Malva o malva sylvestris: ” piante medicinali”

Le piante medicinali sono un vero toccasana, ci leniscono dolori, curano infezioni, rilassano corpo e mente e soprattutto non intossicano come i prodotti chimici. Sono reperibili in campi , prati e boschi, e possono essere utilizzate in modo semplice per molti impieghi utili.

6197389936_495eac17bd.jpgUna pianta medicinale molto nota ed amata, e senza dubbio la Malva selvatica, appartenente alla famiglia delle malvacee possiede spiccata azione antiflogistica, indicata nella cura degli ascessi dentali e in altre patologie.

Si tratta di una pianta erbacea perenne con radice  a fittone molto lunga e polposa. Il fusto ella malva è generalmente eretto, e può raggiungere e superare la lunghezza di un metro a secondo del terreno e delle condizioni climatiche del luogo in cui si trova.

Le foglie di malva presentano un colore verde scuro, sono pentalobate  con  lobi dentellati sul margine esterno.

I fiori  di malva presentano un colore caratteristico rosa scuro con striature violacee ma si trovano delle varianti. i fiori sono riuniti  all’ascella delle foglie , in piccoli gruppi. La corolla è pentapetala, ossia presenta 5 petali dal margine cuoriforme, presentando infatti una lobatura centrale su ogni petalo. Il frutto è una capsula contenente dei semi reniformi.

Molto comune allo stato selvatico, è presente un po’ in ogni luogo e si raccoglie  all’inizio della primavera.

 

Malva caratteristiche medicamentose e utilizzo

 

Come già detto, la malva  va raccolta preferibilmente in primavera, le parti utilizzate della pianta  sono le foglie  alle quali verà asportato il picciolo e i fiori.

I principi attivi che  si trovano nei fiori (Malvae flos) e nelle foglie (Malvae folia)  sono ricchi di mucillagini, usati per le loro proprietà emollienti e bechiche, nelle forme catarrali delle prime vie bronchiali. La pianta trova largo uso come emolliente e calmante delle infiammazioni delle mucose, oftalmica. I composti chimici in esse contenute sono: Tannino, mucillagine, malvina e malvidina.

Le proprietà della malva sono prevalentemente antiflogistiche ed emollienti, lassative diuretiche e bechiche.

Essendo un ottimo lassativo puo’ essere utilizzato nei casi di stitichezza anche nei bambini, mentre la radice può essere masticata, dopo previo e accurato lavaggio con acqua e bicarbonato nelle dentizioni difficili.


3741333611_45a29eb102.jpgModalità d’uso:

infuso, estratto fluido, estratto molle e macerazione.

 

Cucina:

la malva viene utilizzata anche in cucina, facendo attenzione a dove al si raccoglie, evitate posti inquinati e ad alto scorrimento di automobili. Le foglie tenere, i germogli e i fiori freschi, possono essere consumate sia cotte che crude, in insalate  e minestre.

 

Esistono circa 25 specie e numerose varietà botaniche create a scopo ornamentale, quest’ultime presentano fiori dal calice più grande e numerose colorazioni che virano adal bianco al viola scuro al rosa fino al rosso.

  • Malva alcea
  • Malva aegyptia
  • Malva cretica
  • Malva moschata
  • Malva neglecta
  • Malva nicaeensis
  • Malva parviflora
  • Malva pusilla
  • Malva stipulacea
  • Malva tournefortiana
  • Malva verticillata

 


Sharing is caring!

Related Post

Related Posts

3 Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

* * Questo form raccoglierà il tuo nome, la tua email e il contenuto del messaggio così che noi possiamo tenere traccia dei commenti postati sul nostro sito web. Per maggiori informazioni controlla la nostra privacy policy sotto. Per commentare ci dai il tuo consenso ad acquisire la tua mail. Per rimuoverla, puoi fare la richiesta.

*

Ho letto e acconsento alla privacy policy: Accetto

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.