Pisa le 7 cose da vedere e visitare in 1 giorno

Pisa è una cittadina dal grande fascino. Nota per la particolarità della torre che pende, possiede un centro storico molto frequentato dai turisti, chiese, monumenti e bellezze naturali. Se ci si reca a Pisa per 1 solo giorno ci sono 7 cose che meritano la precedenza per essere viste e visitate. Vediamo quali sono!

 

Pisa le 7 cose da vedere e visitare in 1 giorno

 

Cittadina romantica nel suo genere, può essere una meta ambita anche per un anniversario di coppia,  o per una visita di gruppo, dista 60 km da Firenze.  Città d’arte della Toscana offre molti panorami suggestivi e bellezze architettoniche. Tra tutte meritano una visita la Torre e la bellissima Piazza del Duomo. Il complesso architettonico che vi si staglierà d’avanti è Campo dei Miracoli uno dei principali monumenti di Pisa che vede al suo interno ben 4 bellezze architettoniche: il Duomo, il Battistero, la torre pendente ed il Campo Santo. Il tutto orlato dalle stupende mura pedonabili che circondano l’insieme in modo armonico.

 

Pisa le 7 cose da vedere e visitare in 1 giorno
Pisa le 7 cose da vedere e visitare in 1 giorno: Piazza del Duomo

Pisa città giovane e l’Università: Piazza dei Cavalieri

 

Pisa antica Repubblica Marinara è attualmente come Perugia, una città per lo studio. L’Università principale si trova su una bellissima piazza, Piazza dei Cavalieri, ed è accolta in un edificio dalla bellezza mozzafiato con facciate interamente in basso rilievo. Anticamente, questa piazza costituiva il cuore pulsante nella vita comunale della città di Pisa.

La Torre della Fame, inglobata nella struttura del Palazzo dell’Orologio vi accoglieranno insieme al Palazzo della Carovana (centro universitario), e alla Chiesa di Santo Stefano dei Cavalieri. Inutile dire che, girando per il centro storico vi imbatterete in chiese, altre torri minori, paesaggi suggestivi che bordano il fiume Arno il quale attraversa la piccola cittadina di Pisa. Ma soffermiamoci un poco sulle strutture architettoniche citate.

 

 

La Torre di Pisa

 

Arrivati a Pisa la visita che merita il primo posto vi porterà a Piazza dei Miracoli dove svetta trionfante l’emblematica Torre di Pisa conosciuta da tutto il mondo. La piazza accoglie la Torre, il Battistero, il Duomo, stradine interne, spazi verdi e le mura.

Caratteristica, la pendenza,  che ha reso nota la Torre di Pisa oltre alla sua lavorazione estrema, e la pendenza facilmente visibile che inclina la Torre verso il basso. Sembra che nonostante questa inclinazione l’asse verticale della torre passa per il suo baricentro e dunque sebbene inclinata non cadrà. Va detto però che nel corso degli anni, questa inclinazione è aumentata sensibilmente.

Artefice del progetto della Torre di Pisa fu Diotisalvi  tra il XII e il XIV secolo, stesso edificatore del Battistero che si trova nella medesima location. Non vi stupirà sapere che la Torre di Pisa  è stata proposta come una delle 7 meraviglie del mondo, ed è di sicuro una delle torri più suggestive del mondo.

 

 

Il Duomo di Santa Maria Assunta di Pisa

 

Se siete in visita alla Torre noterete che, a pochi passi dalla stessa, si trova il monumentale Duomo di Pisa: Santa Maria Assunta. L’edificazione del Duomo risale al 1064 ma la sua bellezza ed il suo aspetto attuale sono frutto di vari restauri e rettifiche svolte nel corso del tempo. Come per Firenze, anche Pisa, ha ritenuto utile custodire alcune sculture nei suoi musei sostituendo quelle originali e presenti nel duomo nel Museo dell’Opera del Duomo che, se avete tempo a sufficienza, merita una visita.

 

Duomo di Pisa

 

Il Battistero di Pisa

 

Adiacente alle strutture citate, troviamo il Battistero di Pisa, riconosciuto come il più grande d’Italia,  la cui costruzione iniziò nel  lontano 1153 ad opera del medesimo architetto del Duomo. Una particolarità dell’edificio è determinata dalla diversità dei materiali utilizzati per mancanza di denaro. Tant’ è che la cupola del Duomo di Pisa risulta rivestita in parte da tegole di cotto e in parte da lastre grigie in piombo.

La mancanza di fondi ha decretato anche la scarsità di affreschi interni nel Battistero di Pisa cosa che abbonda totalmente nelle chiese e nel Duomo fiorentino. Diversamente per il Pulpito che ad opera di Nicola Pisano, uno dei precursori del rinascimento,  presenta scende narranti della vita di Gesù e diversi soggetti che rappresentano le Virtù.

