Come fare pace dopo una litigata: 10 trucchi semplici ed empatici

5
Come fare pace dopo una litigata: 10 trucchi semplici ed empatici
Come fare pace dopo una litigata: 10 trucchi semplici ed empatici

Capita di litigare sia tra fidanzati che tra amici. Marito e moglie possono litigare per vari motivi, dalla gelosia alle incombenze familiari. Gli amici possono discutere per punti di vista divergenti, i fidanzati per liti di gelosia od altro. Qualunque sia la causa del litigio, ci sono tattiche che aiutano a far pace e, soprattutto, a comprendere l’altro.

Il mondo e bello perché è vario, cita un detto noto; partendo da questo presupposto, si comprende il perché si litighi con estrema facilità. Fare pace, dovrebbe essere altrettanto semplice, ma richiede una bella dose di empatia, intelligenza e predisposizione all’ascolto. Vediamo come fare pace dopo una litigata.

Come fare pace dopo una litigata

Da che mondo è mondo si litiga, ed è normale che sia così. Lo scontro dovuto ad opinioni, atteggiamenti o pensieri diversi, può indurre a litigare. Spesso le liti sono causate da interesse, altre volte da gelosia, altre volte ancora, semplicemente da incomprensioni.

La gelosia è un’insicurezza che nuoce al rapporto e che in alcuni casi, si può rivelare patologica. E’ un genere di problematica che riguarda le coppie giovani, in quanto i rapporti di lunga data, spesso, riescono nel tempo a trovare un equilibrio in tal senso.

Le divergenze di opinione invece, fanno parte del vivere comune ed andrebbero accettate e valutate. Ecco perché tra i 10 trucchi semplici ed empatici per fare pace, si colloca proprio la capacità di accettazione del pensiero diverso dal nostro. Ma vediamo i 10 trucchi per far pace uno per uno e, come fare pace dopo una litigata.

Come fare pace? 10 trucchi semplici ed empatici

So bene che spesso, quando si discute, si è convinti di stare dalla parte della ragione, anche se in una percentuale di persone questa convinzione non c’è, ma nonostante tutto si porta avanti il proprio discorso per orgoglio o per furbizia. Ma se poi ci si pente di aver litigato e si decide di voler far pace? Vediamo i 10 trucchi semplici da tenere a mente.

1# Capacità di ascolto

La regola numero uno ed il trucco principale per non litigare o per fare pace dopo una lite è porsi dalla parte di chi “ascolta”. L’ascolto, attuato a mente fredda, e non presi dalla foga della discussione, ci permette di comprendere meglio le motivazioni dell’altro che non devono, per forza di cose, coincidere sempre con le nostre.

Le persone ipersensibili (di cui vi abbiamo parlato) hanno un modo diverso di percepire situazioni e discussioni, ma devono comprendere che il resto del mondo è diverso da loro.

2# Accettazione del pensiero altrui

Il secondo punto fermo di un rapporto, e della volontà di fare pace, è quello di riuscire ad ascoltare ed accettare il pensiero altrui. Siamo esseri pensanti con necessità e punti di vista differenti che possono anche non coincidere. Questo non li rende sbagliati per forza di cose, ma semplicemente “diversi”.

3# Mettersi nei panni dell’altro: empatizzare

Sia che siate in accordo con il pensiero dell’altro che non, dovrete tentare di empatizzare con il vostro interlocutore. Ogni discussione, ogni sfogo, è mosso da motivazioni spesso ben tangibili.

Il nostro egoismo così come l’orgoglio, andrebbero messi da parte. Dovremmo cercare di calarci nel pensiero altrui “camminare nei suoi mocassini” come dice un detto indiano, ossia provare empatia.

4# Smussare gli angoli

Abbiamo ascoltato, compreso ed empatizzato, ma nonostante questo, sentiamo sempre di essere dalla parte della ragione? Può darsi che le cose stiano così, o può darsi che la nostra percezione dell’essere dalla parte del giusto sia errata: cosa fare? Smussare gli angoli, cercare, nonostante tutto, di venirsi incontro.

5# Trovare un compromesso

Siamo essere pensanti ed intelligenti e ciò dovrebbe porci sempre al di sopra delle discussioni. Passato l’attimo “incendiario” quello in cui la nostra amigdala (cassetto segreto delle nostre emozioni) prende il sopravvento sul buon senso, dovremmo cercare di mediare con il nostro interlocutore e far pace cercando un compromesso che possa essere valido per entrambi.

