Come scegliere il reggiseno giusto? Misura e coppa

0
Come scegliere il reggiseno giusto? Misura e coppa
Come scegliere il reggiseno giusto? Misura e coppa

Il reggiseno giusto, comodo e contenitivo, dovrebbe sostenere il busto per il 90% con la fascia e con le spalline il rimanente 10%. Non sempre è così. Se i seni non sono della stessa dimensione, sarà opportuno sceglierne uno più grande ed adattarlo regolando le spalline. La scelta del reggiseno migliore, o del costume, quello che calza a pennello, dunque, non è semplice, ma con alcuni accorgimenti si può capire come fare a scegliere il reggiseno giusto, la misura del busto e la coppa. Vediamo come fare a scegliere il reggiseno giusto per noi!

Indice

Il reggiseno giusto, comodo e contenitivo, dovrebbe sostenere il busto per il 90% con la fascia e con le spalline il rimanente 10%. Non sempre è così. Se i seni non sono della stessa dimensione, sarà opportuno sceglierne uno più grande ed adattarlo regolando le spalline. La scelta del reggiseno migliore, o del costume, quello che calza a pennello, dunque, non è semplice, ma con alcuni accorgimenti si può capire come fare a scegliere il reggiseno giusto, la misura del busto e la coppa. Vediamo come fare a scegliere il reggiseno giusto per noi!

Come capire la propria taglia di reggiseno, torace e coppa

La misura della coppa e del torace non sono equivalenti. La misura del torace indica appunto la circonferenza al quale va abbinata la dimensione della coppa adatta per il proprio seno. Anche se la coppa potrebbe variare un pochino da modello a modello.

Misura del torace per reggiseno

Usando un metro da sarta, di quelli che si usano per prendere la misura per fare orli a gonne e pantaloni o per cucire capi alla moda, circondate il torace, e prendete la misura sotto al seno.

Ai centimetri misurati corrisponde una taglia italiana che va dalla I° misura alla VI e oltre.

Se il seno è molto grande si potrà optare anche per reggiseni su misura o rivolgersi a negozi specializzati.

65 cm –  taglia I – (1°)

70 cm –  taglia II – (2°)

75 cm –  taglia III – (3°)

80 cm –  taglia IV – (4°)

85 cm –  taglia V – (5°)

90 cm –  taglia VI – (6°)

Una volta determinata la misura del torace e dunque la misura del reggiseno dovremo capire quale coppa è adatta per il nostro seno.

Che differenza c’è tra coppa A B C e D del reggiseno?

Una volta presa la circonferenza del busto e stabilita la misura che potrà esser I, II, III, e così via, si deve adottare la coppa adatta alla forma e alle dimensioni del seno. La coppa  – B – corrisponde alla taglia regolare e media, mentre la coppa – C – invece, corrisponde ad una taglia maggiore del reggiseno.

La D ha una coppa ancora più grande. Ad esempio, taglia 3 coppa D avrete una misura di torace media e una coppa grande. Vi sono poi le misure A, AA molto piccole, e le misure di coppa più grande che vanno oltre la D: E, F e FF.

Misura coppa reggiseno come capirla

Anche in questo caso si potrà adottare il metro, ma consiglio invece, di provare i reggiseni almeno le prime volte, in quanto in relazione alla forma del seno rotonda, a pera, largo o stretto potrà adattarsi una coppa piuttosto che un’altra.

Per capire la coppa del reggiseno giusto per noi teoricamente si dovrebbe sottrarre alla circonferenza del seno  quella del torace ed aggiungere poi 12,5 centimetri.

Tipi di reggiseno e stile

Ci tengo a precisare che ci sono vari tipi di reggiseno e che il modo di calzare il vostro seno può variare da modello a modello, quindi cercate di capire qual è il tipo di reggiseno ed il modello più idoneo per voi: reggiseno imbottito o no, pus up, reggiseno con ferretto o senza, con fascia larga sotto o sottile, reggiseno a triangolo o reggiseno a coppa tonda. Infine ci sono i reggiseni sportivi adatti appunto per coloro che praticano sport e necessitano di un tipo di sostegno diverso durante l’attività sportiva.

