sul nostro sito web. Per maggiori informazioni controlla la nostra privacy policy sotto. Per commentare ci dai il tuo consenso ad acquisire la tua mail. Per rimuoverla, puoi fare la richiesta.

*

Ho letto e acconsento alla privacy policy: Accetto

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.