Piante acquatiche e palustri: piante per laghetti, acquari e stagni

11
295

$(KGrHqUOKkME4mZZv,)gBOUtZgLkww--48_35Le piante acquatiche, sono quelle che crescono vigorose nei laghetti e negli stagni di piccole e medie dimensioni, le troviamo anche nei ruscelli, nei piccoli specchi d’acqua dei giardini, coltivate con le radici ed i rizomi parzialmente sommersi mentre, le foglie ed i fiori, sono visibili fuori dall’acqua o sul pelo della stessa.

Le piante acquatiche più conosciute che presentano una splendida fioritura sono le Ninfee ed i fiori di Loto, crescono in acque profonde da un minimo di 30 cm fino ai 2 o 3 metri. Altre specie galleggiano anche a fior d’acqua, lasciando le radici che pescano spontaneamente e liberamente l’acqua.

Alcune piante acquatiche vivono con la vegetazione completamente sommersa, purificano l’acqua e non sono particolarmente vistose ma di grande utilità, adottate spesso anche negli acquari, proprio in virtù di questa funzione. Tra esse troviamo i generi Aponogeton, Elodea, Myriophyllum, Cryptocorne, Ceratophyllum.

Aponogeton - Elodea - CeratophyllumAponogeton - Elodea - CeratophyllumAponogeton - Elodea - Ceratophyllum

Aponogeton – Elodea – Ceratophyllum

Piante acquatiche e palustri spontanee: quali sono

Ai bordi degli stagni dei laghetti e dei ruscelli, crescono in acqua poco profonda molte tipologie di piante palustri, vivono e si sviluppano bene, anche in terreni semplicemente molto umidi, adatte nei giardini in zone in cui altre piante non trovano il loro ambiente favorevole per l’elevata umidità del terreno. Tra esse troviamo l’Iris pseudacorus (Giaggiolo palustre), una pianta molto rustica,selvatica e resistente che da vita a delle belle fioriture vistose dal color giallo, sempre della famiglia degli Iris ne troviamo anche altre tipologie adatte alle zone lacustri ed umide. Un’altra specie a portamento compatto dalla ricca fioritura primaverile (Marzo, Aprile), è la Caltha palustris, o Calta di palude o Farferugine.

Le specie palustri spontanee sono molte troviamo anche il Calamo aromatico (Calamus Acorus), il Giunco fiorito (Butomus umbellatus), la Tifa (Thifa), detta anche Biodo e la Calla palustre (Phragmites palustris).

Fiore di loto - Iris pseudacorus - Caltha palustris - Butomus umbellatus
Fiore di loto - Iris pseudacorus - Caltha palustris - Butomus umbellatus
Fiore di loto - Iris pseudacorus - Caltha palustris - Butomus umbellatus
Fiore di loto - Iris pseudacorus - Caltha palustris - Butomus umbellatus

Fiore di loto – Iris pseudacorus – Caltha palustris – Butomus umbellatus

Piante acquatiche e palustri: piante per laghetti, acquari  e stagni

Piante acquatiche e palustri ed alberi per zone umide: quali scegliere.

Le specie di piante coltivate per laghetti, stagni, fontane e ruscelletti inserite nei giardini, sono moltissime, tra esse gli Iris tra cui l’Iris Kaempferi e l’ Iris Siberica, la splendida Calla bianca a crescita rigogliosa, la Thalia dealbata e tutti i Papiri (Cyperus), infine, la Pontederia.

Ai bordi dei laghetti o dei piccoli specchi d’acqua di ogni genere, si possono collocare specie vegetative che si adattano bene ai terreni umidi o alle zone umide senza essere delle vere e proprie piante acquatiche, tra esse ricordiamo alcuni alberi come il Salice piangente, l’Ontano, le Tamarici, la Quercia palustre, i Platani ed anche i Pioppi.

Tra le piante a portamento arbustivo ricordiamo le splendide Ortensie con le ricche fioriture, il Sambuco, il Corniolo della Siberia caratterizzato da rami rossicci e varie specie di Bambù.

Infine, tra le piante di piccole dimensioni o comunque erbacee perenni acquatiche, vanno ricordate l’Astibe japonica, l’Epilobium, la Glyceria acquatica, e l’Osmuna regalis.

Thalia dealbata - Papiro  - PontederiaThalia dealbata - Papiro  - PontederiaThalia dealbata - Papiro  - Pontederia

Thalia dealbata – Papiro – Pontederia

Piante acquatiche e palustri: piante per laghetti, acquari  e stagni

Come coltivare le piante acquatiche e palustri

La coltivazione delle piante acquatiche e palustri è abbastanza facile, l’importante è scegliere quelle idonee al clima in cui vanno collocate, scegliendole in relazione anche alla tipologia: le piante palustri non vanno poste in immersione e viceversa in terra ma, inserite nella giusta collocazione. Le piante acquatiche necessiteranno invece di essere immerse in acqua non stagnante, specie nel periodo di vegetazione, per questo si dovrà garantire il fluire ed il ricambio dell’acqua nei laghetti, negli stagni e, in tutti gli specchi d’acqua decorativi in cui vengano collocate, senza esagerare e arricchendo il liquido di sali minerali di cui le piante necessitano per vivere e crescere. Da sfatare il mito che sia necessaria dell’acqua pura. Le piante acquatiche necessitano di terra in cui poter sviluppare radici e rizomi e poter crescere velocemente, di concimazioni e terriccio fertile. Osservando poche semplici regole e scegliendo le specie giuste, vedremo crescere velocemente le piante acquatiche e palustri. La propagazione di queste piante è semplice, ed avviene per divisione dei rizomi e dei cespi regalando ricche fioriture e crescite rapide, con un effetto decorativo senza pari.

Ti potrebbe interessare:

11 COMMENTS

  1. a breve realizzerò un laghetto nel mio giardino, e il tuo post mi è giunto a pennello, mi ha dato l’idea delle piante da utilizzare grazie 😉

  2. Mi hanno semrpe affascinata le piante acquatiche anche perchè il mio sogno da sempre è quello di creare un laghetto nel mio giardino…grazie al tuo post ho scoperto tantissime belle varietà e se mai dovessi riuscire a realizzare il mio songo ora so su cosa orientarmi!!!

  3. Non sapevo che alcune piante acqutiche avessero proprietà purificanti! Mi sono appuntata i nomi! Pneos mi saranno utili nell’allestimento di un mini laghetto nel terreno di una casetta ci cui stiamo valutando l’acquisto!

  4. Hai pubblicato delle bellissime foto di piante acquatiche che mi hanno affascinato. Il tuo articolo è molto interessante.

  5. Mamma mia le adoroooo!!! Soprattutto il fiore di loto che ho anche tatuato su un piede :-)… mi piacerebbe tantissimo piantarlo ma prima devo trovare casa con un giardino dove realizzare un piccolo laghetto artificiale, prima o poi, intanto salvo le info 😉

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!

* Raccogliamo il tuo nome, la tua email e il contenuto del messaggio per tracciare i commenti postati sul nostro sito. Per informazioni controlla la nostra privacy policy. Per commentare ci dai il tuo consenso ad acquisire la tua mail. Per rimuoverla, fai richiesta.

*

Ho letto e acconsento alla privacy policy: Accetto

Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.