Le 9 erbe infestanti comuni riconoscerle ed eliminarle

Giardini, prati, piante da vaso sono spesso costrette a sottostare alla presenza di erbe infestanti. Con tale termine si intendono erbacee sia annuali che perenni che tendono a crescere dove non dovrebbero ma, talvolta, le stesse specie vengono coltivate con cura nella loro giusta collocazione. Per eliminare le infestanti si può procedere manualmente, estirpandole dopo aver inumidito il terreno, usando del diserbante chimico ma si rischia di danneggiare anche le piante circostanti.

 

Le 9 erbe infestanti comuni riconoscerle ed eliminarle

 

Talvolta se si tratta diprati informali, lasciati crescere in modo naturale la presenza di infestanti non costituisce un problema, anzi! Fiori come quelli della Camomilla o del Papavero sono indubbiamente belli e molto decorativi, mentre molte piante infestanti hanno grandi proprietà fitoterapiche e sono delle officinali usate in erboristeria utili per star bene o per dimagrire. Vediamo insieme quali sono le 9 erbe infestanti comuni come riconoscerle, ed eliminarle dal nostro giardino o dal nostro prato.

 

Le principali erbe infestanti sono:

  • Camomilla:

La camomilla denominata Matricaria Chamomilla possiede un aspetto delicato dei capolini bianchi con al centro un bottone giallo. Si insidia nel periodo primaverile ed estivo propagandosi per seme dopo l’essiccazione del fiore. Questa pianta è una specie fitoterapica (Chamomilla Matricaria), dalle grandi proprietà antinfiammatori e rilassanti che produce dei bei capolini bianchi e gialli simili alle margherite. Diserbare meccanicamente estirpando le piante su terreno precedentemente inumidito o agire con diserbanti selettivi.

  • Ranuncolo

Il Ranuncolo denominato Ranunculus Acer, possiede anch’esso un aspetto grazioso ma quando nasce in luoghi indesiderati assume carattere infestante notevole. Propagandomi come le fragole, per rizomi e stoloni è molto difficile da eliminare e spesso l’estirpazione manuale non da i risultati dovuti

  • Veronica

La Veronica, definita anche Veronica Filiformis, una specie infestante in grado di sviluppare delle radici dai fusti ricadenti che infestano ogni zona in breve tempo. L’estirpazione manuale andrà fatta con estrema meticolosità eliminando ogni residuo radicale. Utili i disseccanti su zone non coltivate.

  • Papavero

Il Papavero oPapaver rhoeas, è una pianta a portamento elegante con un bel fiore. Fiorisce nei campi e nei terreni a coltura fitta. Spesso compare nei giardini vasti, che presentino campi di grano nelle vicinanze. Fiorisce nel periodo estivo e per eliminarlo, si utilizzano diserbanti specifici, considerando che predilige i terreni coltivati a graminacee. Meraviglioso se coltivato in giardini e prati informali.

  • Ortica

Molto nota, la comuneOrtica “urtica dioica”, utilizzata anche in cucina per minestroni e ricette depurative, è un erba infestante resistente a causa dei rizomi che si insidiano nel terreno riproducendo nuove piante. Invade zone incolte ma non solo nel primo caso utilizzare erbicidi disseccanti nel secondo caso invece provvedere ad eliminazione manuale utilizzando dei guanti protettivi. Anche in questo caso, abbiamo a che fare con una pianta fitoterapica e medicamentosa.

  • Tarassaco

Questa pianta taraxacum officinalis è conosciuta oltre che con il nome comune di Tarassaco anche con quello di dente di Leone. viene raccolto in primavera ed utilizzato come insalata o verdura per la sua similitudine alla cicoria. Cresce nei prati ha capolini gialli ed è infestante, inoltre è presente per tutto l’anno a causa della sua vigoria e della sua moltiplicazione per seme da fiore secco in modo rapido, pochi giorni sono sufficienti a dar vita a nuove piante. L’estirpazione manuale da i suoi effetti se praticata tempestivamente altrimenti si dovrà ricorrere ai diserbanti specifici.

  • Convolvolo:

Il Convolovolo o Convolvulus arvensis o sepium sono due specie erbacee che colpiscono con predilezione i roseti arrampicandosi sugli steli degli stessi. Spesso non sono ben visibili fino alla loro fioritura, presentando steli sottili e piccolo fogliame, ma si manifestano quando fioriscono, con fiori campanulati di medie e grandi dimensioni di colore bianco o viola (le note campanelle). Non tagliare gli steli perché si provoca un irrobustimento della pianta, asportare meccanicamente eliminando la pianta dalla radice od utilizzare diserbanti selettivi.

  • Stellaria:

La Stellaria o Stellaria media, è una delle erbe infestanti più comuni. Si riproduce più volte nell’arco dello stesso anno, tappezzando completamente il terreno specie in tarda estate ed in autunno. data la sua diffusione sono stati messi a punto dei diserbanti specifici.

  • Gramigna

Il nome Gramigna è un nome volgare attribuito a moltissime specie erbacee utilizzante anche per la realizzazione di tappeti erbosi. Tra esser ricordiamo laGramigna Agropyrum, la più comune, utilizzata anche per uso fitoterapico. Con questo nome si intendono diverse specie infestanti provviste di stoloni e rizomi, che tendono ad espandersi crescendo ovunque. Per eliminarle dai tappeti erbosi far in modo che il manto sia ben concimato e annaffiato. Quando sale in superficie, estirpare manualmente. Durante il rifacimento dei tappeti erbosi utilizzare un diserbante specifico.

Ecco dunque le 9 infestanti più comuni più altre: Camomilla – Ranuncolo – Veronica – Papavero – Ortica – Tarassaco – Convolvolo bianco – Convolvolo viola – Stellaria – Gramigna

 

Sharing is caring!

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

* Raccogliamo il tuo nome, la tua email e il contenuto del messaggio per tracciare i commenti postati sul nostro sito. Per informazioni controlla la nostra privacy policy. Per commentare ci dai il tuo consenso ad acquisire la tua mail. Per rimuoverla, fai richiesta.

*

Ho letto e acconsento alla privacy policy: Accetto

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.