Come essere in prima pagina su Google

Internet ha,  acquisito un’importanza davvero preponderante, in fatto di visibilità, in particolar modo in relazione ai motori di ricerca. Chi ha un sito web si pone questa domanda: Come essere in prima pagina su Google?

 

Strutturare bene il proprio sito scegliere un tema responsive ed un buon servizio di hosting sono alcuni dei cardini per dar autorevolezza e visibilità ad un sito ,a gli elementi di cui tenere conto per essere in prima pagine sul motore di ricerca di Google sono svariati: vediamoli!

 

Come essere in prima pagina su Google
Come essere in prima pagina su Google

 

Come essere in prima pagina su Google: tecniche di base

 

Grazie,  alla diffusione di dispositivi mobili come smartphone e tablet, il web è diventato accessibile in ogni momento della giornata da un enorme bacino di utenti. È proprio per questa ragione, dunque, che le persone hanno man mano iniziato ad utilizzare la risorsa dei motori di ricerca, per entrare in contatto con ciò che desiderano.

Avere una buona immagine sul web, dunque, è fondamentale per chiunque, dalla grande azienda al libero professionista. Ma non basta avere un sito web: è necessario che questo sia ben visibile e raggiungibile dalla maggior quantità di utenti possibili. Ma come?

Il tramite tra un utente ed un sito web è, come ti ho già anticipato, il motore di ricerca. Supponiamo che tu abbia voglia di mangiare indiano e voglia sapere se c’è un ristorante di questo genere nei dintorni. Cosa faresti? Ovviamente ricorreresti al motore di ricerca, digitando una parola chiave tipo “ristorante indiano roma”.

Il motore di ricerca a sua volta ti restituirà una lista di risultati, ordinati per importanza, affidabilità del sito web, pareri positivi, distanza, etc. In questo caso tu sarai ovviamente portato a cliccare sui risultati in prima pagina su Google e più difficilmente andrai a cliccare sui risultati contenuti nella seconda o terza pagina.

Questa classifica operata dal motore di ricerca esiste per una ragione, ovvero, per garantire all’utente la migliore esperienza possibile in relazione alla qualità del sito, alla pertinenza alla parola chiave cercata e all’autorevolezza di questo. Ovviamente, però, per i siti web appena nati è difficile essere già da subito in possesso di tutti questi requisiti ed è necessario un aiuto esterno.

La branca che si occupa del miglioramento della posizione in un motore di ricerca si chiama SEO, sigla che sta per Search Engine Optimization e che significa “Ottimizzazione per i motori di ricerca”. L’esperto SEO è in grado di migliorare il posizionamento di un sito web, grazie a una serie di tecniche, fino a farlo arrivare in prima pagina su Google e sui risultati di ricerca, come spiegato sull’articolo https://jfactor.it/google-prima-pagina/.
Affidarsi ad un esperto SEO, dunque, è una mossa intelligente se ci si affaccia per la prima volta nel mondo del web. Ma se non hai un budget da dedicare a questo scopo non scoraggiarti. Nelle prossime righe, infatti, ti illustrerò alcune tecniche “fai da te” per migliorare il posizionamento del tuo sito web, sino a raggiungere, perché no, anche la prima pagina e la prima posizione su Google.

I tre steep fondamentali per arrivare in prima pagina su Google

 

Una piccola premessa è doverosa quando si parla si motori di ricerca. Sebbene, infatti, oltre al più famoso Google, esistono altri motori tipo Yahoo e Bing, è questo a detenere il primato assoluto in fatto di ricerche mensili. Questo probabilmente anche grazie alla qualità dei risultati mostrati e alla lunga lotta contro lo spam intrapresa da questo motore di ricerca. Per questa ragione, dunque, mi concentrerò principalmente su questo per quanto riguarda l’illustrazione dei passi da seguire per riuscire ad ottenere un buon posizionamento.

Ma andiamo a vedere quali sono le fasi da seguire per far arrivare il tuo sito web in prima pagina su Google:

  1. Scelta delle parole chiave
  2. Ottimizzazione on-page
  3. Ottimizzazione off-page o link building

 

La scelta delle parole chiave

La scelta delle parole chiave è il primo passo da seguire per migliorare il posizionamento del tuo sito web. È, infatti, attraverso queste che si raggiunge l’utente potenzialmente interessato ai tuoi beni o servizi. Il mio consiglio, dunque, è di appuntare su un foglio 5 parole chiave che secondo te sono strettamente correlate alla tua attività. Cerca di essere il più specifico possibile, perché le parole chiave più efficaci sono quelle meno competitive ma con una buona media di ricerche mensili, caratteristica che potrai verificare grazie ai Tools gratuiti offerti da Google. Oltre a questo, ricorda sempre di  scrivi i tuoi testi ottimizzandoli e tendo conto del fattore key word.

 

Ottimizzazione SEO on-page

Una volta scelte le tue parole chiave dovrai inserirle all’interno del tuo sito web, scrivendo contenuti che le contengono nel titolo, nel sottotitolo e all’interno del corpo del testo. Dovrai inserire le parole chiavi, inoltre, nel tag, nel meta tag, description, ma anche nei titoli delle immagini, così da comparire nella sezione dedicata alle immagini del motore di ricerca.

Una volta effettuate queste operazioni, dovrai verificare che il tuo sito sia il più performante possibile, evitando ritardi nel caricamento delle immagini o della pagina ( spesso dovuti a contenuti troppo pesanti), rendendo il tuo sito sicuro, grazie al certificato https, e leggibile da ogni dispositivo (quindi sia PC, che tablet e smartphone).

 

Ottimizzazione SEO of-page

Una volta eseguite tutte queste operazioni, se hai scelto delle parole chiave poco competitive, potresti essere già arrivato in prima pagina su Google e sui nei risultati di ricerca. Ma se il tuo settore è abbastanza competitivo questo potrebbe non essere ancora accaduto. Non temere, però, perché riuscirai a raggiungere questo risultato grazie all’ultimo step.

Se il tuo sito non è ancora arrivato al primo posto, infatti, il motivo potrebbe risiedere nel fatto che non ha ancora abbastanza autorevolezza agli occhi di Google. Ma come risolvere questo problema? Molto semplicemente: attraverso la creazione di link esterni che rimandino al tuo sito, così da fargli acquisire autorevolezza. Questa tecnica si chiama Link Building e potrai metterla in pratica attraverso l’immissione di link su siti dedicati ai comunicati stampa, directory o più semplicemente attraverso scambi di link con altri siti web.

 

Ti potrebbe interessare

 

Come realizzare un sito web e le 4 caratteristiche necessarie

 

Sharing is caring!

 
Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

* Raccogliamo il tuo nome, la tua email e il contenuto del messaggio per tracciare i commenti postati sul nostro sito. Per informazioni controlla la nostra privacy policy. Per commentare ci dai il tuo consenso ad acquisire la tua mail. Per rimuoverla, fai richiesta.

*

Ho letto e acconsento alla privacy policy: Accetto

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.