Come ristrutturare un vecchio portone di legno

Nelle vecchie case di paese, ma anche nelle zone centrali di alcune città in cui sono presenti dei bei palazzi d’epoca, capita di scorgere dei vecchi portoni in legno che possiedono talvolta qualche secolo di vita od anche di più. Nei paragrafi che seguiranno vedremo come ristrutturare un vecchio portone in legno, dandogli nuova vita e facendolo ritornare al suo originario splendore.

 

Come ristrutturare un vecchio portone di legno

 

Il portone in questione è di vecchissima fattura ma molto bello, ed  è stato realizzato in legno massello. Si trova in una casa di montagna ed è dunque soggetto ad intemperie specie in inverno. Nel corso degli anni  è stato gravemente danneggiato sia dalla pioggia che dai tarli, quest’ultimi, al suo interno, hanno creato delle vere e proprie gallerie, mentre la pioggia e la neve hanno fatto marcire i montanti inferiori del portone, sgretolando e scurendo il legno. Dunque il portone, come si può vedere dalle foto,  necessitava di un restauro urgente.

 

Come ristrutturare un vecchio portone di legno
Come ristrutturare un vecchio portone di legno   (foto Mara Mencarelli)

Cosa fare:

  • Portone da ristrutturare 
  • Rimozione pannello inferiore 
  • Creazione intarsio 
  • Passaggio anti-tarlo
  • Carteggiare
  • Stuccare
  • Verniciare

 

Come intarsiare e sostituire traverse su un portone danneggiato

 

Come si vede dalle foto, il pannello di copertura inferiore è stato completamente rimosso e poi successivamente sostituito con uno nuovo, in quanto era completamente rovinato. Il nuovo pannello è stato ottenuto da una tavola di legno massello delle dimensioni opportune, divisa in due e poi tinta.

Le traverse di sostegno laterali inferiori erano molto danneggiate e quindi sono state tagliate e sostituite su una metà del portone,  poi, successivamente, intarsiate a dovere con dei supporti in legno massello applicati nell’altra anta del portone.

Per compiere tale operazione è stato necessario, prendere con cura le misure ed inserire il nuovo pezzo di legno avvalendosi di colla vinilica, chiodi e morsetti, per poi lasciar asciugare per circa 24 ore. Ad asciugatura completa della colla si può procedere alle successive operazioni di restauro.

 

Legno mangiato dai tarli: inserimento di un tassello realizzato in legno
Legno mangiato dai tarli: inserimento di un tassello realizzato in legno
Carteggiare e verniciare il portone massello

 

Una volta praticate tutte le ristrutturazioni del legno attraverso tagli operati con sega a catena, scalpello ed intarsi, attendere l’asciugatura completa della colla. Successivamente si potrà   procede alla carteggiatura con levigatrice elettrica e carta vetrata a grana grossa per operare una completa rimozione del vecchio strato di vernice esistente e rendere piane ed omogenee le superfici del legno.

Si prosegue a mano carteggiando pazientemente le zone interne della bugnatura e le cornici. In seguito, si passerà all’interno del pannello (da inserire in basso), una vernice anti-tarlo, lo si inchioderà e si procederà  al trattamento di  tutto il portone con vernice impregnante anti-tarlo specifica di color rosso per dare al portone una colorazione mogano scuro che possa coprire anche eventuali imperfezioni.

Legno mangiato dai tarli: inserimento di un tassello realizzato in legno

 

Lucidatura vecchio portone in legno

 

Compiute le operazioni principali non rimane che posizionare il nuovo pannello inferiore e passare due o tre mani di vernice impregnate anti-tarlo attendendo che asciughi 24 ore tra una mano e l’altra. Infine, si potranno passare due mani di lucido sempre ogni 24 ore, lasciando asciugare bene e  procedere al montaggio delle manopole in ottone precedentemente disossidate e lucidate con del comune anti-calcare.

L’interno del portone ben mantenuto, è stato solo lucidato nuovamente senza subire grandi interventi tranne una stuccatura inferiore effettuata con stucco colorato per chiudere un foro abbastanza grande. Il risultato finale è decisamente soddisfacente il portone incorniciato nelle colonne con capitelli originali (scolpite a mano), fa una bella figura!

Allo stesso modo sono state trattate e ristrutturate le persiane e le finestre ma ne parleremo nel prossimo post.

 

Ti potrebbe interessare:

 

Come caratterizzare una parete con mattoni, legno, sughero, pietra

 

Legno: manutenzione e verniciatura “olio di lino cera d’api”

 

Sharing is caring!

Related Post

9 Commenti

  1. Giusy Loporcaro

    Mio padre è un amante del fai da te benchè non ci sia alcun nesso con il suo lavoro ( di concetto) ma ha una passione innata per aggiustare tutto!
    Devo fargli leggere il tuo articolo.

  2. Greta

    Lo sai che nella casa in montagna le porte della stanza erano in legno come questa della foto….. una vecchia casa di montagna…… una l’abbiamo fatta restaurare ma ne mancano ancora due, quella della cucina e quella del bagno…. seguiremo questi procedimenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

* Raccogliamo il tuo nome, la tua email e il contenuto del messaggio per tracciare i commenti postati sul nostro sito. Per informazioni controlla la nostra privacy policy. Per commentare ci dai il tuo consenso ad acquisire la tua mail. Per rimuoverla, fai richiesta.

*

Ho letto e acconsento alla privacy policy: Accetto

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.