6# Imparare a scusarsi

Eh, detto così è davvero semplice: abbiamo litigato e vogliamo far pace? Cominciamo con il chiedere scusa per le corbellerie che ci sono uscite dalla bocca. Voi non dite corbellerie quando litigate? Beh, vi sorprenderà sapere che il 99 % delle persone lo fa.

Per avere ragione, o sentirsi dalla parte “vincente”, spesso si finisce per dire e fare cose che non si pensano, non sono corrette ne sensate. Imparare a scusarsi con un “mi dispiace”; “ho sbagliato”; “ho detto cose che non pensavo”; può risultare come un’azione vincente per fare pace.

7#Prendersi le proprie colpe

Volete davvero fare pace? Iniziate assumendovi le vostre responsabilità e prendendovi le vostre colpe che, sicuramente, ci sono. In genere, la verità di una lite è celata dietro errori comuni, parole sbagliate, incomprensioni, incapacità di ascoltare e mediare.

Prendersi la propria responsabilità e una dose di colpa, aiuterà a risanare il rapporto. Come fare pace dopo una litigata? Magari trovando il modo di farsi perdonare.

8# Farsi perdonare

Avete torto? Avete ragione? In ambo i casi sicuramente avrete detto o fatto anche voi qualcosa di sbagliato. Se volete bene alla persona con cui avete discusso animosamente, trovate il modo per farvi perdonare attraverso gesti e parole. Alle volte basta davvero poco!

9# Giocare sui lati positivi del proprio rapporto

Rapporti di coppia, di amicizia o di lavoro, quando si litiga si equivalgono per quel che concerne “i lati positivi del rapporto“. Ogni rapporto di lavoro o di amore è composto da mille sfaccettature, alcune pesanti che magari generano le liti, altri di condivisione, entusiasmo, amicizia ed amore.

Sono questi elementi positivi che, dopo una lite dovrete tenere a mente e tentare di portare alla mente di colui con cui avete litigato.

Cosa dire? “beh tutto sommato ci vogliamo un gran bene“; “considerando tutto non valeva la pena discutere…facciamo così e risolviamo la cosa…“; od anche questo: “ok anche se non condivido facciamo come dici tu perché per me è più importante il rapporto con te che il fatto in se“; queste le frasi e molte altre con cui argomentare i lati positivi di un rapporto messo in “crisi” da una lite.

10# Dire ti voglio bene

Dietro ai rapporti di amicizia o di amore, ma talvolta anche di lavoro, c’è affetto, ed amore profondo. Non ci dimentichiamo MAI di dire “ti voglio bene“, “mi dispiace che sia accaduto ciò”. Non volevo, non mi sono spiegato bene, e così via.

L’orgoglio non ha mai reso migliore nessuno, l’autocritica, le scuse e la capacità di dire “ti voglio bene” invece si!.

Abbiamo visto come fare pace dopo una litigata, i modi per scusarsi ed i 10 trucchi semplici ed empatici che ci mettono in contatto emotivo ed empatico con l’altro facendoci ritrovare la tranquillità e la serenità.

Ti potrebbe interessare

La coppia ed i problemi dovuti a sensibilità ed empatia diverse

Previous articleCane e cibi naturali utili per la sua salute
Next articleIl giardino è lo spazio verde che ci riporta nell’habitat naturale per vivere meglio
Ciao sono Mara Mencarelli, founder di questo ed altri siti. Blogger, webeditor, freelance. La scrittura e lo sport sono tra i miei interessi principali. Per informazioni e collaborazioni scrivi a maraoya21@gmail.com

5 COMMENTS

  1. Ti devo confessare che in più di 11 anni io e mio marito siamo sempre riusciti a non litigare, ci capiamo, supportiamo e soprattutto sopportiamo su tutto ed è molto bello trovare una persona così!

  2. Io non sono brava a litigare, dopo 5 minuti mi dimentico il motivo e passa tutto in cavalleria. Per fortuna ho vicino persone che sono più o meno come me 😀

  3. Non avevo mai letto un articolo al riguardo ma come sempre tu mi stupisci con i tuoi consigli! Prenderò spunto da quanto hai suggerito!

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.