Figli adolescenti e problematiche gruppi d’appartenenza

1
410

Si sente dire che i quindici anni siano l’età più bella, si è sgravati dalle responsabilità, si comincia ad acquisire indipendenza, ci si sente grandi, mentre invece per molti adolescenti questa dei 14/15 anni è veramente un’età molto critica.

 

 Figli adolescenti e problematiche gruppi d’appartenenza

 

Pur sentendosi adulto il ragazzo adolescente e ancor più una ragazza è soggetta a vari livelli di repressione da parte dei genitori e talvolta anche dei nonni: il bambino è diventato grande, vuole uscire da solo far tardi la sera, adotta dei look che alle volte sbalordiscono i genitori e ancor più i nonni, indossa piercing vuole farsi i tatuaggi, si avvicina ad ascolti musicali di vario genere, alcuni incomprensibili a molti genitori, assume comportamenti di scarsa tolleranza nei confronti dei propri genitori e sorgono così le prime problematiche dei figli adolescenti.

 

Figli adolescenti e problematiche gruppi d'appartenenza
Figli adolescenti e problematiche gruppi d’appartenenza
Adolescenti e gruppi d’appartenenza

Molto spesso tale situazione spiazza molti genitori che non riconoscono più il proprio “piccolo figlio”, e si trovano d’avanti ad un adulto ribelle…in realtà questa ribellione e l’appartenenza che si crea spesso a gruppi e tendenze (Rock, Emo, Punk, Zecche ecc.), non è altro che un modo per cercare ed affermare la propria personalità l’adolescente è spinto da un forte impulso, a staccarsi dai genitori e crescere cercando se stesso. spesso ciò coincide con l’appartenenza a gruppi che in qualche modo delineano uno status legato all’età alle idee ma anche alle amicizie e alle situazioni contingenti. in alcuni adolescenti tale fase di crescita e passaggio viene avvertita in modo quasi impercettibile, in altri esplode come una bomba a ciel sereno cogliendo i genitori spesso impreparati.

 

Figli adolescenti e problematiche gruppi d’appartenenza: Quali soluzioni adottare

 

In realtà non esistono grandi soluzioni alle problematiche di un figlio adolescente che innesca un meccanismo di ribellione e si veste si comporta ed assume atteggiamenti anche estremi. Spesso hanno reazioni così eclatanti, proprio i primogeniti, o quei ragazzi che hanno subito da parte dei genitori, dei nonni o di alcuni parenti stretti (cugini, o fratelli maggiori), un forte stato di oppressione. In questi ragazzi la necessità di affermare una propria identità ed dar maggior valore ai propri no ed i propri si diventa ancor più forte. Cercate di assecondarli senza far troppo caso alla loro nuova moda o alle loro sfuriate…accogliete in casa i loro amici anche se “strani”, lasciategli vivere serenamente questo momento di passaggio senza però perderli di vista. Più li lasciate fare in tranquillità, prima troveranno la loro dimensione ed il loro io come persona fisica e prima si tranquillizzeranno, ma ricordate che ogni adolescente è comunque una persona con il proprio carattere più o meno tranquillo e spesso tale caratteristica sarà presente anche nell’adulto che si sta delineando, con grande fatica, sotto i vostri occhi.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.