Juniperus Sabina ginepro sabino fitoterapica con proprietà abortive

0
Juniperus Sabina ginepro sabino fitoterapica con proprietà abortive
Juniperus Sabina ginepro sabino fitoterapica con proprietà abortive

Una pianta molto bella dal portamento strisciante che, come il Ginepro Comune, appartiene alla famiglia delle Cupressaceae. Un arbusto il Ginepro Sabina sempreverde, prostrato, ricchissimo di ramificazioni sottili e flessibili ricoperti da minuscole foglioline aghiformi di colore verde.

Indice

Una pianta molto bella dal portamento strisciante che, come il Ginepro Comune, appartiene alla famiglia delle Cupressaceae. Un arbusto il Ginepro Sabina sempreverde, prostrato, ricchissimo di ramificazioni sottili e flessibili ricoperti da minuscole foglioline aghiformi di colore verde.

Ha delle proprietà fitoterapiche emmenagoghe, emetiche ma anche abortive. Impariamo a conoscere le proprietà e la bellezza di questa pianta “Juniperus Sabina ginepro sabino” che cresce spontaneamente in natura nelle zone alpine e sui pendii soleggiati.

Juniperus Sabina ginepro strisciante fitoterapica

Il Juniperus Sabina, o Ginepro Sabino è una bella pianta dall’aspetto estetico e gradevole, coltivabile sia in terra piena che in vaso. Le foglioline verdi aghiformi sono opposte e disposte a coppia, tanto fitte da non permettere la vista dei rametti di colore bruno.

In particolari condizioni climatiche, e se posta in terra piena, può arrivare a diversi metri di altezza, raggiungendo anche gli 8 – 10 metri. Cresce generalmente nelle zone montane e viene collocato nei giardini a scopo ornamentale.

Le foglie sono munite di una ghiandola esterna che contenente essenza che conferisce alla pianta un odore caratteristico molto gradevole.

I fiori di Juniperus Sabina sono di due tipi, sia maschili che femminili. I fiori maschili sono raggruppati in amenti ovali aventi ognuno una brattea.

I fiori femminili invece si sviluppano in un piccolo galbulo di dimensioni simili ad un fagiolo che possiedono dei riflessi verde celeste e contengono al loro interno generalmente 2 semi di forma ovale e di consistenza rugosa. Fiorisce da aprile a maggio.

Juniperus Sabina ginepro strisciante: Raccolta e utilizzo

L’aspetto estetico è indiscusso, è sicuramente una bella pianta sempreverde che merita un posto nei giardini, specie nei giardini rocciosi dove si colloca molto bene.

Le sue proprietà abortive la pongono al centro di polemiche per le sue proprietà medico – legali non regolari, che si ottengono con l’utilizzo dovute alla presenza di una essenza tossica ricavata dalla distillazione (1,4% rendimento medio) che ha proprietà oxitociche. Inoltre, il Juniperus Sabina ha anche proprietà insetticide e può essere usata per tale scopo.

giardino roccioso con prato
giardino roccioso con prato

Composti chimici Ginepro Sabina: proprietà e modalità d’uso

I composti chimici di questa pianta sono principalmente i seguenti: sabinolo, sabinene, pinene, geraniolo, citronellolo, tannino, resina ed infine, cera.

Proprietà: come visto, possiede proprietà abortive, emetiche, ed infine emmenagoghe. L’intera pianta si rivela tossica sia per gli animali che per l’uomo.

Modalità d’uso

Il Ginepro Sabino viene utilizzato sotto forma di infuso, estratto fluido, essenza, tintura e anche polvere. In passato, questa pianta veniva usata contro i reumatismi, la gotta, come emostatico, vermifugo ed abortivo.

6 Curiosità sul Juniperus Sabina

  1. Un tempo era una pianta usata anche per la realizzazione di utensili da cucina sfruttando i rami più grossi della pianta.
  2. Noto anche come “cipresso dei maghi” il Ginepro sabina o sabino veniva utilizzato come amuleto per proteggersi dai sortilegi. Rientra dunque, come per altre specie fitoterapiche, tra le piante considerate “magiche“.
  3. A seconda della localizzazione geografica è noto con nomi diversi, tra i quali il più curioso è quello usato in Toscana dove viene chiamato “pianta dannata“. In Lombardia noto come Sprelone, o Erba sabina.
  4. Anticamente veniva utilizzato per favorire il parto delle vacche grazie alla presenza dell’essenza tossica con proprietà proprietà oxitociche.
  5. Infine il suo nome, “Sabina o Sabino” richiama la sua originaria presenza nell’antica località chiamata un tempo Sabina, ed oggi conosciuta come odierna Reatina.
  6. Con il suo “fratello di specie”, il Ginepro Comune, ma con proprietà molto diverse, si prepara il noto liquore di ginepro.

Ti potrebbe interessare:

Quali sono le 30 bacche commestibili e quelle tossiche

Previous articleCome migliorare il proprio outfit: glow up in 5 mosse
Next articleCome arredare una cameretta piccola: 5 camerette salvaspazio, pro e contro
Ciao sono Mara Mencarelli, founder di questo ed altri siti. Blogger, webeditor, freelance. La scrittura e lo sport sono tra i miei interessi principali. Per informazioni e collaborazioni scrivi a maraoya21@gmail.com

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.