Quanti reggiseni è necessario avere?

In base alle proprie esigenze si sceglie il numero di reggiseni da avere, ma spesso, servono per colore. Quindi bianco, nero, rosa, color carne e qualche reggiseno colorato preferibilmente dei colori che usi di più e delle tendenze moda del momento. Il comfort poi ha il suo peso e quindi anche i modelli andrebbero scelti differenziandoli.

Quali reggiseni dovresti avere nel cassetto dell’intimo?  Scegliete il reggiseno in base alle attività: sport, lavoro, abiti scollati, con e senza spalline etc. Personalmente consiglio di avere almeno da 5 a 7 reggiseni nel cassetto del proprio armadio.

Come scegliere il reggiseno giusto?

Non sempre è facile trovare il modello adatto a noi ma con qualche trucco è facile capire come scegliere il reggiseno e quanti e quali averne.

Come capire che reggiseno comprare?

Il reggiseno dovrà abbracciare e circondare il busto senza comprimere lo sterno e lo stomaco. Inoltre, alzando le braccia in alto dovremo verificare che il reggiseno non salga e sfugga in su. Un buon reggiseno della misura giusta deve rimanere ben stabile sul torace.

Seno cadente quale reggiseno?

Non tutte hanno la fortuna di un seno sodo, specie dopo una certa età o dopo aver avuto dimagrimenti repentini. A tal proposito il seno potrebbe risultare cadente. Scegliere il miglior reggiseno per seno cadente è possibile, si dovrà optare per i modelli di reggiseno push up, dotati di  coppe piccole e sostegno in grado di rialzare i seni e renderli più armoniosi in modo da potervi permettere anche una bella scollatura.

Seno piccolo quale reggiseno?

Se avete il seno piccolo è consigliabile optare per modelli di reggiseno imbottito in modo da poter riempire un poco la zona del petto consentendovi di indossare meglio gli abiti. Da evitare i reggiseni con ferretto sottostante meglio optare per fasce ampie in modo da rendere il reggiseno più stabile ed evitare che alzando le braccia salga su.

Seno a pera quale regiseno?

Il seno a pera ha una forma che non sempre soddisfa le donne: In tal caso un modello push up può aiutarvi non solo ad alzarlo ma ad avvicinarlo e renderlo più armonico.

La verità che esistono tante forme di seno e di grandezze seno, per cui il reggiseno va scelto in base ai criteri descritti, e alle proprie soggettive esigenze.

Ogni quanto cambiare il reggiseno e come lavarlo

Quanto al lavaggio, specie se si tratta di biancheria costosa, il consiglio spassionato e di procedere al lavaggio a mano evitando di rovinare il reggiseno. Acqua calda e centrifuga possono comprometterne il colore e la durata degli elastici. Quindi se avete dei completini intimi a cui tenete lavateli amano in acqua fredda o tiepida. Dureranno di più. Fate la stessa cosa con i costumi da mare.

Quanto al cambio di reggiseno, l’intimo va cambiato spesso e, specie se si suda molto, come accade in estate, anche tutti i giorni. Gli esperti consigliano massimo 2 o 3 utilizzi ( 2 o 3 giorni) considerando che la notte non andrebbe indossato e che comunque spesso i reggiseni più commerciali non sono in fibre naturali o almeno non completamente, salvo alcuni.

Previous articleStivali donna tendenze moda 2022 2023 autunno inverno
Next articleCapelli colori e acconciature autunno inverno 22/ 23 tutte le tendenze
Ciao sono Mara Mencarelli, founder di questo ed altri siti. Blogger, webeditor, freelance. La scrittura e lo sport sono tra i miei interessi principali. Per informazioni e collaborazioni scrivi a maraoya21@gmail.com

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.