Rosmarino “Rosmarinus officinalis” piante mediche

6
245

131275506_20706b992e.jpg

 

Il Rosmarino “rosmarinus officinalis” è una pianta arbustiva sempreverde che cresce spontaneamente o naturalizzata su gran parte  delle coste mediterranee. in Italia è presente allo stato selvatico dalla Liguria alla Calabria lungo il litorale sia tirrenico che adriatico e nelle isole. Appartiene alla famiglia delle Lamiaceae.

3041095666_120e492664.jpgRaggiunge altezze di 50–300 cm, con radici profonde, fibrose e resistenti, ancorante; ha fusti legnosi di colore marrone chiaro, prostrati ascendenti o eretti, molto ramificati, i giovani rami pelosi di colore grigio-verde sono a sezione quadrangolare.

Predilige climi caldi e asciutti pur amando l’umidità notturna caratteristica delle zone costiere, si è ben acclimatata anche nelle zone a regime continentale, dove però talvolta richiede una protezione invernale.

La raccolta di rosmarino si può fare tutto l’anno, mentre per l’estrazione dell’olio e la sua distillazione si preferisce il periodo della fioritura. I fiori sono molto piccoli di color azzurro violaceo e nascono all’ascella delle foglie ed hanno forma di piccoli calici.

L’impollinazione è entomofila poiché avviene tramite insetti pronubi, tra cui l’ape domestica, attirati dal profumo e dal nettare prodotto dai fiori. I frutti sono tetracheni, con acheni liberi, oblunghi e lisci, di colore brunastro.

Le foglie, persistenti e coriacee, sono lunghe 2–3 cm e larghe 1–3 mm, sessili, opposte, lineari-lanceolate addensate numerosissime sui rametti; di colore verde cupo lucente sulla pagina superiore e biancastre su quella inferiore per la presenza di peluria bianca; hanno i margini leggermente revoluti; ricche di ghiandole oleifere.

 

Ama esposizioni in pieno sole al riparo di muri dai venti gelidi; terreno leggero sabbioso-torboso ben drenato; poco resistente ai climi rigidi e prolungati.

Si può coltivare in vaso sui terrazzi, avendo cura di porre dei cocci sul fondo in modo da ottenere un  drenaggio ottimale, rinvasando ogni 2-3 anni, usando terriccio universale miscelato a sabbia.

Effettuare concimazioni mensili con fertilizzante liquido miscelato all’acqua delle annaffiature, che saranno controllate e diradate d’inverno.

In primavera si rinnova l’impianto cimando i getti principali, per ottenere un aspetto cespuglioso, senza dover ricorrere ad interventi di potatura.

Si moltiplica facilmente per talea apicale in primavera ponendo i rametti in un miscuglio di torba e sabbia; oppure si semina in aprile-maggio, si trapianta in settembre o nella primavera successiva.  Si può optare anche  per la divisione  dei cespi in primavera.

 

Utilizzazione in cucina

in cucina è una aromatica indispensabile serve per insaporire arrosti, umidi, stracotti, salse, minestre burro olio, pesce.

Il vino di rosmarino è una bevanda corroborante tonica e valida per lo stomaco, la si prepara mettendo a macerare in un litro di vino bianco alcuni rametti di rosmarino per 15 giorni. Possiede proprietà stimolanti, digestive e nervine, utile nella preparazione di lozioni anti acne.

 

IMAG0447.jpg


 

6 COMMENTS

    • meno male mi fa piacere; sai le piante sono così, dipende se trovi l’esposizione ed il terreno giusti per loro…

       

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!

* Raccogliamo il tuo nome, la tua email e il contenuto del messaggio per tracciare i commenti postati sul nostro sito. Per informazioni controlla la nostra privacy policy. Per commentare ci dai il tuo consenso ad acquisire la tua mail. Per rimuoverla, fai richiesta.

*

Ho letto e acconsento alla privacy policy: Accetto

Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.