Pacciamare: come quando e perchè

0
157
Pacciamatura

Arriva l’inverno, o magari siamo in estate e fa un caldo eccessivo, od ancora la primavera ci regala un pacciamaresacco di erbe infestanti: ecco tre motivi per pacciamare!

La pacciamatura si effettua in vari periodi dell’anno, sia nell’orto che nel giardino. Il pacciame è un materiale misto, spesso di natura organica che viene utilizzato per assolvere più funzioni, ed in base a dove dobbiamo paccimare e perché, si utilizza del materiale differente.

Pacciamare: come e quando? Bene! Il come, dipende dal tipo di pacciamatura che ci necessita. Se dobbiamo contrastare la nascita di erbe infestanti in un viale o in alcune aiuole, basterà pacciamare con dei piccoli sassi, delle scaglie di vetro colorato, dell’argilla espansa in grado di trattenere anche umidità. Ma se invece dobbiamo proteggere le piante dal freddo? In questo caso pacciamare perché si deve proteggere le radici delle piante dalle gelate, quindi si utilizzerà un pacciame contente materia organica in grado di generare un riscaldamento ed una protezione del suolo, come ad esempio lo stallatico misto a foglie e terra.

Ecco perché pacciamare!

Abbiamo visto perché pacciamare, le funzioni sono molteplici, inclusa quella di trattenere umidità ed evitare il dilavamento del suolo, abbiamo visto che i materiali sono vari, oltre allo stallatico e alle pietre, possiamo anche adottare foglie e cortecce, residui organici reperibili nel giardino, nell’orto o in falegnameria (trucioli e segatura). Quindi spiegato quando paccimare e perché vediamo anche come farlo.

Materiale per pacciamarepacciamare materiale

Come pacciamare il terreno

pacciamare segaturaCredo sia chiaro che la pacciamatura abbia funzioni poliedriche che servono a decorare, proteggere dal freddo, ma anche dal caldo eccessivo dell’estate, arricchisce il suolo di nutrienti grazie alla decomposizione del pacciame organico, l’unico accorgimento è quello di rinnovare di tanto in tanto il pacciame. Trascorso qualche anno, è bene interrarlo con la vanga e stendere un nuovo strato.

Ma come pacciamare il terreno? Semplice! Lo strato di pacciame va steso con il rastrello, dovrà essere di circa 5 o 10 centimetri ed andrà interrato un po’, solo così si potrà evitare che crescano delle erbe infestanti e che il suolo sia ben protetto. Intorno alle piante si avrà cura di lasciare il colletto delle stesse scoperto e, durante la semina, si scanserà il pacciame con il rastrello.

Le paccimature estetiche sono funzionali e decorative, adatte a giardini rocciosi o nei suoli in cui il prato, diventa un elemento decorativo che richiede troppe cure, in questo caso tale soluzione, sebbene diversa, è molto estetica e piacevole. Troviamo poi le pacciamature funzionali che si avvalgono dell’uso di teli di plastica di copertura, adottati per il suolo.

Pacciamatura: corteccia; legno in riccioli, telo di plastica.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!

* Raccogliamo il tuo nome, la tua email e il contenuto del messaggio per tracciare i commenti postati sul nostro sito. Per informazioni controlla la nostra privacy policy. Per commentare ci dai il tuo consenso ad acquisire la tua mail. Per rimuoverla, fai richiesta.

*

Ho letto e acconsento alla privacy policy: Accetto

Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.