Influenza 2015 picco di contagi durante fine anno

9
195
Influenza 2015
Influenza 2015

Dopo le temperature elevate che hanno accompagnato l'Italia nel mese di dicembre, è giunto finalmente il freddo, la neve ha ricoperte i picchi anche a bassa quota mentre l'influenza di stagione è arrivata a rovinare le festività degli italiani. Le cifre parlano chiaro. circa 110, 120 mila italiani passeranno la fine dell'anno a letto, con un picco di contagi proprio durante gli ultimi giorni, alcuni hanno già visto sfumare le feste natalizie a suon di termometro ed antipiretici. L'influenza 2015 non perdona, le basse temperature e gli sbalzi termici sembrano favorire il contagio che, come sempre, avviene per contatto diretto con i pazienti malati attraverso i liquidi che veicolano il virus, ossia, saliva, gocce di muco derivanti dagli starnuti ecc. Un'accurata igiene dei locali e delle persone affette da influenza, potrà diminuire la percentuale dei contagi. Più esposti al rischio influenza 2015, come sempre gli anziani, i bambini e le persone affette da patologie debilitanti o immunodepresse. Il virus responsabile dell'influenza 2015 non è particolarmente violento, nonostante la febbre talvolta elevata, ed è proveniente dagli Stati Uniti.

Quali sono i sintomi dell'influenza 2015?

I sintomi dell'influenza 2015 sono soggettivi e variabili con comparsa di tosse spesso grassa, in alcuni casi disturbi intestinali, inappetenza, dolori muscolari e febbre medio alta che, in alcuni soggetti, può raggiungere i 40 ° C anche se la media si attesta sui 39 ° C, o poco più. Il farmaco d'elezione è come sempre un antipiretico e, nei casi a rischio, si può somministrare un antivirale. Sconsigliati come sempre gli antibiotici che si renderanno necessari solo in caso insorgano complicanze di vario genere. La durata sembra essere piuttosto lunga circa 7 giorni ed anche più, mentre il periodo di incubazione può variare da 1 a 3/4 giorni.

Come evitare di ammalarsi: influenza 2015

Il Presidente della Società Italiana Medicina Generale e della società Cure Primarie (Simg), Claudio Cricelli, afferma che il freddo mette ai lavori forzati l'apparato circolatorio e l'organismo, risente notevolmente degli sbalzi termici bruschi e repentini, favorendo l'insorgenza dell'influenza. Evitare quindi, di esporsi agli sbalzi termici e umidificare gli ambienti, in quanto le mucose asciutte contraggono il virus influenzale con maggior facilità. Mantenere una buona igiene.

9 COMMENTS

  1. L’hanno presa mia sorella e mio papà, mia mamma salva ma si era fatta il vaccino…
    Io son stata li solo a Natale speriamo di non esser stata contagiata!

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!

* Raccogliamo il tuo nome, la tua email e il contenuto del messaggio per tracciare i commenti postati sul nostro sito. Per informazioni controlla la nostra privacy policy. Per commentare ci dai il tuo consenso ad acquisire la tua mail. Per rimuoverla, fai richiesta.

*

Ho letto e acconsento alla privacy policy: Accetto

Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.