 

Battistero di Pisa

 

Pisa ed il suo fiume: Lungarno

 

Le città d’arte più belle, Roma, Firenze, Venezia, Parigi, Praga,  etc, possiedono la magia dell’acqua che con il suo scorrere, evoca romanticismo, calma e atmosfere suggestive. Anche Pisa è attraversata dal fiume, L’Arno incorniciato da ponti e sponde  che costituiscono una ricchezza artistica per la città.

I Lungarno di Pisa che meritano una visita sono molteplici, ma ricordiamo in particolare il Lungarno Mediceo dove si trovano Palazzo dei Medici e Palazzo Toscanelli, e Lungarno Gambacorti dove si può ammirare la bellezza della chiesa Santa Maria della Spina con le su guglie e la sua parete esterna che costeggia  il  fiume.

 

 

Lungarno di Pisa

 

Il Centro storico di Pisa e le altre 2 torri

 

  1. Il centro storico di Pisa è molto popolato da turisti, vi si trovano negozi, locali, punti di ristoro, un luogo piacevole in cui passeggiare per fare shopping, ed ammirare i numerosi edifici storici d’arte che lo compongono, insieme ai palazzi d’epoca.
  2. La piazza della stazione invece, sebbene sia nota e frequentata, ci colpisce decisamente di meno.
  3. Borgo Stretto rappresenta uno dei quartieri più suggestivi di Pisa e vale la pena visitarlo.
  4. Meritano una visita anche   le altre due Torri di Pisa: una si trova in via Santa Maria ed è rappresentata dal Campanile della Chiesa di San Nicola, mentre l’altra è il campanile della Chiesa di San Michele degli Scalzi che si trova nella via omonima.

 

Scorcio di Piazza della stazione a Pisa

Il Camposanto Monumentale di Pisa

 

Sempre nel Campo dei Mircoli potrete visitare il Camposanto Monumentale di PIsa, luogo che accoglie le spoglie di numerosi personaggi illustri. Si tratta infatti di un luogo sacro in quanto nell’antichità i crociati vi portarono la Terra Santa prelevata sul noto Monte Golgota. Da allora questo luogo è diventato luogo di culto in cui furono collocate anche numerose opere d’arte di origini etrusche, e capolavori di varia provenienza risalenti al secolo scorso.  La struttura è caratterizzata da mura in marmo bianco  che trovano al loro interno la collocazione delle Tombe. Nel tempo i sarcofaghi furono spostati e la guerra causò vari danni che costrinsero ad opere di restauro iniziate nel 1945, a guerra ultimata ed attualmente ancora in corso.

 

Camposanto Monumentale di Pisa

 

Curiosità su Pisa

 

Il nome Pisa ha origini controverse. Sembra che Pisa fu fondata dai guerrieri Achei e che il suo nome  risalga alla città greca Elide (Peloponneso) gli abitanti di quest’ultima erano guidati da Pelope,  che dopo la guerra di troia avrebbero fondato Pisa. Per questo la città è soprannominata Alfea  derivando tale nome dal fiume Alfeo in Elide.  La città ha comunque origini antichissime e, in epoca romana divenne municipium prendendo il nome di Colonia Opsequens Iulia Pisana.  Ma le ipotesi più attendibili riguardo al nome sono:

  1. Riferimento alla città dell’Arno “estuario”.
  2. Riferimento dal greco “luogo irrigato” PISOS.

 

Come raggiungere Pisa

Pisa ospita l’aeroporto più importante della Toscana Il Galileo Galiei quindi è facilmente raggiungibile sia in aereo che il treno (la piazza della stazione è vicina alle opere ed edifici da visitare), o in pulman. Se arrivate in auto approfittate dei parcheggi a pagamento appena fuori dalle mura che vi porteranno a Piazza del Duomo, superato l’arco vi aspetta una scenario meraviglioso ed unico nel suo genere.

 

Ti potrebbe interessare:

 

Fortezza Stella in Toscana a Porto Ercole Location d’eccellenza e museo

 

Praga a Natale cosa vedere e dove andare

 

Parigi: Montmartre e la Basilica del Sacré Coeur

 

 

Sharing is caring!

Related Post

6 Commenti

  1. Pisa per me è una città di gioie e di dolori. Gioie quando vi ho portato la mia cara amica canadese, ci divertimmo tantissimo, dolori quando il mio compagno dovette operarsi li ai polmoni.certo è che piazza dei miracoli ha sempre il suo fascino eterno

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

* Raccogliamo il tuo nome, la tua email e il contenuto del messaggio per tracciare i commenti postati sul nostro sito. Per informazioni controlla la nostra privacy policy. Per commentare ci dai il tuo consenso ad acquisire la tua mail. Per rimuoverla, fai richiesta.

*

Ho letto e acconsento alla privacy policy: Accetto

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.