Bonsai al chiuso e bonsai all’aperto quali sono le differenze

Si parla spesso di bonsai, alberi in miniatura di grande effetto estetico ma non sempre nell’acquisto si considera la loro natura arborea reale e dunque si deve far differenza di base tra i Bonsai al chiuso e bonsai all’aperto quali sono le differenze tra le due tipologie di alberi in miniatura.

 

Bonsai al chiuso e bonsai all'aperto quali sono le differenze
Bonsai al chiuso e bonsai all’aperto quali sono le differenze

Bonsai al chiuso e bonsai all’aperto quali sono le differenze

 

Dal punto di vista arboreo fisico i bonsai si suddividono in due grandi categorie: quelli che vivono al chiuso e quelli che vivono all’aperto. Si è portati a pensare che i bonsai da interno siano più delicati, ma non è esattamente così. proprio come quelli che vivono all’esterno necessitano di cure particolari temperature ed umidità specifica che può variare da specie a specie. Anche quelli da esterno, considerati “rustici”  necessitano di cure ed accorgimenti particolari specie nei mesi più rigidi o nelle giornate estive in cui la temperatura è alta.

I bonsai da esterno

Sono quelli che vivono agevolmente all’aria aperta e sono più difficili da ottenere. Sono di varia tipologia e tra essi i più noti sono:

  • Acero
  • Quercia
  • Olmo
  • Faggio
  • Abete
  • Aralia (anche interni)
  • Arancio
  • Bosso
  • Betualla
  • Buganvillea (anche interni)
  • Cedro
  • Camelia (anche interni)
  • Cipresso
  • Faggio
  • Frassino
  • Carrubo
  • Alcuni alberi da frutto

E molti altri. Ma considerate che le esigenze botaniche di una pianta non cambiano in base alla dimensione e che dunque molti alberi ed arbusti in miniatura da esterno possono essere coltivati come bonsai da esterno che vivono bene all’aria aperta. I bonsai possono essere acquistai, fatti nascere da seme, raccolti in situazioni naturali di “privazione”  o crescita spontanea, o ottenuti mediante talea.

I bonsai al chiuso

Alcuni bonsai da interni possono vivere all’aria aperta per la maggior parte dell’anno ma vanno posti all’interno nei mesi più freddi o quando le temperature troppo alte rischiano di farli soffrire. In questo caso una tettoia ombreggiata e la giusta irrigazione risolveranno il problema. Alcune tipologia di Bonsai dunque, non sono propriamente classificabili per interni o esterni anche se in genere quelli che provengono da zona a clima mite temperato sono da considerarsi bonsai da interno. Vediamone alcuni:

  • Melograno
  • Acacia
  • Biobab
  • Azalea
  • Gardenia
Bonsai al chiuso e bonsai all'aperto quali sono le differenze - legatura rami
Bonsai al chiuso e bonsai all’aperto quali sono le differenze – legatura rami

Come allevare i bonsai

  • Potatura: Qualunque sia la sua destinazione il bonsai si potano dalla primavera all’autunno e come molte piante, subito dopo il risveglio quando iniziano a vegetare di nuovo. Poteremo in genere, prima quelli da interno e successivamente quelli da esterno.
  • Rinvaso e radici: in genere vanno potate ogni volta che si procede al rinvaso per limitarne la crescita. Possono venir potate se sopraggiungono alcune malattie come il marciume delle radici. I rinvasi si effettuano a fine inverno o all’inizio della primavera.
  • Fertilizzare: dopo la potatura delle radici le piante non vanno fertilizzate dunque operate solo in condizioni di normalità iniziando dalla primavera e a cicli ripetuti durante l’ano evitando i 3 / 4 mesi invernali in cui le piante riposano. Usare solo fertilizzante specifico e ben diluito per evitare danni e bruciature alla pianta.
  • Annaffiature: i Bonsai necessitano di annaffiature costanti ed il pane di terra va mantenuto umido per evitare che l’alberello soffra. Ciò non toglie che è necessario evitare i ristagni idrici che farebbero marcire le radici.
  • Legatura dei rami: a legatura dei rami si effettua successivamente al risveglio primaverile. Generalmente va tenuta sull’albero per massimo 6 mesi e va rimossa prima che giunga l’inverno.

Ti potrebbe interessare

 

Bonsai: stili e tradizione

Sharing is caring!

 

5 Commenti

  1. Irene Argiropoulos

    Onestamente non ho mai amato molto i bonsai perchè mi piace che si manipoli la natura, per questo non ne possiedo ed anche se alcuni sono molto belli non penso che li acquisterei mai.

     

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

* Raccogliamo il tuo nome, la tua email e il contenuto del messaggio per tracciare i commenti postati sul nostro sito. Per informazioni controlla la nostra privacy policy. Per commentare ci dai il tuo consenso ad acquisire la tua mail. Per rimuoverla, fai richiesta.

*

Ho letto e acconsento alla privacy policy: Accetto

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.