Potature estive e riproduzione mediante talea

 

733896_445445555533015_301934393_n-600x450Le potature devono rispettare la natura delle varie specie vegetali, in virtù dell’età, del tipo di pianta, della stagione e del clima presente sul territorio. Alcune piante vanno potate nel periodo invernale quando sono in riposo vegetativo per poi subire altre potature contenute a “verde” quando il vigore vegetativo primaverile ed estivo lo richiede.
Gli alberi da frutto rientrano in questo genere di trattamento mentre i sempreverdi sono assoggettati generalmente alla sola potatura invernale.
Le piante da fiore gli arbusti in genere, oltre a subire la potatura invernale, avranno necessità di piccolo potature di aggiustamento della chioma nel periodo di fioritura con l’eliminazione di tutti i capolini fioriferi sfioriti, ciò consente di favorire altre fioriture e prolungarle per l’intera stagione. Questo perché se la pianta produce fiori che poi seccano sulla stessa è indotta a produrre i semi e a non fiorire ulteriormente.
Potature di contenimento andranno effettuate per tutta le primavera e l’estate su tutte le piante rampicanti, specie in quelle che presentano grande vigore vegetativo come ad esempio il glicine, l’edera, il gelsomino ed il falso gelsomino o trachelospermum, la bignonia, le rose rampicanti, la buganvillea etc.
Le potature andranno effettuate con cesoie ben affilate e sterilizzate onde evitare di recidere in malo modo i rami od infettarli.

 

Le talee estive

talea

[Credit foto ideegreen.it]

Durante il periodo delle potature primaverili ed estive i rami recisi possono essere utilizzati per sviluppare nuove piante preparando numerose talee che andranno inserite in terriccio soffice e drenato che andrà innaffiato frequentemente e mantenuto costantemente umido ma senza ristagni idrici. Eliminare le foglie basali e porre le talee in cassette ed in luogo ombreggiato e riparate dal vento per poi trapiantarle in vaso a radicazione avvenuta. Per favorire il radicamento di alcune specie (rose, ortensie etc. si potranno utilizzare degli ormoni radicanti acquistabili nei vivai e nelle agricole, in grado di favorire sensibilmente l’emissione delle radici.

Mara Mencarelli

Autrice, blogger, webeditor, freelance, amo scrivere da sempre, ma adoro anche ballare ed insegno caraibici. Ho una splendida famiglia con 3 figli. Mi appassiona l'arredamento, il giardinaggio, il fai da te, la medicina la psicologia, la cucina, la moda, lo sport, e molte altre cose di cui vi racconto e vi parlo nel mio blog. Hai una domanda da farmi o cerchi collaborazioni o pubblicità? Scrivimi! Ti risponderò quanto prima :-) Conctat me maraoya21@gmail.com

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *