Numerologia: la nascita dei numeri e interpretazioni

4
208
numerologia
NUMEROLOGIA

Abbiamo parlato, in precedenza, di questo argomento, nell’articolo “la numerologia secondo Pitagora e la Kabbalah, oggi andiamo ad analizzare i concetti, in modo più approfondito.

Numerologia: la nascita dei numeri e interpretazioni

NUMEROLOGIA
NUMEROLOGIA

Diremo che la numerologia influenza tutta la nostra vita a cominciare dalla nostra data di nascita e, che  attraverso di essa possiamo svelare molte cose riguardanti la nostra vita futura e la nostra stessa “data di morte”  presunta. La numerologia non è folclore irrazionale ne fa parte delle scienze occulte propriamente dette, ma bensì è un vero e proprio labirinto iniziatico  in cui si alternano valori pitagorici e cabalisti. Esistono ricorrenze strane nella vita di ogni individuo: date, avvenimenti, mesi, anni orari, in cui si ripetono fatti ed eventi personali, ( nel mio caso il 22 e il 4 sono numeri ricorrenti e di un certo valore, ambedue presenti nelle mia data di nascita).

I romani, adottarono il sistema decimale sostituendo i numeri a dei simboli: 5= V, 10 = X  e così via inoltre, leggevano le cifre come lettere  ossia da sinistra destra, queste stesse cifre furono adottate dai greci e le ritroviamo nelle carte dei  Tarocchi di cui in questo blog ne trovate una vasta spiegazione in una apposita  categoria dedicata interamente a loro.

Alcune civiltà leggevano, secondo il metodo  esoterico, la “scrittura bustrofedica” da destra a sinistra e viceversa alternando le righe. I fenici, elaborarono l’alfabeto mettendo fine a questa gran confusione di sistemi e metodiche. Molto difficile stabilire quale fu la prima civiltà  che iniziò ad adoperare i numeri, si dice che siano stati i sumeri, ma non è notizia certa, le ipotesi sono molteplici  e tutte più  o meno credibili.

Possiamo ipotizzare, in tutta  tranquillità,  che l’inizio di questa conoscenza numerologica e della numerologia sia legato  alle più antiche civiltà e che si trasferisce in seguito nella attuale conoscenza pitagorica e la più tardiva conoscenza cabalistica (Kabbalah), la quale apprese molto dalla tradizione egizia, elaborando i simboli dei geroglifici, alcuni dei quali appaiono nelle carte degli Arcani maggiori (Tarocchi).

In seguito, studiosi di tutto il mondo, alchimisti, scienziati, matematici, esoteristi, cabalisti, ne svilupparono la conoscenza ampliandola, trasformandola molto spesso in contenuto “occulto” in modo da rendere il tutto più comprensibile.

Numerologia e uomini primitivi

L’uomo primitivo  imparò ad incidere  sulla pietra l’alternarsi dei giorni, formando una sorta di calendario, allo stesso modo iniziò a contare i giorni e le notti, capì che gli alberi potevano essere uno o più di uno, quindi li disegnò sulla roccia allineandoli, in seguito scoprì la figura del cerchio (un simbolismo frequente e ricorrente nelle religioni e nell’esoterismo).

Nacquero i simboli e le religioni e con esse le divinità, l’uomo primitivo imparò ad usare suoni e lettere, pronunciare sillabe, nacque la parola, il suono la musica, la quale nel tempo si trasformò in canti, riti e preghiere, aumentando  tramite questo mezzo la comunicazione con gli dei e il mondo divino.
Con il passare dei secoli tutto ciò divenne conoscenza.

Il primo numero ad essere fisicamente percepito fu 1 in seguito  si passò a recepire la dualità, con la presa di coscienza del 2, da questo antagonismo si passò alla fusione delle due cifre dando inizio alla cifra del 3, riconducibile alla concetto della Triade ( padre figlio e spirito santo).

In seguito l’uomo scoprì i 4 elementi : acqua, fuoco, terra ed aria, la terra lo nutriva, l’acqua lo dissetava,  il fuoco lo riscaldava, mentre l’aria gli dava il respiro. Il fuoco lo condusse al concetto di luce così come il sole, mentre il vento lo aiutò a comprendere il concetto di movimento, così come la corsa, lo spostarsi;  l’acqua  purificatrice, colei che lava  pulisce e purifica lo condusse ad appropriasi di questa “simbologia pratica” tuttora in uso tra i popoli ebraici ( lavaggi purificatori nel tempio), mentre la terra lo condusse al concetto  di nutrimento, nascita, madre, rifugio.

Con l’unione dei tre numeri precedenti più i 4 elementi, ebbe vita il numero 7, perfezione e felicità il più sacro dei numeri antichi.

In seguito, l’uomo notò il sole e la luna che in alcune notti brillavano insieme nel loro cielo divino, così nacquero l’8 e il 9, il tutto a racchiudere in se un concetto di unità e completezza raffigurata in un  cerchio che io chiamo magico: lo 0 rappresentato dal  Matto nei tarocchi “l’inizio e la fine”, l’energia vitale, (connesso ad Urano cifra Pitagorica 4), da qui a completare  il senso di universalità  e di moltitudine, nacque il numero 10, rappresentato nei tarocchi dalla ruota della fortuna, il trionfo, la fortuna, il bene e il male fusi insieme, nella ricerca dell’unicità dell’universo. Nei prossimi paragrafi analizzeremo i numeri uno ad uno.

 

 

 

 

Articoli connessi:

 

I numeri e la magia: nascita e concetti di base …>

Numerologia: lo zero (0) e il cerchio, origini e significato…>

Numeri e significati dall’1 al 10 lettere e pianeti connessi …>

4 COMMENTS

  1. I miei numeri ricorrenti sono cambiati con me, da piccola avevo il 7, poi è diventato il 5 e da una decina d’anni ho il 3… niente, non mi si affezionano, dopo un’epoca scompaiono 🙂

    • No non cambiano sei tu che probabilmente non presti attenzione, pensa che aonosco dei cabalisti che interpretando i numeri impressi sulle braccia di deportati dei campi di concentramento sono
      stati in grado di leggerne l’intera storia… la dat di nascita i numeri ad essa essa connessa ed i numeri ricorrenti hanno un significato più vasto e profondo da quel che si creda. Comunque sia
      il 7 che il 3 sono due buoni numeri e considera anche che i numeri si possono sommare per ricavarne dei primari Per esempio 12 -06- 2012 = 5…ma lo spiegherò in seguito

  2. mamma mia che giornata…. prima l’astrologia, ora numerologia ed esoterismo… tutte cose che mi affascinano molto

    • ah ah ah è un argomento questo che affascina un  po’ tutti ma è veramente complesso e pieno di collegamenti…devo dire che numerologia e i tarocchi mi appartengono di più  ed ho
      trovato grandi collegamenti nel tempo con principi  e tradizioni presenti in  diverse religioni ( come avrai letto nei precedenti post del mio blog) …mi piace  l’astrologia 
      ma “la amo”decisamente un po’ meno 

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!

* Raccogliamo il tuo nome, la tua email e il contenuto del messaggio per tracciare i commenti postati sul nostro sito. Per informazioni controlla la nostra privacy policy. Per commentare ci dai il tuo consenso ad acquisire la tua mail. Per rimuoverla, fai richiesta.

*

Ho letto e acconsento alla privacy policy: Accetto

Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.