Sistemi d’irrigazione in giardino e in casa: come annaffiare

I sistemi di irrigazione sia per interni che per esterni, sono numerosi

 

il più comunemente usato, è il sistema di irrigazione a pioggia, adottabile per i giardini, e il sistema di irrigazione a goccia per terrazzi, balconi ed interni.

 

Sistemi d'irrigazione in giardino e in casa: come annaffiare
Sistemi d’irrigazione in giardino e in casa: come annaffiare

 

Sistemi d’irrigazione in giardino e in casa: come annaffiare

Questo sistema consente, attraverso l’uso di un piccolo apparato elettronico, dotato di selettori, di programmare da una a più irrigazioni al giorno, potendo decidere i minuti necessari di irrigazione. I computer od orologi da irrigazione, sono prodotti da numerose marche e venduti a prezzi variabili a partire da circa una cinquantina di euro in su.

E’ buona norma non collocare tali apparati in zone in cui sono soggetti ai raggi solare nell’arco delle ore più calde, in alternativa, provvedeteli di copertura in modo da garantirne il regolare funzionamento. I computer d’irrigazione, necessitano di attacco ad un rubinetto dell’acqua e sono dotati di batterie che ne alimentano il funzionamento.

Potrete farvi istallare l’impianto d’irrigazione da un giardiniere, o provvedere voi stessi all’impianto riducendo di molto i costi. L’istallazione non richiede competenze specifiche specie er gli impianti da balcone e terrazzo che non necessitano di interramento o pop up, l’istallazione risulta essere semplice, basterà acquistare un kit o in alternativa comprare la quantità che vi occorre di tubo principali e relativi gocciolatoi, integrando con altri piccoli attacchi se decidete di aggiungere dei vasi.

Ovviamente, in vostra assenza (vacanze estive), dovrete provvedere l’impianto di centralina automatica (orologio o computer per irrigazione), in modo da rendere attivo il vostro piccolo o grande impianto. Per aree di giardino molto estese, è consigliabile istallare più linee differenziate allacciate a più rubinetti e relative centraline, in modo da non gravare troppo su una sola linea a discapito della pressione dell’acqua che potrà essere non sufficiente per i pop up.

Quest’ultimi andranno interrati a dovere, predisponendo nello scavo un letto di ghiaia e sabbia che ne garantisca la stabilità. Dal terreno dovrà fuoriuscire solo la testina del pop up che sarà possibilmente collocata allo stesso piano dello stesso in modo da evitare urti o accidentali rotture dei pop up durante le operazioni di taglio del prato. Collocate un pozzetto di diramazione nello stesso modo, ma interrandolo completamente.

Ogni casa costruttrice indica sulle confezioni il raggio d’azione dei pop up e la relativa distanza di collocazione, ma ricordate che influirà molto, in questo dato, la quantità di pressione dell’acqua del vostro giardino. Infine, per vasi sia da interni che esterni, potrete utilizzare i sistemi più semplice come i picchetti che consentono di impiantare in un vaso dei gocciolatoi collegati ad una normale bottiglia o le sfere d’acqua (una sorta di gel che tende a cedere lentamente l’umidità).

 

http://img217.imageshack.us/img217/2633/perlef.jpg
Perle idratanti

 

Altri sistemi d’irrigazione

 

Altri sistemi possono essere costituiti dall’uso di grandi bacinelle o sottovasi in cui disporre dei mattoni che rialzano i vasi e riempire il tutto d’acqua in modo da cederne lentamente ai vasi, anche l’argilla espansa in acqua potrà dare degli ottimi risultati anche se questi metodi possono risultare efficaci per qualche giorno di assenza e non per lunghe assenze.

Come combattere la disidratazione delle piante

Infine, se potete usufruire di qualche amico o parente, sarà bene che almeno una volta alla settimana si rechi nel vostro appartamento o giardino e verifiche che tutto sia in ordine e che il vostro impianto stia funzionando a dovere.

Lasciate gli avvolgibili un po’ abbassati per riparare gli ambienti dal caldo e dal sole, ponete le piante in vaso all’ombra.

Sostituite le batterie alla centralina di irrigazione prima di partire e assicuratevi  del suo corretto funzionamento per qualche giorno, in questo modo potrete partire più sicuri. Qui a seguire troverete Altre norme su come curare il giardino.

Sharing is caring!

 

Un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

* Raccogliamo il tuo nome, la tua email e il contenuto del messaggio per tracciare i commenti postati sul nostro sito. Per informazioni controlla la nostra privacy policy. Per commentare ci dai il tuo consenso ad acquisire la tua mail. Per rimuoverla, fai richiesta.

*

Ho letto e acconsento alla privacy policy: Accetto

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.