Miti e Leggende: la quarta fatica di Eracle, il cinghiale di Erimanto

eracle 4 faticaDopo la cattura della Cerva Cerinea, il re Euristeo iniziava a temere la possenza dell’eroe, e la paura di essere spodestato faceva breccia nel suo cuore. Così chiese ad Eracle, di catturare questa volta il ferocissimo cinghiale di Erimanto. La fiera terrorizzava le campagne circostanti il monte che aveva scelto come rifugio, ed i contadini acclamavano a gran voce la sua neutralizzazione. Così Eracle si incamminò verso le pendici del monte. Dopo un lungo viaggio, si trovò a chiedere asilo presso un gruppo di centauri, capeggiati da Chirone e Folo. I due stavano organizzando un grosso banchetto tra i loro simili. I centauri sono avvezzi per loro natura ad essere aggressivi e a cadere vittime dei fumi dell’alcool. Data la presenza dell’eroe, che Chirone conosceva bene, le leggi dell’ospitalità imposero che egli stappasse un grosso orcio di vino. I festeggiamenti durarono a lungo, ma quando i centauri bevvero vino a sufficienza per perdere la ragione, scoppiò il putiferio. Grida, risse e violenza fecero da nuove padrone di casa, e Eracle in mezzo a tutto quel tumulto, iniziò a scagliare le frecce avvelenate nel sangue dell’idra. Molti furono colpiti, e con rammarico dell’eroe, perirono anche Chirone e Folo stessi. Dopo una notte di riposo, Eracle si rimise in cammino verso il monte Erimanto.

Eracle cattura il cinghiale di Erimanto

Giunto alle pendici della montagna, l’eroe si trovò di fronte ad un arduo cammino; il clima era rigido, il terreno aspro, e pieno di sporgenze e crepacci. Alla fine verso la sommità dell’ Erimanto, il cinghiale era proprio lì, che si rotolava nel terreno limaccioso. Eracle con un balzo cercò di saltargli sopra, ma la bestia in un lampo si spostò dalla traiettoria, e corse via. L’eroe l’ inseguì senza sosta, e alla fine riuscì a colpirlo con una grossa botta sul capo. Una volta che fu stordito, lo legò con delle pesanti catene, e se lo caricò sulle spalle robuste; Era pronto per essere condotto a corte. Quando Euristeo seppe del successo di Eracle, si nascose in un orcio di terracotta, e ordinò che il cinghiale venisse portato altrove. La quarta fatica era compiuta.

​Written By Mirco Angelosante

Ti potrebbe interessare

 

Dopo il successo avuto con il Leone di Nemea, Euristeo indispettito, decise di proporre un colpito più arduo al giovane Eracle, nel tentativo di privarlo della vita. Infatti egli chiese all’eroe, genuflesso presso il suo trono, di uccidere la terribile…

16/10/2015

Genesi ed di Eracle Vivevano un tempo a Tebe, un tal Anfitrione e la sua bella moglie Alcmena. Alcmena era talmente bella da attirare gli sguardi rapiti di Zeus, padre degli dei. Tra i vizi di Zeus, vi era quello delle belle donne…

Come terza delle sue dodici fatiche, Euristeo impose ad Eracle la cattura della Cerva Cerinea. L’animale era sacro a Diana, dea della caccia, ed era considerato imprendibile. Il giovane eroe si mise subito sulle tracce della cerva…

 

Mara Mencarelli

Autrice, blogger, webeditor, freelance, amo scrivere da sempre, ma adoro anche ballare ed insegno caraibici. Ho una splendida famiglia con 3 figli. Mi appassiona l'arredamento, il giardinaggio, il fai da te, la medicina la psicologia, la cucina, la moda, lo sport, e molte altre cose di cui vi racconto e vi parlo nel mio blog. Hai una domanda da farmi o cerchi collaborazioni o pubblicità? Scrivimi! Ti risponderò quanto prima :-) Conctat me maraoya21@gmail.com

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *