Spam su Google plus G+: 5 regole per evitare di essere bannati

G+ SPAM = BAN
Se sei un blogger lavori con i siti e con i blog ed attui diverse condivisioni al giorno? Ti sarà capitato di essere segnalato come spam o di conoscere gente che lo è stata, giusto? Una mia amica giorni fa ha ricevuto una mail da Google che la avvertiva di correggere i suoi comportamenti di condivisione pena sospensione dell'account: nasce la domanda: cosa ha generato la reazione di Google plus?

Lei asserisce di non pubblicare molti post su G+ e di effettuare per lo più condivisioni di seconde parti, ossia altri blogger (magari già segnalati).

Vediamo insieme 5 regole per evitare di essere bannati da Google. Considerando che chi amministra qualche community su Google come me, può avvertire i campanelli d'allarme, questo perché approvo i post quelli considerati potenzialmente spam da google, che vengono segnalati e non visualizzati anche se pubblicati rimangono in attesa di moderazione da parte dell'admin che può decidere di approvarli e renderli visibili. Spam su Google plus o G+ sono da evitare per non incorrere in pericolose reazioni di Google.

Il rischio delle community di Google: vero o falso?

Regola numero uno delle 5 regole per evitare di essere bannati. Alcuni sostengono che il rischio provenga proprio dalle community: bazzecole! Diciamo che ci sono degli accorgimenti da osservare: le community sono uno strumento utilissimo. Inoltre l'admin, rendendosi conto di chi rischia il Ban attraverso pubblicazioni che Google segnala all'admin come spam, può intervenire per tempo avvisando i malcapitati spesso ignari. Quindi il problema non sono le community ma bensì le condivisioni ripetute di uno stesso post in molte community e sulla propria bacheca in un intervallo di tempo ridotto e senza personalizzazione alcuna, intendendo con personalizzazione piccoli inserimento di testi o tag #

Comportamento scorretto nelle community

Regola numero 2 delle 5 regole per evitare il ban. Attenzione chi fa spam in una community può infastidire lo stesso admin ed i membri che vi fanno parte, ed essere segnalato. Quando un admin decide che si è scocciato di ricevere post segnalati da Google come spam e verifica che l'utente in questione esagera nelle condivisioni, può decidere di non approvare il post o di segnalarlo. In ambo i casi l'account G+ viene identificato come spammer e può essere sospeso o revocato.

Cambiare le community ed i post

Leggere i regolamenti delle community, qualora ci siano, è la terza regola da osservare per non subire penalizzazioni. Usufruire di varie community dello stesso settore (es. moda, cucina, automobili, viaggi etc) rispettando il tag di appartenenza della community, ossia se si tratta di una community di moda non postate argomenti che riguardano i motori… e non postare mai troppe volte nella stessa community durante un giorno inserendo i medesimi articoli, rispettando sempre la regola dell'inserimento dei contenuti brevi da associare ai link post.

Come pubblicare sulla propria home

Anche la propria home necessità di pubblicazioni che rispettino alcuni dei criteri elencati specie se state pubblicando con dicitura "pubblico". I post devono variare ed i tag o piccole informazioni di testo inserite contestualmente al post, sono l'unico modo per evitare che i propri post vengano riconosciuti come spam. Anche l'arco temporale di pubblicazione è importante, meglio pubblicare pochi post più volte al giorno che tutti nella stessa ora esempio 50 post in 24 ore o 50 post nell'arco di trenta minuti.

Evitate di farvi bannare dalle community e dagli utenti singoli

Ultimo consiglio evitate di farvi bannare dalle community per comportamento scorretto e ricordate che i link naturali sono sempre ben visti da Google sono quelli innaturali, quelli che avvengono a ripetizione ad essere incriminati. Meglio evitare gruppi che condividono a ripetizione i post e che comunque creano link innaturali. E' consigliabile quando condividi un post su Google al di fuori delle community non spuntare la casella che consente la notifica via mail, qualche utente potrebbe infastidirsi e segnarla come spam allertando Google.

Ora non rimane che illustrarvi qualche piccolo problema legato a blog spot (blogger) ma prima vi chiedo di lasciarmi un like o un G+ e seguimi in twitter,e se volete iscrivetevi alle newsletter a fianco per seguirmi basterà scrivere la vostra mail.

Blog spot una piccola falla da colmare

Infine, una nota in più per chi ha un blog di blogger (blog spot). Quando pubblicate il post il sistema lo condivide in automatico anche sul vostro account Google plus se intendente ripubblicarlo, inseritevi dei tag # aggiuntivi o qualche dicitura che invogli i lettori ma soprattutto pubblicatelo altrove non di nuovo in home. Mentre per quel che concerne chi vi commenta inserite un modulo commenti alternativo e corretto che posso evitare per chi vi condivide anche in G+ di commentare ed avere doppia condivisione pressoché simultanea: commento su google plus e condivisione su google plus.

Ovviamente Google non va in giro a sbandierare cosa si deve e non si deve fare per evitare di essere bannati, questo post è frutto di attente osservazioni e confronti con altri blogger colpiti da BAN o mail di allerta sospensione account, oltre a numerose informazioni reperite in rete che si allineano tutte in questa direzione.

Spero di esservi stata utile se avete da aggiungere altri consigli fatelo pure attraverso il modulo dei commenti.

Ti potrebbe interessare

 

Oggi trattiamo un argomento che riguarda in primo luogo, il web ed i siti di nuova costruzione ad opera di chi ha poca o nessuna esperienza. Stiamo parlando dei neofiti o novellini, coloro che approcciano alla scrittura web per la prima volta…

Sei un blogger ferrato o magari hai appena intrapreso il cammino web della scrittura e vuoi imparare qualche regola di base? Magari oggi non hai la giusta ispirazione che ti dia l’imput a scrivere?… Bene! E’ così! Certe volte scrivere diventa difficile…

Si sente parlare di copywriting e copywriter ma di cosa si tratta esattamente? Diciamo che si tratta di una professione in via di sviluppo parallelamente alla crescita esponenziale che il web ha avuto nell’ultimo decennio. Web, blog e siti…

11 pensieri riguardo “Spam su Google plus G+: 5 regole per evitare di essere bannati

  • luglio 28, 2015 in 22.11
    Permalink

    con questo articolo mi hai finalmente chiarito le idee..grazie milleeeeeeeeeeeee

    Risposta
  • luglio 29, 2015 in 22.11
    Permalink

    Avevo sentito parlare anche io di questo ban, grazie per le info ora ci ho capito qualcosa

    Risposta
    • luglio 29, 2015 in 22.11
      Permalink

      Mi fa piacere

      Risposta
  • luglio 29, 2015 in 22.11
    Permalink

    ho sentito parlare di queste “accuse ” di spam ma finalmente ho più chiara la situazione 🙂

    Risposta
  • luglio 29, 2015 in 22.11
    Permalink

    grazie per queste informazioni non lo sapevo !

    Risposta
  • luglio 29, 2015 in 22.11
    Permalink

    Non lo sapevo nemmeno io, grazie per le info!

    Risposta
  • luglio 29, 2015 in 22.11
    Permalink

    Queste regole che mi hai presentato sono molto importanti, ci sono cose che non conoscevo e ti ringrazio per averne parlato

    Risposta
  • luglio 29, 2015 in 22.11
    Permalink

    Ciao in effetti è molto interessante questa guida, ma per ora io personalmente non ho ricevuto mai nulla..

    Risposta
    • luglio 29, 2015 in 22.11
      Permalink

      Bene ma molti di quelli che hanno commentato qui (alcuni li conosco e mi seguono) si quindi fai attenzione. ..

      Risposta
  • luglio 29, 2015 in 22.11
    Permalink

    Finalmente ho le idee più chiare su tutta questa situazione! Mi sono salvata il post al volo!

    Risposta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *