Come arredare casa da soli: 10 errori da evitare

Arredare la casa è sicuramente un evento piacevole che può però causare stress specie se non si procede nel giusto modo e si commettono degli errori banali come quelli che andremo ad esaminare in questo articolo sull’arredamento e la casa. I fattori da considerare sono diversi e di facile individuazione: vediamo quali sono i 10 errori da evitare e cosa considerare quando si arreda casa da soli.

Indice dell'articolo

video

Come arredare casa da soli: fai da te o arredatore?

Sicuramente un designer d’interni o un arredatore, data la competenza, potrebbero ottimizzare gli spazi e scegliere il meglio per arredare la casa, ma alle volte le soluzioni indicateci dagli altri, anche se a prima vista risultano piacevoli, non sempre interpretano a pieno le nostre esigenze.

Il fai da te permette invece di risparmiare, ma anche di creare degli spazi su misura per noi, l’importante è agire con criterio e pianificare gli arredi e gli ambienti, tenendo conto anche del proprio budget. Luce, colori, dimensioni, limiti strutturali, aperture di porte e finestre sono tutti elementi da considerare.

Arredare casa da soli ecco i 10 errori da evitare

arredare casa il colore pareti
Pareti tinte effetto acquerello credi donnananopress
  1. La prima cosa che è necessario fare è quella di prendere le misure di ogni ambiente considerando ogni piccolo elemento. Lo spazio a disposizione condiziona fortemente la fruibilità degli ambienti e il loro arredamento determinando la scelta dei mobili.
  2. Porte e finestre sono da prendere in considerazione in quanto non è possibile collocare divani, tavoli e sedute in prossimità di queste strutture se non con il dovuto spazio e gli accorgimenti del caso che consentono di fruire comodamente sia del passaggio che della funzionalità del mobile.
  3. La luce naturale è un altro importante elemento da considerare per non commettere errori. se dovete arredare la casa e decidere anche quale destinazione d’uso affidare alle stanze dovrete tenere conto dell’esposizione dell’alloggio e di ogni singolo ambiente nonché della quantità e tipologia di illuminazione naturale. Meglio scegliere l’ambiente più luminoso per il soggiorno, lo studio, la cameretta dei ragazzi e destinare, ad esempio, ambienti meno luminosi alla camera da letto, ai bagni o alle cucine.
  4. Scale, ingressi e corridoi possono contribuire a dilatare gli spazi e disimpegnare gli ambienti se arredati con criterio e resi funzionali, evitando di riempirli di mobilio e limitarne il passaggio: una casa funzionale è una casa in cui si vive bene!
  5. Ogni mobili va pensato, misurato e valutato per funzione, dimensione e colore. La prima cosa da fare dunque è quella di prendere di volta in volta le misure della stanza da arredare e vedere quale tipologia di mobili è indicata all’inserimento in quel contesto considerando sempre i limiti determinati da luce, spazio, fruibilità infissi e fruibilità dei mobili stessi come ad esempio l’apertura delle ante di mobili e armadi, l’apertura dei cassetti, lo spazio necessario intorno ad un tavolo per potersi sedere comodamente etc.
  6. La scelta dei colori d’arredo, sia per quanto concerne il colore delle pareti che il mobilio stesso dovrebbe essere operata in relazione alla luminosità degli ambienti e alle dimensioni degli stessi. I colori scuri tendono a restringere e incupire gli spazi e non sono indicati in luoghi piccoli. I colori chiari dilatano gli ambienti e forniscono una maggiore luminosità.
  7. Sottotetto e mansarda. I sottotetto e le mansarde necessitano di un’accortezza maggiore in fase di arredamento e allestimento. Sono spazi che presentano altezze diverse e possono richiedere anche l’ausilio di mobili realizzati su misura o componibili. In questo caso un’attenzione particolare va rivolta agli infissi specie alle finestre da tetto sotto le quali sarebbe opportuno non inserire i letti.
  8. Non progettare le prese elettriche e l’illuminazione. Si tratta di un errore comune che costringe, successivamente a correre ai ripari con prolunghe e fili. I punti luce come lampadari ma anche piantane da terra e lumi da tavolo vanno pianificati prima di arredare la casa in relazione al tipo di stanza e alla funzione che ad essa viene assegnata. utili un lampadario centrale, ma necessari anche altri punti luce e numerose prese in ambienti come soggiorno e cucina, (ad esempio).
  9. Disporre i mobili solo sul perimetro. i mobili vanno disposti non solo intorno ad una stanza ma collocare anche centralmente creando un buon bilanciamento degli spazi in uso rispetto a quelli liberi.
  10. L’ultimo accorgimento è quello che riguarda il proprio budget: alle volte si rischia di investire tutto su un solo ambiente in fase iniziale. Il risultato sarà quello di riuscire ad arredare solo parte della vostra casa. Pianificate bene i costi e, magri inserite in ogni ambiente, per iniziare, solo le cose più necessarie come tavolo e divano in soggiorno, rimandando la scelta delle libreria, o letto ed armadio in camera da letto rimandando la scelta di poltroncine comò e quant’altro.
Arredamento stile navy
Arredamento stile navy

Lo stile da scegliere

L’ultimo consiglio che mi sento di darvi è quello che riguarda lo stile d’arredamento. Attenzione a non mescolare troppo e a scegliere un solo stile o al massimo un paio per arredare la vostra casa. Anche lo stile può essere influenzato dalla luminosità degli ambienti. Nei loft e nei grandi ambienti “unici” le regole d’arredamento sono strutturate diversamente ti potrebbe essere utile leggere: i loft uso e arredamento!

Meglio prediligere ad esempio, stili come lo shabby chic per il soggiorno, la camera o la cucina, se si vuole illuminare la casa, o optare per uno stile minimal se gli ambienti da arredare sono molti e se non vi piacciono i mobili troppo artefatti. Perfetto lo stile rustico o etnico per una casa in campagna o in montagna, e utili i mobili multi funzione per ambienti di piccole dimensioni.

Ti potrebbe interessare anche questo articolo: Arredamento 10 consigli migliori: creatività, stile, riciclo, mobili.

Mai avere fretta

Un errore frequente è quello di fare le cose di corsa, farsi conquistare da un mobile piuttosto che da un’altro ed operare, in questo modo, delle scelte affrettate che con il tempo si rivelano sbagliate. Pianificare è la parola d’ordine, fare tutto con calma, ed attenzione tenendo conto di tutte le possibilità presenti e delle attenzioni ai dettagli che abbiamo citato.

5 COMMENTS

  1. io purtroppo ho sempre la brutta abitudine di fare le cose di fretta anche per arredare casa di sicuro seguiro’ i tuoi preziosi consigli grazie

  2. Sono passati anni ormai da quando ho arredato la mia casa , ricordo che non è stato facile abbinare i mobili che già avevo con quelli che doveo acquistare . Davvero molto utile questo articolo, terrò sempre presente i tuopi preziosi consigli . Un saluto, Daniela.

  3. Noi ci siamo arredati casa da soli ma con calma abbiamo fatto subito cucina, camera e bagno e il resto a seconda delle esigenze che saltavano fuori.

  4. La mia amica è in fase di ristrutturazione del nuovo appartamento e poi procederà con l’arredo per cui il tuo articolo le sarà di aiuto.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.