Talee d’autunno come riprodurre le piante a Settembre e Ottobre: Rose, Ortensie, Gerani

0
Talee d'autunno come riprodurre le piante a Settembre e Ottobre: Rose, Ortensie, Gerani
Talee d'autunno come riprodurre le piante a Settembre e Ottobre: Rose, Ortensie, Gerani

Alcuni mesi dell’anno sono perfetti per riprodurre le piante da talea. Le talee d’autunno da effettuare nei mesi di Settembre ed Ottobre tendono a radicare con una certa facilità, allo stesso modo delle talee che si effettuano ad aprile e maggio con l’arrivo della primavera. Alcune piante da fiore e specie botaniche come le rose, le ortensie ed i gerani, ma anche le margherite, le violette, le Begonie, Papiro, Philodendron ed altro, si riproducono con estrema facilità attraverso le talee, ancora di più se si procede nel periodo più giusto. Vediamo insieme le talee d’autunno e come riprodurre le piante a Settembre ed Ottobre attraverso talee di ramo, talee di foglia o propaggine, tutti questo semplici procedimenti.

Indice

Alcuni mesi dell’anno sono perfetti per riprodurre le piante da talea. Le talee d’autunno da effettuare nei mesi di Settembre ed Ottobre tendono a radicare con una certa facilità, allo stesso modo delle talee che si effettuano ad aprile e maggio con l’arrivo della primavera. Alcune piante da fiore e specie botaniche come le rose, le ortensie ed i gerani, ma anche le margherite, le violette, le Begonie, Papiro, Philodendron ed altro, si riproducono con estrema facilità attraverso le talee, ancora di più se si procede nel periodo più giusto. Vediamo insieme le talee d’autunno e come riprodurre le piante a Settembre ed Ottobre attraverso talee di ramo, talee di foglia o propaggine, tutti questo semplici procedimenti.

Come riprodurre le piante da talee a Settembre e Ottobre

I vivai sono pieni di specie botaniche da fiore e piante verdi, troviamo tante belle piante pronte a regalarci fioriture sia in primavera che in autunno, ma è innegabile che riuscire a riprodurre degli esemplari verdi o da fiore attraverso le talee in maniera autonoma, da sempre una certa soddisfazione.

Senza contare che la riproduzione di piante domestica, consente di preparare nuove piante per la primavera successiva risparmiando non poco, specie se riproduciamo da talea le ortensie, le rose o piante verdi d’appartamento, o comunque piante da fiore e non, che hanno un certo valore economico.

Gerani, Ortensie, Rose e piante verdi: riproduzione da talee a Settembre e Ottobre

Nei mesi di Settembre Ottobre le temperature sono ancora decisamente alte, ma il tasso di umidità inizia ad aumentare. Verso fine settembre le temperature medie si attestano intorno ai 25 gradi o poco più, le piogge cominciano a imperversare, ed il clima diventa ottimale per la riproduzione di nuove piante. Ottenere le piante da talea è facile, ancora di più se si procede nei mesi più giusti dell’anno.

Talee di geranio o altre piante
Talee di geranio o altre piante

Piante facili da riprodurre

Tra le piante più facili da riprodurre mediante talee in questi mesi autunnali troviamo in special modo le rose, le Ortensie, ma soprattutto i gerani. La riproduzione dei gerani per talea si effettua utilizzando delle porzioni di gambo con alcune foglie e terreno soffice ben drenato nel quale pianteremo i gambi.

Non servono sacchetti di plastica ed altri accorgimenti particolari se non quello di mantenere il terriccio umido per favorire la radicazione. Sarà necessario utilizzare cassoni o sacchetti solo nelle regioni a clima più freddo.

Talea di geranio
Talea di geranio

Rose e Ortensie

Per quanto concerne le rose e le ortensie. si potranno utilizzare anche degli ormoni radicanti per favorire appunto la radicazione, ma il più delle volte non servirà.

L’importante è collocare le talee in zona riparata, con buona luce e temperatura ottimale. I rametti di rosa e di ortensia dovranno essere di un certo spessore e non troppo sottili, questo per permettere al rametto di non disidratarsi con facilità e germogliare in poco tempo nel terreno soffice mantenuto umido.

Quali piante riprodurre a Settembre e Ottobre

Nei mesi di fine estate ed inizio autunno il giardino necessita di cure, allo stesso modo si potranno operare strategie per infoltire il prato attraverso la semina e la risemina, ed anche preparare il terreno concimandolo ed eliminando le infestanti.

Ma oltre ad abbellire il giardino con nuove fioriture, rinfoltire il prato, ci si deve preparare alla stagione invernale in arrivo. Pacciamare alcuni alberi e arbusti li proteggerà dal freddo, al tempo stesso, possiamo pensare a riprodurre le piante sia con le talee che con la separazione di bulbi, rizomi o cespi.

Quali piante riprodurre a Settembre Ottobre? Diciamo quasi tutte, comunque moltissime, tranne alcune come ad esempio gli agrumi e le Cycas Revoluta che richiedono le temperature estive per la riproduzione.

La riproduzione degli agrumi non è cosa facile, mentre lo è quella delle Cycas per separazione delle nuove piantine da effettuare tra luglio ed agosto.

Alcune specie botaniche sono più difficili da riprodurre, altre invece è semplice, basta avere alcuni accorgimenti in termini di temperature, umidità ed esposizione per generare nuove piantine per la stagione successiva.

Talee di foglia e talee di ramo

Se per le rose, le ortensie, i gerani, le piante da siepe e i cespugli vari, si procede con talee di ramo, per quanto riguarda altre specie è da preferire la talea di foglia, tra esse le violette, il papiro, il ficus, le begonie e begoniette e moltissime piante grasse decorative che vivono bene in casa, ma anche altre tipologie di piantine grasse da esterni.

Alcune specie come il gelsomino, trachelospermum, bignonia, piante rampicanti in genere, e alcune piante verdi, possono essere riprodotte per propaggine o anche immergendo un rametto in acqua aspettando che radichi come nel caso Philodendron o Filodendro sia a foglie piccole che grandi. La stessa cosa si può fare con i papiro, le margherite e i settembrini e molte altre piante.

La soddisfazione che si prova quando una nuova pianta prende vita grazie alla riproduzione per talea, propaggine, od anche seme, è sempre moltissima e, una volta avviata, non vi rimane che veder crescere la nuova pianta irrigarla concimarla re procedere ai rinvasi primaverili ogni 1 o 2 anni in base alla specie.

Come scegliere il terriccio giusto per fiori e piante

Previous articleAgata, Cristalli e Pietre: blu, rosa, gialla, rossa, nera, grigia e bianca, proprietà, utilizzi
Next articleGioielli nel Medioevo storia dell’arte orafa in Europa dai Romani ai Barbari, fino al Rinascimento
Ciao sono Mara Mencarelli, founder di questo ed altri siti. Blogger, webeditor, freelance. La scrittura e lo sport sono tra i miei interessi principali. Per informazioni e collaborazioni scrivi a maraoya21@gmail.com

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.