Bonsai di Ficus Benjamina e Ficus Microcarpa: come coltivare potare, concimare i bonsai

5
Bonsai Microcarpa o ginseng
Bonsai di Ficus Benjamina e Ficus Microcarpa: come coltivare potare, concimare i bonsai

I bonsai piccoli alberi dalle esigenze svariate in base alla specie sono dei piccoli e decorativi elementi da inserire in casa in terrazzo o in giardino. La passione dei bonsai necessita di essere però alimentata da competenza, questo per non rischiare di commettere errori che possano rivelarsi dannosi per gli alberi in miniatura. Vediamo dunque il bonsai di Ficus Benjamina e Ficus Microcarpa due specie botaniche che, insieme ad altre tipologie di ficus, sono molto comuni nelle nostre abitazioni.

Bonsai di Ficus Benjamina e Ficus Microcarpa: come coltivare potare, concimare i bonsai

Il genere Ficus, originario dell’India, comprende circa 800 specie di alberi e arbusti sia sempreverdi che a foglia caduca, che si dividono in delicate e rustiche rampicanti e striscianti. La specie più adatta alla coltivazione per bonsai è sicuramente il Ficus Benjamina, pianta dal fogliame leggero ed elegante con foglie lucide e verdi.

Ficus Benjamina bonsai

Questa specie botanica presenta radici molto particolari per questo viene spesso coltivata come bonsai su roccia. Ma comunque tutti gli stili di bonsai sono adatti a questa specie. Il più importato in Italia è il Ficus retusa che ha vegetazione compatta ed il Ficus Formosanum.

  • Esposizione Il ficus Benjamina è una pianta /bonsai tropicale ama temperature elevate sopra ai 15 gradi. Non tollera la siccità e teme moltissimo gli sbalzi di temperatura per questo va posto in posizioni riparate e non ama la luce intensa.
  • Annaffiature del ficus Benjamina devono essere frequenti specie in estate : 2 volte al giorno. Nebulizzare le chiome due o tre volte al giorno evitando gli orari in cui l’effetto lente può danneggiare le foglie.
  • Concimazione: ogni 15 giorni in primavera estate.
  • Rinvaso. Procedere al rinvaso del bonsai di ficus Benjamina ogni 2 anni potando leggermente le radici e usando una miscela composta da due parti di argilla, due parti di torba ed una di sabbia.
  • Potatura. La potatura del bonsai di Benjamina va fatta facendo crescere fino a 6 o 7 gemme fogliari riducendole a 2 o 3 per rametto. I rami possono essere accorciati preferibilmente in inverno per evitare fuoriuscita di lattice.
  • Legatura Bonsai di Ficus Benjamina. Se si vuole legarla fare attenzione ai germogli attendendone la leggera lignificazione e procedere in ogni periodo dell’anno, facendo attenzione che il filo non penetri nel legno.

Come-ottenere-un-bonsai-da-talea

  • Moltiplicazione: può avvenire per margotta in primavera o per talea semi-legnosa in estate.
  • Parassiti e Malattie, i bonsai di Ficus da cocciniglie fioccose, batuffoli appiccicosi bianchi Sono esposti a malattie fungine dovute spesso a ristagni d’acqua.

Bonsai di Faggio Bonsai di Ficus e bonsai di Ginseng

Bonsai di Ficus Benjamina e Ficus Microcarpa: come coltivare potare, concimare i bonsai
Bonsai di Ficus Benjamina e Ficus Microcarpa: come coltivare potare, concimare i bonsai

Bonsai di ficus Microcarpa

Il ficus Microcarpa è una pianta resistente e rigogliosa di origine tropicale che nel suo habitat raggiunge proporzioni gigantesche, Le sue radici aeree lo rendono idoneo alla coltivazione su roccia. Il tronco è molto robusto, ed il fogliame di piccole dimensioni è coriaceo di un bel verde lucente. Una varietà del Ficus Microcarpa è il Ficus Ginseng facile da coltivare come bonsai.

  • Esposizione: Va posto d’avanti ad una finestra luminosa evitando il sole diretto, gli sbalzi di temperatura, così come le correnti d’aria. In inverno tenere tra i 18 e i 21 gradi ma sembra resista anche a temperature inferiori di circa 10 °. Evitare di far gelare il terreno.
  • Annaffiature molto abbondanti specie nel periodo vegetativo (primavera estate). In inverno attendere che il terreno si asciughi prima di irrigare di nuovo.
  • Concimazione bonsai Microcarpa: ogni 15 giorni in primavera estate e 1 volta al mese in autunno e inverno.
  • Rinvaso da effettuare in primavera con lieve potatura delle radici usando un terriccio per bonsai da interno o, in alternativa: 2 parti di argilla, due di torba, e due parti di sabbia.
  • Potatura: cimare sempre i germogli a 1 – 3 foglie ed eliminare regolarmente le foglie grandi. Si può procedere anche allo sfoltimento durante la crescita. Al momento del taglio fuoriesce del lattice che non necessita di essere tamponato. Sopporta anche potature drastiche da effettuare a inizio primavera.
  • Legatura ficus Mirocarpa bonsai: effettuare le legature solo sui rami lignificati e controllarle regolarmente in quanto la pianta cresce in fretta ed il filo potrebbe danneggiarla.
  • Moltiplicazione: si effettua con facilità in primavera estate per talea o margotta aerea.
  • Parassiti e malattie: spesso viene invaso dalla cocciniglia e necessita di prodotti specifici e rimozione manuale. E’ soggetto a malattie fungine e marciume delle radici favorite da ristagni d’acqua.

Bonsai al chiuso e all’aperto quali sono le differenze

5 COMMENTS

  1. I bonsai i hanno sempre affascinata, devo girare questa guida a mia zia che ha preso un bonsai e vorrebbe curarlo al meglio.

  2. Grazie per i preziosi consigli, era da tempo che vedevo il mio bonsai un po’ ingiallito. Ora so che fare

  3. Ciao mio figlio aveva un bel bonsai ma non ha pollice verde e purtroppo sta seccando, gli giro la tua guida

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.