Gatti e territorio: segnali di dominio

Vi siete mai chiesti in che modo i vostri amici gatti marcano il territorio in cui vivono? C’è chi crede, erroneamente che ciò avvenga solo con l’urina in gatti non sterilizzati: non è così! I gatti marcano il territorio lasciando segnali di dominio ben precisi, e vigilano su di esso spesso anche se sterilizzati lasciando segni del loro passaggio e della loro presenza.

 

Gatti e territorio: segnali di dominio

 

Tra i segnali di dominio lasciati dai felini, primo fra tutti il loro odore e la loro urina. L’odore  gli proviene da delle ghiandole poste in varie parti del corpo tra cui il muso e i cuscinetti delle zampe: E proprio sui cuscinetti delle zampe che ci vogliamo soffermare. I gatti graffiando e arrotandosi le unghie segnalano il loro passaggio impregnando del loro odore l’oggetto su cui si sono “arrotati” le unghie. Per questo motivo in tutti i punti di maggior accesso in casa dai terrazzi e dalle porte d’ingresso dei giardini dovrete collocare dei tira graffi: Solo in questo modo lui si sentirà al sicuro, delimitando la zona, ed eviterà di rovinarvi i mobili di casa con le sue belle unghiette. Vi ricordo che le unghie dei gatti possono venir spuntate mediante l’uso di apposite tronchesine, ma sappiate che ricresceranno in fretta e che tagliare le unghie ad un gatto non è sempre semplicissimo.

Ostili o non con gli altri felini, i gatti tendono a delimitare la loro zona, se sono gatti sterilizzati riducono la zona di appartenenza rispetto a gatti non sterilizzati ma riconoscono comunque e segnalano il loro ambiente familiare come proprio. Questo senso di territorialità è più spiccato nei maschi e in particolar modo in alcuni di essi prevale in maniera sensibile.

 

 

La zona territoriale del vostro gatto si divide principalmente in:
  • Nucleo
  • casa
  • zona di caccia.

Il nucleo è l’area destinata al pranzo ossia dove mangia, al gioco e al suo riposo notturno e giornaliero. La casa, diviene un luogo neutrale, una zona di separazione tra lui e gli altri gatti del vicinato, la sua area protetta, mentre la zona di caccia viene spesso condivisa con altri animali simili a lui e non.

Le dimensioni dell‘area territoriale di un gatto sono variabili in relazione al proprio carattere, alle proprie capacità organizzative, al suo rapporto con gli altri felini, alla sua forza fisica ma, soprattutto,  in relazione alla sua necessità più o meno marcata di affermarsi sul territorio.

Quando si decide di prendere uno o più gatti bisogna conoscere le loro esigenze naturali di questi animali e rispettarle, consci che ciò può comportare qualche problematica alla nostra casa, e ai sui arredi. Per ridurre i danni,  provvedere a mettere in atto  i dovuti accorgimenti  attraverso l’ l’ausilio di: tira graffi, tavole, tappetini esterni, lo aiuteranno a marcare il territorio senza crearvi troppi problemi.

 

Ti potrebbe interessare:

 

Vivere con gli animali: 5 consigli utili

Sharing is caring!

Related Post

6 Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

* Raccogliamo il tuo nome, la tua email e il contenuto del messaggio per tracciare i commenti postati sul nostro sito. Per informazioni controlla la nostra privacy policy. Per commentare ci dai il tuo consenso ad acquisire la tua mail. Per rimuoverla, fai richiesta.

*

Ho letto e acconsento alla privacy policy: Accetto

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.