Giovani senza lavoro cosa fare: Garanzia Giovani funziona?

I giovani senza lavoro in quest’ultimo decennio sono decisamente aumentati. Le proposte di legge ed i contratti per giovani come quelli per stage o Garanzia Giovani, spesso, vengono mal utilizzati dalle aziende: vediamo perché!

 

Giovani senza lavoro cosa fare: garanzia giovani funziona?

 

Per accedere a Garanzia Giovani il datore di lavoro deve fare richiesta e, spesso, tale richiesta viene accettata.

Chi ne può usufruire? 

Ne possono usufruirne i giovani con un età compresa tra i 15 ai 29 anni che siano residenti in Italia o i cittadini comunitari o stranieri con permesso di soggiorno in regola. Non si deve essere impegnati in altra attività lavorativa e dunque, si tratta, a tutti gli effetti, di un’ iniziativa concreta che dovrebbe aiutare ad entrare nel mondo del lavoro.

 

Giovani senza lavoro cosa fare: Garanzia Giovani funziona?

 

Cosa accade quando termina il contratto

Spesso però, terminato il contratto Garanzia Giovani ci si ritrova sistematicamente, e di nuovo, senza lavoro. Perché? Perché i contratti vengono concessi alle aziende senza monitorare il percorso di formazione vero e proprio che, talvolta, vede assunto un giovane già preparato e con competenze come apprendista, ma che potrebbe tranquillamente usufruire di un contratto regolare e non di “apprendistato“.

Sebbene si tratti dunque di un Piano Europeo nato per combattere la disoccupazione, i risvolti sociali  ed economici post Garanzia Giovani, si rivelano quasi un flop. Lo stesso discorso vale per i contratti per stagisti utilizzati molto spesso in maniera impropria per giovani che potrebbero, tranquillamente, essere introdotti nel mondo del lavoro con contratto normale. Le aziende prediligono queste forme di assunzione perché ovviamente, risparmiano dal punto di vista economico, senza vincolarsi, per il futuro, nei confronti del giovane lavoratore. Alla scadenza del contratto il  lavoratore torna a casa senza recriminazioni di sorta.

 

Monitoraggio dei contratti lavoro giovani non sufficiente

Ambedue le risorse “Contratto per Stagista ” e “Garanzia Giovani” andrebbero monitorati dalle istituzioni perché, di fatto, i giovani che hanno avuto esperienze negative a livello lavorativo con queste tipologie di contratto, sono moltissimi. Tant’è che spesso, dopo la prima esperienza con Garanzia Giovani o Contratti da Stagista,  si tende a rifiutarne una seconda per motivi ovvi: salario molto basso, ore di lavoro non rispettate, e alle volte, mancata formazione in ambedue i casi. Spesso i ragazzi si trovano a svolgere, senza alcun supporto formativo,   il loro lavoro in modo completamente autonomo ma pagati come apprendisti. Fortunatamente le cose non vanno sempre in modo negativo e,  in alcuni rari casi, al termine del contratto, si assiste anche all’assunzione definitiva da parte dell’azienda,

La formazione post diploma e post laurea talvolta si protrae per diverso tempo, con risultati a livello contrattuale e retributivo,  spesso deludenti.  Anche per questo, molti giovani decidono di cercare lavoro all’estero e, a tal proposito, può essere utile visionare questo  sito QUI.

 

Cosa fare per i giovani senza lavoro?

Il sistema lavorativo e contrattuale andrebbe rivisto. Il Governo si è impegnato a creare nuovi posti di lavoro per i giovani accorciando anche l’età pensionabile e forse, auspichiamo che magari  questa tipologia di manovre politiche, possano attenuare l’attuale tasso di disoccupazione specie per alcune fasce sociali e posizioni lavorativi. Indubbiamente, alcuni settori sono in crescita da questo punto di vista, come quello informatico, ad esempio,  mentre altri, vivono un regressione per via delle modificazioni dei mercati: è il caso, per citarne alcuni, del settore edile anche se per L’Istat si segnala una lieve ripresa,  ed anche di alcuni settori manifatturieri artigianali, editoriali, grafici etc.

 

Ti potrebbe interessare

 

Acquistare casa senza errori e in sicurezza

 

 

Sharing is caring!

Related Post

5 Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

* Raccogliamo il tuo nome, la tua email e il contenuto del messaggio per tracciare i commenti postati sul nostro sito. Per informazioni controlla la nostra privacy policy. Per commentare ci dai il tuo consenso ad acquisire la tua mail. Per rimuoverla, fai richiesta.

*

Ho letto e acconsento alla privacy policy: Accetto

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.