Come scoprire se il tuo materasso è la causa del tuo mal di schiena

0
Come scoprire se il tuo materasso è la causa del tuo mal di schiena
Come scoprire se il tuo materasso è la causa del tuo mal di schiena

Una persona trascorre in media 27 anni della propria vita a dormire. Tenendo in considerazione l’aspettativa di vita media, si tratta di più di un terzo della propria esistenza! Un’attività che occupa una parte così preponderante della nostra quotidianità e che è responsabile del nostro benessere psico-fisico dovrebbe essere avere la priorità, seguendo delle regole fondamentali di igiene del sonno.

Indice

Materasso: disturbi del sonno e mal di schiena

L’Associazione Italiana di Medicina del Sonno pone la comodità del materasso tra i fattori fondamentali per assicurarsi un riposo notturno di qualità. Per tale motivo, dovresti rivolgerti a fonti specializzate come Guidasonno.it, per identificare il materasso più adatto alle tue esigenze e alla tua conformazione fisica.

Nella maggior parte dei casi, infatti, un materasso non idoneo può causare seri problemi alla schiena che, oltre ad impedirti di godere di un sonno effettivamente riposante, andando ad inficiare su tutte le tue attività quotidiane. I disturbi del sonno, infatti, oltre al mal di schiena, possono derivare anche da un materasso non idoneo. Scopriamo insieme come cogliere tutti i segnali tipici di un materasso non adatto alle tue esigenze.

Materasso: ad ognuno il suo

I tipi di materasso disponibili in commercio sono tanti quanti le tipologie di conformazione fisica esistenti al mondo. Di conseguenza, non esiste una soluzione che può valere per tutti. La convinzione  “ho pagato tanto per questo materasso e continuo a svegliarmi con ili mal di schiena” soffre di un errore di fondo e cioè che ciò che funziona per altri, potrebbe non andar bene per te. 

Per scegliere la tipologia di materasso più idonea, dovrai tenere in considerazione le tue personali caratteristiche antropometriche personali come il peso, la conformazione della schiena o la circonferenza addominale. Anche il fatto che tu forse soffra già di dolori articolari dovrà essere tenuto in considerazione al momento della scelta del materasso.

Hai tenuto tutti questi fattori in considerazione al momento dell’acquisto del materasso? Se la risposta è “no”, il tuo mal di schiena e la sciatalgia potrebbero essere causati dal fatto che il modello di materasso che hai acquistato non era semplicemente quello più adatto alla tua fisicità, nonostante la sua ottima fattura e qualità.

Materasso giusto per dormire bene
Materasso giusto per dormire bene

Rigidità del materasso

Una delle caratteristiche di un materasso che può essere causa di mal di schiena è anche il suo livello di rigidezza (o durezza). Per lungo tempo si è ritenuto che il materasso ortopedico, notoriamente più “duro”, fosse la risposta per chi soffre di dolori alla schiena a livello cronico.

Questa convinzione è stata poi smentita da una ricerca condotta in Spagna nel 2003 per la famosa rivista medica The Lancet, che ha dimostrato il contrario: un materasso di media durezza, che permette un buon grado di adattabilità alla forma del corpo, è lo strumento ideale per prevenire il mal di schiena o alleviare la condizione dei soggetti che soffrono di tale condizione a livello cronico.

Materasso troppo elastico

I materassi si dividono in due principali categorie: quelli che tendono ad adattarsi alla forma del corpo e quelli più elastici, che sono caratterizzati da una spinta di ritorno quando ci si muove durante il sonno.

Questa seconda tipologia ha la caratteristica di “restituire energia” a causa della compressione e conseguente espansione delle molle interne.

Anche se all’apparenza innocui, i micro-impatti che il corpo subisce rendono questa tipologia di materasso il modello meno adatto a chi tende a soffrire di mal di schiena.

Durata media materasso

Un materasso di buona qualità può durare fino a 10 anni. Trascorso questo lasso temporale, anche se all’apparenza potrebbe sembrare ancora in ottime condizioni, il consiglio degli esperti è quello di sostituirlo.

Il primo inconfondibile segnale è la sensazione di dolenzia o rigidità muscolare al risveglio. In questo caso, provvedi a sostituire il tuo modello prima che questi piccoli fastidi sfocino in un doloroso mal di schiena che si protrae nel tempo. 

Con il passare del tempo, infatti, la struttura del materasso potrebbe indebolirsi nella parte centrale, facendo sì che la schiena adotti una posizione erronea, perdendo dunque il suo fisiologico allineamento e causando dolori al rachide cervicale o lombare.

Le tipologie di materasso meno rigide presentano spesso persino degli affossamenti in corrispondenza della forma del corpo. Se invece si tratta di un materasso a molle, queste potrebbero spezzarsi o perdere di elasticità in svariati punti e causare una sbilanciata restituzione di energia al tuo corpo, che potrebbe andare ad impattare ossa ed articolazioni. 

Posizioni per dormire

Anche la postura gioca la sua parte! La posizione ideale in cui dormire per evitare di sviluppare (o peggiorare) una condizione di mal di schiena è quella a pancia in su e con le braccia lungo il corpo, in modo da sostenere bene la schiena e mantenere le vertebre in posizione allineata.

Evita assolutamente di dormire a pancia in giù: questa posizione ti costringerà a girare il collo in maniera innaturale per poter respirare, causando un allineamento scorretto delle vertebre ed una conseguente sensazione di dolore diffusa lungo l’intera colonna vertebrale. 

Come dormi: 6 posizioni che rivelano il carattere

Previous articleCome migliorare la velocità della tua rete internet quando lavori da casa
Next article5 cose da ricordare quando fai Shopping Online
Ciao sono Mara Mencarelli, founder di questo ed altri siti. Blogger, webeditor, freelance. La scrittura e lo sport sono tra i miei interessi principali. Per informazioni e collaborazioni scrivi a maraoya21@gmail.com

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.